UMBRIA Il Parco geologico della Valnerina si presenta: rilancio del turismo educativo e scientifico per tutto il territorio

Castelluccio di Norcia domina lo straordinario omonimo altopiano, al confine fra Umbria e Marche

(TurismoItaliaNews) Diventa realtà il Parco geologico della Valnerina per rilancio del turismo educativo e scientifico per tutto il territorio, “pensato – sottolinea il sindaco di Sant’Anatolia di Narco, Tullio Fibraroli - per rendere fruibile ed accessibile a tutti, escursionisti, turisti, studiosi, insegnanti, studenti, ragazzi e bambini, il relativo patrimonio della Valnerina”. Attraverso, infatti, la scoperta di siti, vie e sentieri ad oggi poco conosciuti si cercherà di aumentare l’offerta turistica del Comune che da anni sta cercando di coniugare insieme natura, arte e tradizioni per promuovere un turismo sostenibile, scientifico ed educativo anche di rilevanza internazionale e strategico per il territorio regionale.

 

Il Parco si estende per quasi 1.000 kmq lungo il tratto appenninico della valle del Fiume Nera e la dorsale montuosa circostante e comprende 10 comuni. Quello della Valnerina, e del gruppo Monte Coscerno – Monte Aspra in particolare, per la continuità del paesaggio geologico, rappresenta un grande laboratorio a cielo aperto di geologia. E’ un territorio caratterizzato da una forte relazione tra peculiarità naturali e cultura locale, uno splendido esempio di comunità montana italiana.

Il Museo della Canapa di Sant'Anatolia di Narco, in alto uno scorcio della cittadina

Il geopatrimonio del Parco è costituito da siti geologici / geomorfologici e da siti culturali ed architettonici legati alla geologia e geografia appenninica (eremi, abbazie, neviere): i 18 geositi disposti lungo 10 percorsi tematici aiutano a raccontare e comprendere i fenomeni e i processi geologici di questo territorio la cui storia evolutiva, iniziata 200 milioni di anni fa, ci restituisce oggi un paesaggio naturalistico meraviglioso e una occasione unica di divertimento e di crescita culturale. I comuni di Poggiodomo e di Sant’Anatolia di Narco contengono alcuni siti di particolare valenza e interesse geologico tra i quali la Valcasana, le gole della Madonna della Stella, la faglia di Rocchetta, la paleofrana di Pian delle Melette, il sovrascorrimento di Fonte di Colle Mezzo, la cresta raddoppiata del Monte Coscerno, i debris flow di Gavelli, Piedipaterno e Grotti. Dal comprensorio del Coscerno – Aspra sono poi raggiungibili altri siti di grande interesse quali i Piani di Castelluccio con l’Inghiottitoio ed i Mergani, le Gole di Roccaporena e di Serravalle con i livelli anossici Selli e Bonarelli, le Miniere di ferro di Monteleone, le sorgenti di Triponzo, la Balza Tagliata, le Gole del Corno.

 

Il Centro Studi Geologici dispone di un laboratorio geologico che ha sede nel Centro di Esperienza ed Educazione ambiente “Il Sentiero” di Poggiodomo, gestito da Legambiente Umbria in convenzione con il Comune di Poggiodomo e attrezzato con laboratorio microspopico, di fotogeologia e cartografia. Il Centro studi geologici dispone anche di una sala conferenze, di una biblioteca geoscientifica e di una serie di attrezzature per il rilievo geologico sul campo. Il Centro Studi Geologici viene concesso in uso ai Dipartimenti universitari e utilizzato per le attività educative proposte dal Cea.

“Aggiungiamo un altro tesoro alla straordinaria bellezza naturale e culturale della Valnerina – sostiene il sindaco di Poggiodomo nonché presidente del Consorzio Bim, Egildo Spada - grazie all’impegno del Bim, della Regione Umbria, dei Comuni di Poggiodomo e di Sant’Anatolia di Narco, della facoltà di Geologia dell’Università di Perugia e di Legambiente Umbria. Una risorsa per la Valnerina e per l’Umbria, che potrà diventare elemento trainante del rilancio del turismo educativo e scientifico per tutto il territorio”.

 

Il Parco geologico della Valnerina dimostra come comuni piccoli o piccolissimi come Poggiodomo e gli altri della Valnerina, oltre ad essere realtà preziose da tutelare possono diventare laboratori innovativi di sviluppo locale costruendo collaborazioni culturali ed operative per promuovere un turismo sostenibile, scientifico ed educativo anche di rilevanza internazionale, strategico per tutto il territorio regionale.

 

Per saperne di più
Museo della Canapa
Piazza del Comune Vecchio, 1 - 06040, Sant'Anatolia di Narco (Pg)
tel. +39 0743 – 613149 oppure 788013
www.museodellacanapa.it
Twitter: MuseoCanapa
Il profilo Facebook del Museo della Canapa

 

Orvieto Underground, sotto all’imponente Duomo c’è un’altra città da scoprire

 

Longobardi in Italia: la Basilica di San Salvatore, luogo del potere a Spoleto

 

 

Una piccola reggia sulle sponde del Trasimeno, percorso per scoprirla

 

I luoghi ritrovati di una valle incantata: itinerario e progetto di museo diffuso dei Plenaristi nella Valle del Nera

 

Il museo diffuso con l’itinerario dei Plenaristi: un nuovo modo per scoprire le bellezze dell’Umbria

 

Germanico, quella statua imponente e suggestiva, preziosa e potente, persino misteriosa: il tesoro di Amelia

 

Carsulae, lungo l’antica Flaminia c’è molto da scoprire

 

Quelle Mummie di Ferentillo: il passato ritorna e racconta storie di grande suggestione

 

Narni Sotterranea: l’Inquisizione, i processi e… Misteri e suggestioni al di sotto della città medievale

 

Arnth Velimna Aules: con gli Etruschi nell’Ipogeo dei Volumni per un salto nel tempo di 2.300 anni

 

All’Accademia di Belle Arti di Perugia tra passato e futuro: grandi opere e grandi artisti, di ieri e di domani

 

Foligno, la città dei Palazzi: in Umbria è un unicum tutto da scoprire

 

Ciac, Centro Italiano Arte Contemporanea, cubo d'autore

 

Foligno, la Santissima Trinità accoglie Calamita Cosmica

 

Gli argenti barocchi del Duomo di Foligno

 

 

Il Mac di Colfiorito, l’antica civiltà umbra va in museo

 

La sacra torre di Massimiliano Fuksas nella Valle Umbra

 

Orvieto: l’antica Torre del Moro racconta la sua storia

 

La donazione della Santa Spina: nell’Umbria medievale la celebrazione dell’antica contea di Braccio da Montone

 

Il Giardino delle Cento rose: è nel cuore dell’Umbria la più grande collezione al mondo di Rose Inglesi

 

Rivotorto, il “Sacro Tugurio” scrigno del Francescanesimo

 

Sentiero Francescano della Pace, tra Assisi e Gubbio c’è un baluardo della storia del Poverello: Valfabbrica

 

Il Carapace, l’unica scultura al mondo diventata cantina

 

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...