Il trend per l'estate 2016: l'analisi di Apatam Viaggi, il tour operator “per chi ama l’archeologia e l’arte”

images/stories/india/JammuKashmir01.jpg

Giovanni Bosi, Urbino

La mission già parla chiaro. Un vero e proprio biglietto da visita che in questi trenta anni i viaggiatori più sopraffini hanno dimostrato di apprezzare, tanto da configurare la fidelizzazione come uno dei punti di forza di questo tour operator. Parte da Urbino l’esortazione a scoprire il mondo rivolta a “chi ama l’archeologia e l’arte” come appunto argomenta Apatam Viaggi. Ne abbiamo parlato con Paolo Pretelli, titolare di questo operatore specializzato in viaggi di grande appeal.

 

(TurismoItaliaNews) Apatam è nata nel 1980 nella città di Raffaello Sanzio. E questo probabilmente non è indifferente: la cultura del bello e l’amore per l’arte, così come la curiosità per la quotidianità degli altri in ogni angolo della Terra hanno influito non poco nella definizione dei programmi di viaggio. Paolo Pretelli, 51 anni, è dal 1986 in forza al tour operator come titolare e socio (curando nello specifico programmazione, cataloghi, marketing e amministrazione) e insieme al suo staff mette tutta la propria forza e la propria conoscenza di un mondo sempre più piccolo. E sempre più complicato.

“Apatam da sempre si propone con contenuti di alta qualità e destinazioni che possono rivelarsi adatte ad ogni tipo di target – ci spiega Pretelli – la nostra è ormai una clientela fidelizzata e comunque chi si rivolge a noi è perché ormai ci conosce o perché sono viaggiatori con idee definite, sicuramente non sprovveduti. Questo ci ha consentito nel tempo di conoscere e approfondire esigenze o problematiche dei nostri clienti, legati alla mobilità o all’età, che presuppongono un’attenzione particolare. Effettivamente ci sono delle destinazioni che possono rivelarsi non alla portata di tutti per effetto di una particolare condizione di salute”.

La grotta di Pak Ou nel Laos. Sopra: il monastero Taktshang Lhakhang in Bhutan. In apertura: Jammu nel Kashmir (India)

Una premessa fondamentale, prima ancora di parlare di luoghi e mete, per valutare l’etica con la quale Apatam Viaggi lavora: il viaggiatore al centro di tutto. Ma allora quali sono le destinazioni in catalogo? “Assicuriamo percorsi culturali, che ci piace definire ‘ad alto impatto emotivo’, in Oriente, India, Africa, nel vicino e nell’estremo Oriente, in Europa e centro-sud America – sottolinea Paolo Pretelli - rispetto a quando abbiamo iniziato, dal Medio Oriente e dall’Africa c’è stato giocoforza uno spostamento sull’Estremo Oriente come Vietnam, Laos, Cambogia, India o Corea del sud, legato agli eventi internazionali e a situazioni contingenti che hanno obbligato a individuare nuove mete”.

E allora entriamo nello specifico, sottolineando che in questo primo semestre del 2016 tutti i viaggi calendarizzati sono stati confermati, in linea con quello che è stato il trend dell’anno precedente. Le proposte si concentrano su Kashmir e Ladakh in India, Bhutan, Messico, Colombia, Bolivia, Irlanda, Repubbliche baltiche, Iran e Cina (da quella classica a quella sconosciuta, o lungo la Via della Seta), Uzbekistan, Russia, Sudan, la Baja California in Messico, e poi Bulgaria, Oman, Cambogia, Myanmar, Laos, Vietnam, Giappone (proposto anche in occasioni particolare come il Festival di Kyoto), Benin e Togo (per il Festival del Woodoo). Di particolare interesse anche i tour combinati per Albania / Macedonia / Kosovo o per Georgia e Armenia.

Naha, in Giappone. Nella foto in basso: Tallinn, capitale dell'Estonia

“Per l’estate abbiamo conferme sull’India per luglio ed agosto, con un prodotto mirato per la stagione come il Kashmir” puntualizza Pretelli, il quale aggiunge: “Un’altra nostra caratteristica è di non massificare il viaggio: preferiamo lavorare con gruppi da 18-20 persone al massimo, o addirittura anche da 10. Se i partecipanti ad un stesso viaggio sono numerosi, li dividiamo in gruppi, ognuno dei quali con proprio accompagnatore e guida. Contenere il numero è fondamentale per mantenere la qualità del viaggio, mentre quella dei servizi è comunque sempre garantita. E comunque organizziamo anche viaggi individuali e tour personalizzati: lavorando senza intermediari, ci consente una migliore informazione e la possibilità di definire anche partenze ‘extra-catalogo’ per venire sempre più incontro alle esigenze dei viaggiatori”. Rispetto ai prezzi si può osservare che sono bilanciati con la qualità e in ogni caso accessibili, ovviamente tutto dipende anche dalla destinazione.

Chi sono, dunque, i clienti di Apatam Viaggi e come hanno reagito, nel settore turismo, davanti ad una situazione economica difficile per tutti? “I nostri clienti sono di età compresa tra i 40 e i 70 anni di ceto medio – spiega Pretelli - e che grazie al proprio status lavorativo o di pensionato dimostra di soffrire meno la situazione economica che si vive in Italia e anche per una forte motivazione e interesse culturale, continua comunque a investire sui viaggi. Aggiungiamo pure che chi è abituato a viaggiare non si lascia spaventare facilmente dalle turbolenze in alcuni luoghi del pianeta”. Dal punto di vista della provenienza geografica della clientela, Apatam ha nel centro-nord il proprio bacino di riferimento, con una crescita nella zona del Lazio e di Roma e buone soddisfazioni dal Sud, in particolare dalle Isole. “Il nostro obiettivo non è solo quello di far conoscere il mondo, ma di far sì che attraverso i viaggi si possano condividere con gli altri le proprie esperienze ed emozioni” chiosa Paolo Pretelli.

Per saperne di più
Apatam Viaggi
Via Bonconte da Montefeltro 128/130 - 61029 Urbino (Pu)
tel. 0722 - 329488
www.apatam.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.facebook.com/Apatam.Viaggi

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...