NAUTICA Il ritorno dei diportisti porterebbe nelle casse 500 milioni di euro: lo dice l’Osservatorio nautico nazionale

Stampa
italia   news   trenitalia   febbraio   marzo   Dinosaur Provincial Park   Weimar   Torino   professionisti   scienza   touring club   Perahera   Hazrat-é Masumeh   Certosa  

(TurismoItaliaNews) Ammonta a quasi 500 milioni di euro, corrispondenti a oltre undicimila posti di lavoro potenziali il recupero complessivo che sarebbe possibile grazie al ritorno dei 40mila diportisti persi in Italia nel periodo 2011-2013 come effetti dell’introduzione del varo della tassa sugli ormeggi. A dirlo è un'analisi dell'Osservatorio nautico nazionale presentata nella cornice del Salone Nautico di Genova. In termini di spese per le barche infatti, il recupero è stimato in 232 milioni di euro mentre per quanto riguarda le spese sul territorio la stima è di 256 milioni. In base allo studio, il 47,6% della spesa dei diportisti riguarda i servizi portuali e la gestione della barca per un totale di 697,2 milioni di euro l'anno, ha sottolineato il direttore dell'osservatorio Gian Marco Ugolini.

 

Il 52,4% riguarda invece spese sul territorio, pari a 771,1 milioni, per un totale di un miliardo e 468 milioni di euro. Significativo il dato sul contributo del diportismo al Pil regionale: fatta 100 la media delle regioni marittime il contributo è pari a 305 nell'alto Tirreno, 85 nel medio-alto Adriatico, 69 nel Tirreno centrale, 33 al sud. Fra gli elementi di freno figurano, anche se diminuiti negli ultimi tempi, i controlli in mare: mediamente un controllo ogni 180 giorni per le barche, contro un controllo ogni 5.244 giorni per le auto.

Il turismo nautico può crescere ancora nei prossimi anni ma necessita ancora di miglioramento sia sul fronte della legislazione fiscale che su quello dell'infrastrutturazione dei porti turistici. Nonostante gli ultimi sette anni di crisi, ha spiegato Roberto Perocchio, sono stati realizzati 20.300 posti barca, 19.400 sono in costruzione e se ne potrebbero aggiungere altri 50mila lavorando sulle tante aree costiere ancora dismesse Italia.

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...