Navigare sul Brahamaputra in Bangladesh, alla scoperta dei templi e delle popolazioni dimenticate

images/stories/bangladesh/Bangladesh_MinoranzeEtniche01.jpg

Navigare sul Brahamaputra, in Bangladesh, alla scoperta dei templi e delle popolazioni dimenticate delle aree sconosciute a nord del Paese. Il viaggio si spinge nel cuore più intimo e profondo della terra del Bengala, nelle remote aree del nord, che offrono immense opportunità di grandi incontri e forti emozioni.

 

(TurismoItaliaNews) La proposta è del tour operator milanese Maurizio Levi che nel nuovo catalogo “Viaggi Levi” presenta programmi di viaggio per il periodo ottobre 2017 - aprile 2018. Tra le novità 13 esperienze uniche, ossia itinerari inediti, che contano una sola data di partenza, esclusiva e irripetibile, pensati per i viaggiatori in cerca di un coinvolgimento emotivo più intenso. E tra questi c'è il viaggio in Bangladesh.

La minoranza etnica Oraun conta la sua più numerosa comunità nelle aree del distretto di Rangpur. Secondo le stime più recenti si tratta di 6.000 - 7.000 individui in tutto il Paese. Vivono in piccoli villaggi di 15/30 famiglie e come gli altri gruppi adivasi hanno una propria lingua e proprie tradizioni. Le loro case sono generalmente costruite con fango, bambù e fibre vegetali. Hanno utensili arcaici e vivono di agricoltura anche se non disdegnano la caccia, in cui sono molto abili. Si tratta di realtà essenziali che vivono sotto l’egida di un capo villaggio a cui la comunità locale fa riferimento.

Le donne vestono il sari e gli uomini il longyi. Le loro danze sono molto particolari e al ritmo di tamburi si snodano in serpentoni umani. Il magnifico tempio di Kantanagar è una delle meraviglie artistiche del Bangladesh. Costruito nel 1752, si distingue per le raffinate decorazioni in formelle di terracotta con motivi figurativi e floreali. Gli artisti locali non mancarono di immaginazione e umorismo: un demone è rappresentato mentre ingoia delle scimmie che prontamente fuoriescono dal suo orecchio; altre scene sono più domestiche, come quella di una moglie che massaggia le gambe del marito, piuttosto che quella di una donna che spidocchia i capelli di un’altra donna; le scene amorose sono collocate negli angoli più nascosti.

Le intricate e armoniose raffigurazioni richiamano quelle di un tappeto riccamente ricamato. L’edificio, di tre piani, in origine era coronato con nove torrette che crollarono durante il terremoto del 1897 e non furono più ricostruite. L’esperienza di viaggio, in partenza esclusiva l’11 novembre, è resa unica anche dalla presenza di un nostro collaboratore che da anni, in loco, si occupa di un progetto umanitario il cui scopo è quello di aiutare la sopravvivenza delle ultime tribù adivasi. La quota di partecipazione è da 3.850 euro con accompagnatore dall’Italia

Per saperne di più
I Viaggi di Maurizio Levi
tel. +39 02-34934528
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.viaggilevi.com

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...