Le più belle Grotte Marine del Salento lungo la Costa Adriatica: non solo spiagge, paesaggi mozzafiato e mare cristallino

images/stories/puglia_Salento/GrottaZinzulusa01.jpg

Non solo spiagge, paesaggi mozzafiato e mare cristallino. La costa adriatica del Salento è altresì ricca di grotte, che anche quest’estate, secondo le ultime previsioni, saranno meta dei tanti turisti in vacanza nel salentino. Si tratta di grotte dalle forme bizzarre, con stalagmiti e stalattiti, spesso impreziosite da ritrovamenti archeologici e ispiratrici di affascinanti leggende, che tanti visitatori si divertono a scoprire.

 

(TurismoItaliaNews) Ecco allora le grotte più affascinanti della costa adriatica del Salento, assolutamente da vedere.

1. Grotta di San Cristoforo a Torre dell’Orso
Chi sceglie di visitare i Caraibi del Salento presso l’Araba Fenice Village a Torre dell’Orso, non può perdere la Grotta di San Cristoforo, tra le più note del versante adriatico. Allontanandosi sempre più dalla spiaggia della località marina e avvicinandosi alla scogliera, sarà possibile notare una roccia di bianco calcare che si presenta come una escavazione a pianta rettangolare. Pare che la grotta abbia avuto origine intorno al III secolo a. C. e che fosse luogo di preghiera di fedeli, come testimonia la presenza di numerosi graffiti scritti in greco e latino. La grotta, però, sembra fosse luogo frequentatissimo anche da marinai che si recavano presso il canale d’Otranto e che decidevano di lasciare le proprie testimonianze proprio sulle sue pareti.

La Baia di Sant'Andrea

La Grotta della Poesia a Roca Vecchia (Lecce)

2. Le grotte di Roca
La cittadina di Roca, che si trova proprio nel mezzo tra San Foca e Torre dell’Orso, è davvero ricca di grotte dalla storia affascinante. Una di queste è la Grotta della Poesia, considerata vero e proprio luogo rigorosamente da visitare sia per salentini che turisti. Questa grotta è una piscina naturale di inopinabile bellezza. La leggenda narra che la grotta fosse luogo preferito di una principessa che amava recarvisi per fare dei bei bagni. Alcuni uomini di intelletto amavano, però, ammirarla durante queste fughe rilassanti ed è per questo che le dedicavano frequentemente splendide poesie in suo onore. Da qui, il nome che conosciamo. Questa grotta possiede anche una “sorella gemella” distante solo 60 metri. Si tratta della Grotta degli Amanti, un’altra piscina naturale dove all’interno sono state scoperte trascrizioni di origine messapica, latina e romana.

3. Grotta Zinzulusa
È probabilmente una delle grotte più note del Salento e si trova sul litorale tra Castro e Santa Cesarea Terme. Il termine “zinzuli” proviene dal dialetto e significa “stracci”. Questo nome deriva dalla struttura della grotta, composta da stalattiti che pendono dal soffitto, come fossero, appunto, stracci. La grotta è suddivisa in tre parti: l’ingresso, ricco di stalattiti dove è presente un piccolo lago dall’acqua limpidissima; la cripta, una grande cavità caratterizzata da pareti alte 25 metri; il fondo, la zona finale della grotta, distante oltre 160 metri dall’ingresso e colmo di rocce cretaciche. Insomma, un luogo davvero da vedere e da scoprire, non solo per la sua struttura ma anche per la presenza di una fauna introvabile in altri posti del mondo.

La Grotta Zinzulusa

Torre dell'Orso

4. Grotta Romanelli
Vicino a quella della Zinzulusa, è presente anche un’altra grotta: Grotta Romanelli. Scoperta all’inizio del 900 da Paolo Emilio Stasi, questo luogo costituisce una grande testimonianza dell’epoca del Paleolitico. Tanto è vero che al suo interno sono stati trovati molteplici reperti di gabbiani artici e pinguini boreali. Inoltre, vi sono anche graffiti ed altri reperti come utensili e oggetti di sopravvivenza. È bene specificare che la grotta non è al momento accessibile al pubblico ma vale la pena comunque ammirarla da lontano.

5. Grotta dei Cervi a Porto Badisco
A Porto Badisco, a pochi km da Otranto, c’è anche la Grotta dei Cervi. Si tratta di un vero e proprio sito archeologico ricco di graffiti e diverse testimonianze storiche. Ogni immagine rappresenta scene di vita quotidiana che vanno dalla caccia alla pesca. A causa del numeroso transito di turisti, la grotta si è un po’ deteriorata col tempo ed è per questo che si sta istituendo una visita virtuale, ugualmente affascinante.

Torre dell'Orso, le Due Sorelle

Meravigliose: nel mare del Salento le Due Sorelle raccontano una storia d’amore

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...