1494, l’ombra dell’inquisitore: i tempi più bui della Chiesa nel racconto di Roberto Ciai e Marco Lazzeri

images/stories/libri/CiaiLazzeriOmbraInquisitore.jpg

E’ scritto a quattro mani da Roberto Ciai e Marco Lazzeri il nuovo libro pubblicato da Leone Editore "1494 – L’ombra dell’inquisitore". Un racconto che riporta indietro nei secoli, nei tempi più bui della Chiesa quando la Santa Inquisizione aveva potere su tutto e su tutti.

 

(TurismoItaliaNews) "Avevo sessantadue anni quando Sua Santità mi nominò Inquisitore. È un’età nella quale chi ha la sorte di raggiungerla tira le somme della propria vita. Si chiede cosa abbia fatto del tempo che ha avuto, se l’abbia usato da buon cristiano o l’abbia sciupato. A me invece venne affidato un compito che non ammetteva tentennamenti. Il Papa mi chiese di agire. E da allora sono diventato un giudice di anime". 1494: Tomás de Torquemada è alla ricerca di un documento scioccante, tramandato nei secoli e in grado di scardinare le fondamenta della Chiesa, ma dispone solo di poche informazioni, estorte a un rabbino sottoposto alle peggiori sevizie. 

Tra grida di dolore e imploranti richieste di pietà, il torturato si è lasciato sfuggire un nome, quello di Giacomo Scolario, Anziano al governo della Repubblica di Lucca. Purtroppo o per fortuna, lo spietato frate-sicario incaricato di far parlare il notabile – Cruz – è stato anticipato da qualcuno e di Scolario, trucidato assieme alla sua famiglia, è rimasto solo il cadavere. Qualcun altro è a conoscenza del suo oscuro segreto? Chi è l’assassino? Cosa potrebbe succedere se la notizia finisse in mani sbagliate? Queste domande porteranno Torquemada, Cruz e il funzionario lucchese Ermete De Mazzei a intraprendere un irto percorso d’indagine, tra la Toscana e la Roma dei Borgia.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...