L’antico Carnevale alemanno nella Regione del Lago di Costanza: tradizioni, maschere e riti apotropaici

images/stories/varie_2018/CarnevaleAlemanno__BodenseeHaensele_PhBodenseeTourismus_AchimMende.jpg

Tradizioni, maschere e riti apotropaici tra Germania, Svizzera, Austria e Principato del Liechtenstein: è questo l’antico Carnevale alemanno nella Regione del Lago di Costanza. Un viaggio tra tenebre e luce. Quelle della natura, quando le corte giornate invernali progressivamente si allungano, e quelle simboliche della lotta del bene contro il male.

 

(TurismoItaliaNews) Nella regione del Lago di Costanza, tra Germania, Svizzera, Austria e Principato del Liechtenstein, il Carnevale (Fasnet, nel dialetto locale) è una tradizione particolarmente sentita, popolata di figure antiche e di origine rurale, che nel suo significato più intrinseco serve a scacciare, a suon di trombe, catenacci e tamburi, i diavoli e il lungo inverno. Una festa da scoprire e vivere in prima persona, tra cortei, balli e convegni notturni, per un fine-settimana lungo di divertimento e sregolatezza.

8 febbraio, Giovedì Grasso: tradizioni medievali, balli di streghe e studenti in camicia da notte
Il corteo di Carnevale più mattiniero di tutti è quello di San Gallo: alle 6 del giovedì grasso, nel buio di febbraio, parte l’Aaguggete, quando le maschere invadono le strade del centro con balli, coriandoli e la tradizionale Guggenmusik, con trombe, tamburi e battiti di mani. Nessun dorma, tutti festeggiano. Per calarsi in pieno nella tradizione carnevalesca alemanna vale la pena recarsi in Alta Svevia: qui sopravvivono usi e costumi antichissimi legati alla quinta stagione dell’anno. A Bad Saulgau sopravvive la maschera del “Dorausschreier” (letteralmente “l’urlatore alla porta”), di cui la prima notizia scritta risale al 1355. Quando imperversavano le pestilenze e le conseguenti carestie, il Dorausschreier, coperto da un mantello per non farsi riconoscere, allungava con un bastone un cesto di pane e cibo alle finestre degli appestati. Il corteo del giovedì grasso di Bad Saulgau parte alle 18.30 dalla piazza del mercato, accompagnato dalle fiaccole, e si conclude con balli e pietanze. Suggestiva e tenebrosa è la danza delle streghe che si tiene a Bad Waldsee alla mezzanotte tra il mercoledì e il giovedì grasso attorno a un grande fuoco, sopra il quale le creature demoniache affilano il loro bastone di streghe. A scacciarle arrivano poi i Narren, o “matti” del Carnevale, simboleggiando una lotta tra il bene e il male, e tra le forze dell’inverno e la primavera incombente. Fra le tradizioni carnevalesche più particolari rientra anche la sfilata, a Costanza, dell’Hemdglonker: un’enorme bambola di legno con tanto di camicia da notte e berretto portata in giro tra canti e grida la sera del giovedì grasso dagli studenti, veri protagonisti della giornata, e vestiti anch’essi da notte – a simboleggiare la propensione al bighellonare.
Nella foto: Fuoco delle Streghe, @Bad Waldsee. In apertura: Hänsele, Überlingen, @Achim Mende

10 febbraio, Sabato di Carnevale a Überlingen
Con le sue belle piazze, gli edifici antichi e le case eleganti, Überlingen è una delle cittadine rivierasche più incantevoli del Lago di Costanza. Un momento topico per visitarla è sicuramente il sabato di Carnevale quando, nel buio silenzioso della sera rischiarata da luci fioche, le Hänsele, creature tenebrose, si fanno strada schioccando le fruste attraverso la medievale Franziskanertor, tra urla, musica, salti e acrobazie – terrorizzando lo spirito dell’inverno, e a volte non solo il suo. L’Hänsele, dal colorato costume, è una figura che risale almeno al tardo medioevo, e viene comunemente intesa come la personificazione del diavolo. Solo i cittadini maschi di Überlingen possono vestirne il costume. Alla processione del sabato di Carnevale partecipano circa 1.500 inquietanti Hänsele.

11 febbraio: Domenica di festa
Alcune delle più belle maschere del Carnevale sul Lago di Costanza sono quelle di Weingarten, in Alta Svevia. Per vederle sfilare l’occasione migliore è la parata della domenica di Carnevale, che invade le strade della cittadina, raccolta attorno alla sua chiesa barocca. Anche qui tradizione vuole che il Fasnet sia nato dalla gioia di coloro che superarono la peste bubbonica del 1348. A Weingarten si può visitare anche un museo dedicato al Carnevale locale e ai suoi costumi (fasnetsmuseum.de). Musica, coriandoli e colori sono i protagonisti del Carnevale internazionale di Schaan, in Liechtenstein, che vede arrivare oltre 50 gruppi dalla vicina Svizzera, dalla Germania e dall’Austria per un pomeriggio di gioco, divertimento e Guggenmusik. Per vedere uno dei più grandi cortei della domenica di Carnevale si torna a Costanza: maschere, musica, colori invadono le strade della maggiore città della regione, attraversando la sua Altstadt.
Nella foto: Plätzler, Weingarten, @ Derek Schuh

13 febbraio, Mercoledì delle Ceneri: Carnevale addio
Spettacolo finale del carnevale sul Bodensee sono, la sera del martedì grasso che precede il mercoledì delle Ceneri (13 febbraio 2018), i grandi falò con i quali si brucia una strega, simbolo degli eccessi e delle follie passate, accompagnati dai lamenti dei giullari e delle altre maschere della quinta stagione dell’anno. Nel Vorarlberg, invece, i fuochi vengono accesi la prima domenica di quaresima. Al calare delle tenebre, alti pali di legno ai quali è legata una bambola di stoffa, ripiena di polvere da sparo, prendono fuoco ed esplodono, regalando un inquietante e maestoso spettacolo e segnando la fine die festeggiamenti carnevalizi (quasi) ovunque. Nel villaggio di pescatori di Ermatingen, nella regione del Thurgau, infatti, si celebra il Carnevale la quarta domenica di Quaresima (quest’anno l’11 marzo 2018). Tradizione vuole che nel marzo del 1415, durante il Concilio di Costanza, papa Giovanni XXII trovasse qui rifugio, e ricompensasse gli abitanti del luogo con la concessione di poter celebrare “l’ultimo carnevale del mondo” quando tutti, altrove, facevano penitenza. E così si fa ancor oggi, con una grande parata dove il protagonista è un enorme pesce di lago colorato fatto di cartapesta, dove i bambini salgono giocosamente a turno.

Schraettele, foto BodenseeTourismus - Sprung Mr

Soggiornare nella Regione durante il Carnevale
Costanza: l’Ente del Turismo di Costanza propone il pacchetto “Winter Special”, valido fino al 15 marzo 2018, che include due notti con colazione in camera doppia, un ingresso a scelta tra Sealife, Terme del Bodensee o Isola di Mainau, un biglietto d’ingresso a un museo o per uno spettacolo teatrale e sconto per l’acquisto dei vini della storica Spitalkellerei Konstanz a partire da 99 euro a persona in camera doppia;
San Gallo: il pacchetto “Vivere e scoprire il Lago di Costanza” dell’Ente Turismo di San Gallo, valido fino al 28 marzo 2018, comprende due pernottamenti in camera doppia con prima colazione e la Carta dei Servizi del Lago di Costanza per sconti e gratuità in tutta la regione, valida per 3 giorni, a partire da 229,5 franchi svizzeri a persona;
Alta Svevia: l’offerta “Assaggio d’inverno sul Lago di Costanza” dell’hotel Wirthsdorf Markdorf**** include cinque pernottamenti in camera doppia Comfort con prima colazione a buffet, drink di benvenuto, una cena di quattro portate, due sessioni in palestra (zumba, yoga…), Carta dei Servizi del Lago di Costanza per sconti e gratuità in tutta la regione, valida per 3 giorni e piccolo omaggio alla partenza a partire da 399 euro a persona.

Per saperne di più

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...