Tuscia attrattore turistico senza età: eccellenze in vetrina con VisiTuscia per favorire l’incontro tra buyers e sellers

images/stories/varie_2019/VisiTuscia01.jpg

Una Tuscia davvero senza età. E non solo perché da migliaia di anni questo splendido territorio laziale racconta la storia unica degli Etruschi ed esibisce un patrimonio ambientale e culturale irripetibile, ma anche perché nell’anno del Turismo Lento strizza l’occhiolino a quella grossa fetta di popolazione che, lasciato il lavoro per la pensione, ama andare alla scoperta dell’Italia. VisiTuscia ha voluto intercettarla…

 

(TurismoItaliaNews) Da undici anni VisiTuscia, promossa dal Cat-Confersercenti, si pone come elemento cardine dello sviluppo e della promozione turistica del territorio in provincia di Viterbo mettendo in vetrina quanto di meglio può offrire attraverso la rete degli operatori economici di quel settore che si interfaccia con il turismo, Un vero e proprio trait d’union tra quelli che si identificano con i termini buyers e sellers, creando momenti d’incontro attraverso i quali toccare con mano i contenuti della vasta offerta.

Viterbo, il Palazzo dei Papa

Una fase del workshop di VisiTuscia 2019 a Viterbo

Il segmento d’ottobre ha avuto come cornice Viterbo, dove nelle Sale della Biblioteca si è svolto il workshop che ha visto la partecipazione anche di Fipac, la Federazione Italiana pensionati attività commerciali, con il presidente nazionale Sergio Ferrari e le varie articolazioni territoriali. “Questa partecipazione è per noi un’esperienza completamente nuova – sottolinea Ferrari – la nostra è una grande associazione al cui interno c’è una presenza molto significativa di pensionati, ovvero un grande patrimonio sociale, economico e culturale che abbiamo deciso di mettere in campo a partire proprio dall’esperienza di VisiTuscia. Parlaimo di un territorio relativamente piccolo nella provincia di Viterbo, la cui dimensione e collocazione si rivela un elemento significativo anche per due-tre giorni di permanenza per visitare luoghi di grande valenza. I pensionati in Italia – aggiunge il presidente nazionale di Fipac - sono oltre 16 milioni, ma statisticamente circa 7 milioni di loro fanno almeno una volta all’anno un viaggio, quindi il turismo è nella cultura delle persone che non lavorano più e che hanno più tempo da dedicare alle loro passioni. Ecco perché sono una grande ricchezza, anche dal punto di vista di socialità perché poi le persone che si ritrovano in gruppo per visitare i luoghi che hanno scelto, hanno la possibilità di creare una comunità ma anche oltre il viaggio u questo, in una società come quella odierna, è un fattore di grande rilevanza”.

Una fase del workshop di VisiTuscia 2019 a ViterboUna fase del workshop di VisiTuscia 2019 a Viterbo

Una fase del workshop di VisiTuscia 2019 a ViterboIl giornalista Antonio Castello cura la comunicazione di VisiTuscia

Vincenzo PeparelloGran patron e anima di VisiTuscia è Vincenzo Peparello, presidente di Confesercenti Viterbo nonché coordinatore tecnico di Buy Lazio, che sul tema del cosiddetto “silver tourism” crede moltissimo come ulteriore opportunità di crescita del territorio. “A questa undicesima edizione – ci dice Peparello – hanno partecipato una ventina di buyer arrivati da tutta Italia per incontrare una serie di operatori che rappresentano la Tuscia nella sua interezza e conoscere i pacchetti turistici che vanno dalle città d’arte alla cultura, dalla gastronomia al benessere termale. La provincia di Viterbo ha un mix di prodotti molto allettanti che possono interessare più fasce di popolazione, sia italiane che estere. E quest’anno, come tutti gli anni passati a partire dall’Anno del Cibo, l’Anno dei Cammini, l’anno dei Borghi – aggiunge Vincenzo Peparello - è stato proclamato Anno del turismo lento e quindi abbiamo voluto avviare una collaborazione con Fipac Confesercenti nazionale che rappresenta più di 130mila pensionati, una fascia di popolazione che viaggia tutto l’anno. Questa provincia può aspirare a diventare sicuramente un attrattore formidabile, basti considerare che è tra le nove province con la più alta concentrazione di siti culturali censiti…”.

I famosi Cavalli Alati al Museo Archeologico di Tarquinia

L'area archeologica di Ferento con il Teatro romano

In occasione di VisiTuscia, i partecipanti (inclusi giornalisti specializzati nel turismo) hanno potuto effettuare un educational in alcuni dei luoghi più suggestivi, a partire dalla stessa Viterbo con il Palazzo dei Papi e la magnifica cattedrale di San Lorenzo. E poi Bolsena (che dà il nome al lago su cui si affaccia) dominata dalla Rocca Monaldeschi della Cervara e con la Basilica di Santa Cristina, che conserva la testimonianza di quel Miracolo eucaristico, dalla quale la solennità del Corpus Domini si è estesa a tutta la Chiesa.

E poi Tarquinia con il Museo Nazionale Etrusco che conserva i famosi Cavalli alati, opera di laboriosa manifattura di arte etrusca che ornava l’Ara della Regina posta sul “Pian di Cìvita”; il sito archeologico di Ferento con il teatro romano e infine Castiglione in Teverina dove si trova il Muvis, il Museo del vino allestito nelle ex cantine dei Conti Vaselli, ritenuto tra i più grandi d’Europa. Le visite hanno consentito anche di incontrare le istituzioni locali - il sindaco di Viterbo Giovanni Arena, il vicesindaco di Tarquinia Luigi Serafini, il sindaco di Castiglione Leonardo Zannini – e di visitare alcune strutture ricettive di qualità.

Il vice sindaco di Tarquinia, Luigi SerafiniL'incontro a Castiglione in Teverina con il sindaco Leonardo Zannini

I produttori vinicoli di Castiglione in Teverina intervenuti al Muvis

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...