Milano da scoprire, le attrazioni insolite che nessuno conosce: a caccia del volto diverso della città ambrosiana

images/stories/lombardia/Milano_CasaDegliAtellani_VignaLeonardo02.jpg

Milano per vivere e Roma per il weekend. Per diversi anni, due tra le città più importanti d'Italia sono state descritte con questo stereotipo. Di fatto, alla prima sarebbe spettato il primato economico, mentre alla seconda quello politico-culturale. Tuttavia, si tratta di una visione piuttosto limitata che, fortunatamente, è stata superata, soprattutto dopo l'Expo del 2015, che ha mostrato un volto diverso della città ambrosiana. Ecco, quindi, alcune delle attrazioni più insolite che è possibile trovare nel capoluogo lombardo.

 

(TurismoItaliaNews) Del resto, Milano racchiude incredibili tesori, che vale la pena di ammirare almeno una volta nella vita. Tuttavia, oltre a quelli più inflazionati, che vengono costantemente sponsorizzati, ne esistono anche altri particolarmente interessanti, ma di cui si spesso si ignora l'esistenza. Ecco alcuni esempi concreti e soprattutto di grande effetto.

Milano, la Galleria "Vittorio Emanuele"

Milano, la Chiesa di San Satiro

1. Chiesa di San Satiro: 9 metri in 95 cm
Ma chi lo ha detto che la realtà virtuale è un'invenzione del ventunesimo secolo? Per rendersene conto basta visitare la Chiesa di San Satiro a Milano, posta a poca distanza dal Duomo, in via Torino. Infatti, ciò che colpisce di questo importante luogo sacro è proprio l'illusione ottica rinascimentale che fa sembrare uno spazio di appena 95 centimetri profondo addirittura 9 metri. Ad occuparsi della progettazione di questo meraviglioso edificio religioso è stato Donato Bramante nel 1480, che ha dovuto ingegnarsi, poiché l'ambiente ristretto non permetteva la costruzione di una vera e propria abside.

2. Ca' de l'Oreggia: a Milano anche i muri hanno orecchie
La città meneghina è ricca di sculture nascoste che meriterebbero di essere contemplate. Particolarmente interessante è quella posta presso Ca' de l'Oreggia, che fa capolino in via Serbelloni. Si tratta di un orecchio in bronzo della metà degli anni Venti sistemato in corrispondenza della porta d'ingresso. All'epoca veniva utilizzato come citofono, mentre oggi, pur avendo perso questa funzione, viene mantenuto per la sua singolarità, nonché per il suo incredibile valore storico-artistico. Del resto, non bisogna dimenticare che è stato realizzato dal celebre scultore Adolfo Wildt.

Milano, la Ca' de l'Oreggia

Milano, la Casa degli Atellani: la Vigna di Leonardo da Vinci

3. Vigna di Leonardo da Vinci: a spasso nel tempo
Uno dei luoghi più affascinanti e meno conosciuti di Milano è la Vigna di Leonardo da Vinci. L'artista, infatti, mentre si trovava nella città meneghina alla corte di Ludovico il Moro, per lavorare al celebre Cenacolo, ricevette in dono dal duca una vigna, posta nel cortile della Casa degli Atellani. Questa splendida attrattiva, poco conosciuta, è riuscita a resistere all'invasione francese ed anche ai bombardamenti del 1943. Di fatto, si tratta dell'unica vigna al mondo ancora esistente in una metropoli e consente di attuare un'esperienza davvero unica.

4. Ossario di San Bernardino: teschi in abbondanza
Per scoprire a pieno il lato più misterioso di Milano è bene visitare la Chiesa di San Bernardino alle Ossa, posta in Piazza Santo Stefano. La cappella di questo luogo sacro è piena di ossa, che sono state recuperate dalle fondamenta scavate per edificare il nuovo campanile, eretto per sostituire quello crollato nel 1642. Secondo la tradizione, i teschi e le parti di scheletro incorporati tra eleganti decorazioni rococò, apparterrebbero a santi e martiri. Tuttavia, è più probabile che siano i resti di persone decedute nell'ospedale che in epoca medievale si trovava in questa zona.

Milano, la Chiesa di San Bernardino alle Ossa

Milano, la Stazione Centrale

5. Binario 21: il Memoriale della Shoah di Milano
Nella città meneghina c'è un luogo che merita particolare attenzione e rispetto, poiché riporta all'Olocausto. Si tratta del Binario 21 che si trova, come si può immaginare, presso la Stazione Centrale, al di sotto dei binari ferroviari. Da questo punto, tra il 1943 ed il 1945, partirono 23 treni diretti ad Auschwitz, Bergen Belsen ed altri campi di concentramento. Nei vagoni, ancora visibili, che originariamente erano destinati al trasporto postale, vennero stipate migliaia di persone perseguitate dai nazifascisti. Oggi questo importante binario ospita il Memoriale della Shoah.

Dormire a Milano: qualche consiglio per non commettere errori
Milano è ricca di attrazioni che attendono solo di essere scoperte ed ammirate. Per rendere ogni soggiorno nella città meneghina davvero speciale è bene trovare l'alloggio giusto. Di certo, le strutture ricettive non mancano. Del resto, negli ultimi anni è aumentata l'affluenza di turisti, che hanno cominciato a vedere il capoluogo lombardo come un centro, non solo economico e legato alla moda, ma anche estremamente importante dal punto di vista culturale.

Milano, il Castello Sforzesco

Le proposte sono numerose, ma non tutte sono in grado di garantire gli stessi comfort e servizi. Per avere la certezza di non dover scendere a compromessi, è importante prenotare per tempo, ma soprattutto scegliere un hotel Accor, un brand che assicura accoglienza ed elevati standard qualitativi, per un soggiorno nella città ambrosiana indimenticabile. Trovare un Hotel Milano d'eccellenza in questo modo è facile e veloce, anche per chi non vuole spendere una fortuna o per chi deve fare i conti con esigenze particolari.

 

In apertura: Milano, la Casa degli Atellani, la "Vigna di Leonardo"

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...