Pasqua a Trieste: un percorso dal sapore mitteleuropeo tra cultura, enogastronomia e attività outdoor dalla città al Carso

http://www.turismoitalianews.it/images/stories/friuli/Trieste02_PhPromoTurismoFvg.jpg

 

Il break di primavera può cominciare proprio da una passeggiata nell’elegante centro storico, rigorosamente col naso all’insù, per apprezzare gli storici palazzi neoclassici e dallo stile liberty, valorizzati dalla fruizione pedonale del centro città. Trieste è la meta perfetta per trascorrere il weekend di Pasqua unendo cultura, relax all’aria aperta ed enogastronomia, approfittando delle giornate primaverili che regalano un’aria frizzante alla città e al Carso, una meta molto particolare per tradizioni pasquali differenti tra di loro, dal sapore mitteleuropeo.

 

(TurismoItaliaNews) In questo periodo la città ospita addirittura tre grandi mostre. Prorogata fino al 30 giugno, la mostra dedicata ad Antonio Ligabue, con oltre sessanta opere, al Museo Revoltella di Trieste, è il viaggio artistico di uno dei più grandi artisti italiani del ‘900, un uomo, così folle e unico, che con la sua irrequietezza espressionista riesce ancora oggi a penetrare nelle anime di chi ammira le sue opere. Sempre al Museo Revoltella, a partire dal 22 febbraio 2024, è possibile visitare anche la grande mostra su Vincent Van Gogh, con una selezione di oltre cinquanta opere provenienti dal Museo Kröller-Müller di Otterlo. Infine, dal 29 febbraio il Salone degli Incanti di Trieste ospita la mostra “Sebastião Salgado. Amazônia”, a cura di Lélia Wanick Salgado e con la composizione musicale di Jean-Michel Jarre, un’immersione totale nella foresta amazzonica alla scoperta dell’immensa natura che la contraddistingue e della vita quotidiana delle popolazioni indigene.

Pasqua a Trieste: un percorso dal sapore mitteleuropeo tra cultura, enogastronomia e attività outdoor dalla città al Carso

Pasqua a Trieste: un percorso dal sapore mitteleuropeo tra cultura, enogastronomia e attività outdoor dalla città al Carso

Per rinfrancarsi del giro in centro c’è solo l’imbarazzo della scelta: buffet, caffetterie ma soprattutto i caffè storici triestini, una decina in tutto, che vantano la tutela delle Belle Arti e rigenerano corpo e spirito da quasi due secoli. Qui si possono acquistare i dolci pasquali della tradizione mitteleuropea, come i presnitz, la putiza, le titole, oltre che alla più versatile pinza, una focaccia dolce lievitata che si sposa benissimo anche con salumi e formaggi, elemento essenziale del pic nic fuori porta.

Per Pasquetta la meta d’elezione è il Carso, per una passeggiata all’aria aperta e una gustosa sosta nella propria osmiza preferita. Le osmize sono una vera istituzione del Carso transfrontaliero, case contadine e cantine private che aprono pochi giorni all’anno, offrendo prodotti di produzione propria come formaggi, salumi, uova sode e vino di casa, da gustare in compagnia nei cortili, nei vigneti e nei giardini eccezionalmente aperti al pubblico. Il nome viene dalla parola slovena osem, otto, che indicava il numero di giorni di apertura un tempo previsti per legge a queste attività per vendere al pubblico i propri prodotti.

Osmiza

Presnitz

La loro origine risale infatti al 1784, quando l’imperatore Giuseppe II d’Asburgo emanò un editto che consentiva ai contadini la vendita a terzi dei prodotti di propria produzione. Le abitazioni interessate dovevano esporre una frasca – pena la confisca della merce – la quale tutt’oggi contraddistingue queste attività e, mediante apposite frecce, fornisce agli avventori indicazioni su come raggiungerle. Oggi i regolamenti comunali sono più elastici a riguardo, la tradizione è rimasta e con l’arrivo della bella stagione il Carso si popola di tralci di edera e allegre frecce rosse ad ogni incrocio.

Per gli amanti della natura, non può mancare una passeggiata tra i profumi e i colori del Civico Orto Botanico Trieste, fondato nel 1842 e pronto a riaprire i cancelli per la bella stagione proprio il 1° aprile. Le passeggiate tematiche sono molteplici e di certo non mancheranno di stimolare la curiosità dei visitatori tra piante magiche, l’orto dei veleni, il giardino dei semplici, le piante tintori e le passeggiate Shakespeariane.

Pasqua a Trieste: un percorso dal sapore mitteleuropeo tra cultura, enogastronomia e attività outdoor dalla città al Carso

Non solo a Pasqua ma anche nel corso di tutta la primavera, Trieste è la meta perfetta per rilassanti gite fuori porta e passeggiate in città, ma anche per assistere a diversi eventi e manifestazioni. Tra questi Olio Capitale che, dall’8 al 10 marzo presso il Porto Vecchio di Trieste, raduna centinaia di produttori di olio extravergine di oliva provenienti da tutte le regioni olivicole italiane e dall’estero e il 28 marzo presso l’Hotel Hilton di Trieste, Teranum, un festival internazionale dal forte valore simbolico per scoprire i vini rossi del Carso.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...