VINITALY | Da vino ammuffito a oche in vigna, le curiosità: anche bottiglie gioiello, hi-tech e ritorno pigiatura con i piedi

images/stories/varie_2018/Vinitaly2018a.jpg

Dal ritorno della pigiatura con i piedi alle oche che concimano il vigneto fino al vino ottenuto da uve "ammuffite" o quello vinificato in antiche anfore dell'isola di Creta, ma ci sono anche le bottiglie gioiello con cristalli e oro e quelle hi-tech che consentono di ricostruire con lo smartphone la storia e le caratteristiche del vino. Sono solo alcune delle curiosità del vino 2,0 presentate dalla Coldiretti al Centro Servizi Arena in occasione del Vinitaly 2018.

 

(TurismoItaliaNews) "L'innovazione nella tradizione è l'elemento che caratterizza l'edizione di quest'anno anche con esperienze creative che puntano alla distintività" ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che "a spingere il cambiamento è la crescente richiesta di naturalità della produzione". In Liguria una piccola azienda di Dolceacqua (Imperia) produce il vino come una volta con l'uva che viene pigiata con i piedi per poi mettere tutto il prodotto, dal mosto ai raspi fino alle bucce, a fermentare in botti di legno da cui durante l'anno viene tolto più volte e ritorchiato prima di arrivare all'imbottigliamento finale. Ma al Vinitaly sono arrivate anche le prime bottiglie hi-tech del progetto sperimentale del ministero delle Politiche agricole e di Agea che si basa sulla tecnologia blockchain e attraverso lo smartphone consente di tracciare l'identikit del vino, al quale hanno aderito 6 aziende associate alla Coldirett.

In Sardegna una cantina ha sperimentato una nuovo vino, la Malvasia di Bosa Botrytis Cinerea, ottenuto da acini in cui si è sviluppata una muffa particolare, la "Botrytis Cinerea", un marciume nobile che - spiega la Coldiretti - nasce in condizioni climatiche particolari e riprogramma il metabolismo dell'uva provocando un sostanziale accumulo di aromi e sapori. L'altra curiosità di questa malvasia isolana è che una volta prodotta, le bottiglie vengono interrate in vigna per maturare.

Ma nei vigneti c'è anche chi si fa aiutare dalle oche per pulire e concimare il suolo in maniera totalmente naturale e biodinamico, aiutando la crescita delle viti e la qualità dei grappoli come a Cannara, in Umbria, dove a un iniziale gruppo di poche decine di volatili, attualmente ce ne sono circa 400 che collaborano con il viticoltore nella cura di 4 ettari di vigna. Mentre in Campania ci sono vini che nascono da vitigni storici antichissimi come quello coltivato fra i resti della Pompei distrutta dall'eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo.

Un viaggio nella storia che riguarda i luoghi ma anche le tecniche di lavorazione e di conservazione, infatti dal campo al bicchiere, il viaggio del vino non è solo in bottiglia. In Friuli Venezia Giulia a San Floriano del Collio (Gorizia) nell'azienda Paraschos, il cui titolare è di origine greca, una parte della produzione viene vinificata in anfore di terracotta provenienti direttamente dall'isola di Creta e dalla zona di Micene, foderate all'interno con cera d'api del Collio e poi utilizzate per le fermentazioni con un affinamento prolungato a contatto con le bucce: le varietà prodotte sono "Amphoreus Bianco" dalle viti più vecchie di Ribolla Gialla e "Amphoreus Malvasia" dalle viti più vecchie di Malvasia istriana. Ma In Piemonte a Castiglione Tinella (Cuneo) c'è anche chi, grazie a un artigiano locale, le anfore per la fermentazione del vino se le crea a km zero con la terra delle proprie vigne come l'azienda agricola Icardi che produce biologico e biodinamico. Ma per i tesori delle cantine italiane non ci sono solo l'argilla o il vetro, ma si usano anche bottiglie con decorazioni in oro come quelle ideate a Imola in Emilia Romagna.

Nella produzione enologica del ventunesimo secolo – evidenzia la Coldiretti - si trovano molte altre particolarità: dallo spumante con polvere d'oro a quello con l'argento, dal vino dei ghiacciai a quello degli abissi, dalle bottiglie con cristalli Swarovsky a quelle realizzate con etichette in braille che consentono anche ai non vedenti di leggere le informazioni del vino per conoscerne meglio le caratteristiche a quello con etichette realizzate da ragazzi diversamente abili o dipinte a mano da artisti locali che raggiungono tutto il mondo.

E quello che ha aperto i battenti alla Fiera di Verona è un Vinitaly in forte crescita. Il 52mo salone internazionale dei vini e distillati vede in vetrina oltre 4.380 aziende, 130 in più rispetto all'edizione precedente; in crescita anche la presenza degli espositori esteri nell'International Wine Hall che raggiungono i 36 Paesi rappresentati, contro i 29 del 2017. Punto di riferimento per il business e la cultura legati al settore enologico, che vale per il Paese 5,9 miliardi di euro di export, Vinitaly è una delle manifestazioni a più alto tasso di internazionalità. Nei prossimi quattro giorni sono attesi in fiera operatori specializzati da tutto il mondo: più di mille i nuovi buyer accreditati per la prima volta alla rassegna veronese e con un'agenda già fissata di incontri b2b.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...