Nelle Marche pronto il “Giubileo del gusto”: una piccola Expo dedicata alle identità poco conosciute, ma di grande pregio

Con l’Expo delle Piccole Italie, Tipicità 2016 cavalca la crescita. Dopo 7 lunghi anni, questo è il primo Natale con consumi interni in crescita. Con questa lusinghiera prospettiva, targata Confcommercio, Tipicità cavalca l’onda e lancia uno spazio nuovo per le comunità italiane attente a identità, biodiversità, filiera corta, rapporto ambiente - produzioni. Dal 5 al 7 marzo, debutta a Fermo, nell’ambito di Tipicità 2016, la prima “Expo delle Piccole Italie”, un agorà unico ed inedito, con tanti momenti di confronto e promozione, dedicato alle realtà italiane alternative ai grandi centri metropolitani, ma capaci di un’alta qualità della vita, oltre ad essere veri e propri “santuari” del cibo di alta gamma.

 

(TurismoItaliaNews) Stiamo parlando del circuito delle Piccole Italie, che prevede anche itinerari turistici con esperienze autentiche, un “Grand Tour d’Italia” tra comunità profondamente caratterizzate da un’elevata attenzione al cibo e all’identità territoriale. Nel padiglione di Tipicità, la centralità sarà per le “icone” marchigiane del gusto, con tanti focus sui “campioni” della biodiversità marchigiana, un concorso dedicato dalla Regione Marche agli istituti alberghieri e tante aziende che hanno investito nella “virtuosa diversità” per la quale le Marche risultano estremamente vocate.

 

Ma, ed è qui la novità, la valorizzazione dell’identità ha senso se messa a confronto con altre realtà. E così, oltre ad ospiti esteri come la Federazione Russa, a Tipicità ci sarà il Veneto con il Riso Vialone Nano Veronese Igp (una produzione quantitativamente “nana”, meno dell’1% a livello nazionale, ma di eccezionali proprietà organolettiche), la provincia di Gorizia con i cibi di confine e la tradizione mitteleuropea, il Comune di Asti con i grandi rossi piemontesi, formaggi di alta scuola casearia e tartufo. Notevole anche la rappresentanza del sud, vero scrigno di biodiversità, capeggiato dal Cilento, “culla” universalmente nota per la Dieta Mediterranea che proprio nel Fermano, a Montegiorgio, ha un presidio storico con l’omonima Accademia. La realtà campana, ospite d’onore di Tipicità 2016, presenterà in anteprima un legume “in via d’estinzione”, recuperato con un importante progetto di territorio: il maracuoccio di lentiscosa. Le incredibili qualità salutistiche del bergamotto, anche nella variante alcolica “bergamino”, costituiranno il cavallo di battaglia della Calabria, mentre il centro ideale del Mediterraneo, la Sicilia, sarà presente con la comunità di Alcamo, depositaria dei marcati sapori delle Terre d’occidente.

Forte di questa variegata e straordinaria compagine, l’organizzazione di Tipicità è al lavoro per selezionare altri gioielli nascosti dell’Italia autentica. Insomma, la regione più longeva d’Europa rilancia la sfida: vivere meglio e con più gusto è possibile… l’importante è cercare il tesoro nei posti giusti! A Tipicità… la mappa…

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...