TREND Cresce il numero degli Italiani in vacanza: protagonista il mare del Sud Italia. Cauto ottimismo di Federalberghi

Baia di Sant'Andrea, Melendugno, Salento

(TurismoItaliaNews) E’ il mare del Sud Italia il protagonista dell’estate 2015. Lo dice Federalberghi sulla scorta della rilevazione effettuata con il supporto tecnico dell'Istituto Acs Marketing Solutions e dalla quale emerge anche un altro dato importante: si consolida la ripresa del turismo italiano. In buona sostanza 30,4 milioni gli italiani in vacanza quest’estate, pari al 50% della popolazione, contro i 26,8 milioni nel 2013 e i 28 milioni nel 2014. E c’è anche un altro numero da evidenziare: l’incremento dell'8,6% annuo della clientela italiana e del 2,5% di quella straniera.

 

Secondo la rilevazione l'81% degli italiani in vacanza tra giugno e settembre (quasi 25 milioni) rimane in Italia, mentre il 19% (oltre 5 milioni) sceglie di andare all'estero. In aumento il giro d'affari (+7,7%) che passa da 17 a 18,3 miliardi di euro. La spesa stimata per la vacanza, comprensiva di viaggio, vitto, alloggio (in qualsiasi struttura e non solo in hotel) e divertimenti, è di 786 euro, in lieve calo rispetto ai 790 dell'anno scorso; la durata media è di 8 notti rispetto alle 9 notti del 2014. Il mese più gettonato resta agosto, scelto dal 62,5% degli italiani (rispetto al 59,3% del 2014); seguono luglio con il 16,7% (contro il 22,1%), giugno con il 14,7% (contro il 19,4%). In risalita settembre con il 13,3%, contro il 10,7% dello scorso anno.

La costa di Amendolara, Calabria jonica

“Vedere che il 48% degli italiani sta scegliendo per la proprie ferie soprattutto il Sud, quale punto nevralgico del riscatto di un'intera area, ci rafforza nel convincimento che l'Italia ha ancora tante doti turistiche da valorizzare” commenta il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, che tuttavia via ammonisce invitando a non lasciarsi andare a facili illusioni: "Servono investimenti cospicui".

 

E scendendo nel dettaglio si scopre che per la loro vacanza estiva gli italiani scelgono soprattutto il mare nel Sud Italia: oltre il 48% di chi rimane in Italia si sta recando in Sicilia (18%), in Sardegna (10,4%), in Puglia (10,1%) e in Calabria (10%). Commenti diversi, rispetto ai dati diffusi da Federalberghi arrivano dalle associazioni dei consumatori. Secondo Federconsumatori le stime "risultano piuttosto ottimistiche. Probabilmente nel conteggio si annoverano anche pendolari e chi viaggia per lavoro. Purtroppo la realtà che emerge dalle nostre analisi è ben diversa e rispecchia una situazione di profonda crisi che impedisce a molte famiglie di concedersi il lusso di una vacanza. Come lo scorso anno, solo una percentuale esigua di italiani partirà per la tradizionale vacanza estiva (di almeno una settimana), pari al 31% degli italiani (circa 18,6 milioni di cittadini)".

Castello Aragonese di Le Castella, Calabria

Di diverso tenore Codacons: "Per la prima volta negli ultimi 6 anni tutte le indagini sul turismo sono concordi nell'affermare che l'estate 2015 vedrà un aumento complessivo nelle partenze degli italiani" ha affermato il presidente Carlo Rienzi - tuttavia rispetto al 2014 saranno vacanze più brevi e meno costose. In base ai dati raccolti dal Codacons, infatti, il 50% delle famiglie andrà in villeggiatura per un periodo non superiore ai 7 giorni, e il 65% degli italiani spenderà per alloggio, svago e servizi una cifra inferiore ai 500 euro procapite. Cresce la voglia degli italiani di andare in vacanza, ma con la massima attenzione al portafogli e scelte mirate a contenere la spesa complessiva".

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...