Le Azzorre in festa: l’arcipelago portoghese di origine vulcanica dà appuntamento con i festival e le tradizioni delle sue isole

images/stories/portogallo/2024AcoresEmFesta_01.jpg

 

Eugenio Serlupini

“Venite a godervi le nostre bellezze naturali, storiche e culturali, nonché le nostre feste popolari”. L’invitante appello arriva dalle Azzorre, l’arcipelago di origine vulcanica nell’Atlantico settentrionale e una delle due regioni autonome del Portogallo. E siccome la promozione turistica si fa in ogni modo, nell’estate 2024 le Açores hanno scelto anche i francobolli per esortare i viaggiatori a raggiungere le isole collocate a circa 1.360 km a ovest della costa europea. I testimonial sono il festival sulla spiaggia di Formosa, a Vila do Porto, sull’Isola di Santa Maria; le Cavalhadas de São Pedro, le Cavalcate di San Pietro a Ribeira Grande, sull’Isola di São Miguel; la Festa di San Giovanni sull’Isola di Terceira, la Settimana dei balenieri sull’Isola di Pico, la Festa do Emigrante sull’Isola di Flores.

 

(TurismoItaliaNews) La spiaggia di Formosa, a Vila do Porto, è la cornice di “Maré de Agosto”, marea di agosto, il festival iniziato nel 1984 quando un gruppo di artisti delle Azzorre decise di organizzare un raduno di musicisti sull’Isola di Santa Maria. L'idea ha presto dato i suoi frutti e l'iniziativa ha riscosso così tanto successo che tutti i soggetti coinvolti hanno deciso da subito di farne un appuntamento fisso. Le prime edizioni si sono tenute in varie località dell’isola, ma la crescente popolarità del festival ha fatto sì che venisse scelta una sede permanente nel 1986, anno in cui Maré de Agosto ha iniziato ad accogliere anche artisti provenienti da più lontano. Da allora in poi il festival si tiene nella baia della spiaggia di Formosa, a pochi passi dal mare, uno scenario magico per i tanti che vi si avventurano.

Le Azzorre in festa: l’arcipelago portoghese di origine vulcanica dà appuntamento con i festival e le tradizioni delle sue isole

Le Cavalhadas de São Pedro a Ribeira Grande, sull’Isola di São Miguel, è una tradizione che risale al 1563, quando il vulcano Pico do Sapateiro (oggi Pico Queimado) eruttò seppellendo la parrocchia di Ribeira Seca, tragedia ricordata dallo storico Gaspar Frutuoso. “Inspiegabilmente – racconta Antonio Armindo Couto della Sezione Filatelica Angra do Heroísmo - la chiesa di San Pietro e l’immagine del suo santo patrono sono rimaste intatte dopo l’evento catastrofico. Per ringraziare San Pietro, gli abitanti di Ribeira Grande hanno organizzato una processione di cavalieri, accompagnati dagli amministratori del Divino Spirito Santo”. Le Cavalcate di San Pietro sono uno dei momenti salienti delle festività di Ribeira Grande e del corteo, che sembra ispirato ai tornei medievali: mette insieme cavalieri, lancieri, trombettieri e un re, che si fanno strada per il centro cittadino in costume, sfilando fino alla chiesa di San Pietro al suono delle trombe.

Sanjoaninas, ad Angra do Heroísmo, sull’Isola di Terceira, sono i festeggiamenti in onore di San Giovanni, risalgono al XVI secolo e si dice godessero del patronato del re João II, che ordinò la devozione al santo, decretando che si celebrassero feste popolari per commemorare la vittoria dei Cavalieri Ospitalieri sui Turchi. nel 1508. La Sanjoaninas è una delle più grandi feste religiose e secolari delle Azzorre. Ha sempre un tema – quest'anno ricorre il cinquantesimo anniversario della Rivoluzione del 25 aprile 1974 – e presenta un ricco folklore tradizionale, tra cui le marce di San Giovanni, la sfilata del seguito reale, il suono delle bande filarmoniche, l'incoronazione del Santo Spirito, una vasta gamma di piatti culinari e, naturalmente, le tradizionali corride. Gli eventi si svolgono nel mese di giugno e rappresentano una vera attrazione per i numerosi turisti che arrivano a Terceira per sperimentare e condividere usi e costumi locali.

Le Azzorre in festa: l’arcipelago portoghese di origine vulcanica dà appuntamento con i festival e le tradizioni delle sue isole

La Semana dos Baleeiros, ovvero la Settimana dei balenieri, a Lajes do Pico, sull’Isola di Pico, sono festeggiamenti che risalgono al 1882, quando una tempesta minacciò la vita dei balenieri che rientravano nel porto di Lajes, che invocavano disperatamente la protezione della Madonna di Lourdes. Quasi subito il mare cominciò a calmarsi e le barche riuscirono ad entrare in porto in tutta sicurezza. La devozione annuale alla Vergine fu integrata nei festeggiamenti della Settimana dei balenieri un secolo dopo, nel 1983. Sebbene da allora la caccia alle balene sia scomparsa, questa festa in onore del santo patrono dei balenieri continua ancora oggi con la stessa dedizione, entusiasmo e splendore. Dopo la processione marittima fino al porto e la messa votiva consegnata sulla prua di un'antica barca baleniera, i festeggiamenti continuano con eventi culturali e sportivi ricchi di intrattenimenti, spettacoli musicali, giochi e tornei, in quella che è considerata una delle isole dell'isola di Pico. eventi culturali e turistici più prestigiosi.

La Semana do Mar, Settimana del mare ad Horta, sull’Isola di Faial, si ripete dal 1975, con l'arrivo della Sailing Race to Horta, una regata velica internazionale organizzata dalla Multihull Offshore Cruising Racing Association, in collaborazione con il Clube Naval da Horta, l'Ente regionale del turismo di Horta e il Royal Albert Yacht Club. Quell'anno, tredici barche a vela lasciarono il porto di Portsmouth, con un trimarano chiamato Triple Arrow e capitanato da Brian Cooke che fu il primo ad arrivare a Horta Bay dieci giorni dopo. Organizzato fin dagli anni ‘80 dal Comune di Horta, è considerato uno dei più importanti importanti festival nautici del Paese, data la varietà delle sue manifestazioni sportive, che comprendono nuoto, canoa e pesca sportiva, oltre a regate di barche a vela e baleniere. Oltre agli eventi sportivi marittimi, ci sono anche sagre gastronomiche, spettacoli musicali e folcloristici, fiere dell'artigianato e i famosi quadri portuali. Infine la Festa do Emigrante a Lajes das Flores, sull’Isola di Flores. Nel 1987 è iniziata la tradizione della Festa dell'Emigrante, celebrazione municipale in onore degli emigranti dell'isola, con l'obiettivo di celebrare il legame delle comunità di emigranti con la loro terra d’origine.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...