TREND Essere slow fa bene ai territori: nelle elezioni amministrative di giugno rieletti sindaci di sedici Cittaslow in otto regioni

(TurismoItaliaNews) L'attenzione al territorio vince. Nel campione significativo di sedici Cittaslow distribuite da nord a sud in otto regioni in cui si è votato lo scorso 5 giugno 2016, l'esito delle urne è stato favorevole ai sindaci uscenti, di qualunque orientamento politico essi siano. "Cittaslow fa bene al territorio, e fa bene alla Politica virtuosa a favore delle comunità locali che diventano protagoniste del loro sviluppo e del loro futuro". Così ha sintetizzato Stefano Pisani, presidente internazionale di Cittaslow, rieletto sindaco di Pollica (Cilento, Salerno) con il 94,42% dei voti utili: un autentico plebiscito nella città che fu governata e rivoltata come un guanto da Angelo Vassallo, che oggi esprime un voto consapevole dell'importanza della partecipazione dei cittadini per orientare le scelte di governo locale.

 

Mentre è uscito un saggio dal titolo “Partecipare stanca” (a cura di Marco Guerzoni ed Elena Milanesi sulla Rivista Archivio di Studi Urbani e Regionali, Franco Angeli Editore), in cui si fotografa un'Italia svogliata e sfiduciata, le piccole comunità delle Cittaslow si “auto riparano”, alimentando reti che pur nelle difficoltà strutturali del momento innervano in modo positivo il tessuto sociale, dando fiducia e futuro a tutte le fasce sociali e di età. Non a caso il modello Cittaslow, basato sull'identità, la sostenibilità(sociale e ambientale) e la responsabilità, risulta più resistente e resiliente, nel contrasto alla desertificazione sociale e allo sfilacciamento etico e sociale prima ancora che economico. Sommessamente e senza clamore ma in modo concreto e quotidiano, 80 città italiane (220 in 30 Paesi nel mondo) operano in modo innovativo per “darsi futuro”, con creatività, innovazione, rispetto e memoria della propria storia.

Scorci di Pollica, nel Cilento: in questo 2016 ha conquistato cinque vele per il suo mare pulito

E così accade che – nonostante le ovvie differenze che rendono unico ogni territorio e per ciò stesso ogni confronto politico locale - il 90% dei sindaci di Cittaslow che si sono presentati al secondo mandato siano stati rieletti, che anche in caso di ribaltone i nuovi sindaci di altro colore politico riconfermino i valori d'adesione a Cittaslow, e che nei casi dove la sindacatura era giunta al secondo mandato, quasi sempre vince una coalizione che è coerente con i principi e progetti Cittaslow. Da Turbigo a Tolfa, da Francavilla al Mare a San Potito Sannitico, da Borgo Val di Taro a Civitella Val di Chiana, da Vigarano Mainarda a Pollica, Cittaslow “fa bene al territorio, e fa bene ai cittadini”.

 

Per saperne di più

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...