ROMA Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival: quinta edizione della kermesse dedicata alla cultura del whisky di malto scozzese

 

Spirit of Scotland - Rome Whisky Festival, ideato e realizzato da Spirit of Scotland Srl, riunisce le migliori aziende nazionali ed internazionali in un evento che promuove la diffusione della cultura del whisky di malto scozzese e della sua produzione millenaria. Il Festival, si presenta come una delle più importanti manifestazioni italiane del settore.

(TurismoItaliaNews) L’appuntamento con “Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival” è per il 5 e 6 marzo 2016 a Roma nel Salone delle Fontane all’Eur: la quinta edizione come ogni anno vede coinvolte le migliori aziende nazionali ed internazionali in un evento che promuove la valorizzazione e la diffusione della cultura del whisky, attraverso un approccio basato sull’interazione tra business, formazione ed entertainment; una vetrina privilegiata, volta a creare sinergie tra le aziende partecipanti e un vasto pubblico di addetti al settore, appassionati e neofiti. Spirit of Scotland si conferma come un vero e proprio brand che sostiene e promuove il whisky attraverso il Festival, le degustazioni, i corsi sul whisky e i viaggi per le distillerie della Scozia; un marchio di qualità che favorisce la divulgazione a 360° in un sistema volto a sostenere l’interazione tra i principali attori del settore.

 

Anche quest’anno Uk Trade & Investment - agenzia governativa britannica - e l’Ambasciata britannica di Roma sostengono e promuovono nei loro canali il Rome Whisky Festival, per portare l’attenzione del pubblico, specializzato e non, sul più importante evento italiano dedicato al whisky. Il format come ogni anno propone una programmazione sempre più ricca di eventi, degustazioni, masterclasses, seminari sulla mixology, area cocktail, incontri affidati ad esperti del settore con l’obiettivo di creare appuntamenti ad alto contenuto di “single malt” ma, soprattutto, la conferma della prestigiosa location che ospita la manifestazione, il Salone delle Fontane nel quartiere Eur.

Tra le novità assolute del Festival 2016, l’area dedicata agli American Whiskey con nomi di eccellenza quali Mitcher, Hudson, Bulleit, Wild Turkey e tanti altri brand per un’esperienza a 360° nel mondo del bourbon, rye e tennessee whisky. Anche quest’anno particolare attenzione verrà dedicata al settore Trade e alla Mixology con seminari di livello internazionale, uno tra tutti quello tenuto dal pluripremiato Tristan Stephenson direttamente da Londra.

 

Uk Trade & Investment (Ukti) è l’agenzia governativa che aiuta le imprese con sede nel Regno Unito ad affermarsi nell’economia globale e fornisce assistenza alle aziende estere che effettuano investimenti di alto profilo nella dinamica economia del Regno Unito, riconosciuto come il miglior paese europeo dal quale proiettarsi con successo sul mercato globale. Ukti offre esperienza e contatti attraverso la propria ampia rete di specialisti nel Regno Unito, nelle Ambasciate e altre sedi diplomatiche di tutto il mondo. Ukti dà alle aziende gli strumenti necessari per essere competitive sul piano internazionale.

Grandissimo risalto quest’anno vienr dedicato alla miscelazione e al mondo del bartending, con il coinvolgimento delle principali realtà italiane del settore che proporranno, per l’occasione, dei whisky cocktail menù dedicati. Da nord a sud avremo il piacere di avere con noi i ragazzi del 1930 e del Casa Mia di Milano, i ragazzi del Jerry Thomas Project di Roma e ancora l’Argot, il Banana Republic, il Caffè Propaganda, il Porto Fluviale, tutti capitanati dai loro bar manager. La settimana precedente il Festival vedrà i locali protagonisti con degli eventi dedicati alla presentazione dei menù che verranno proposti nei due giorni di evento. Non mancherà uno shop gestito dall’organizzazione che consentirà ai visitatori di acquistare ciò che si è potuto apprezzare durante la manifestazione e alle aziende di valorizzare, in uno spazio prestigioso, le loro etichette.

 

Cambio di passo nella proposta per l’area Collector 2016. Non più una promiscuità di prodotti di punta del core range di distilleria unita ad edizioni del passato, ma solo bottiglie vintage, rare e ricercate. Il tutto sarà completamente gestito, sotto la supervisione del Festival, dai ragazzi del Whisky Roma Club, acclamato blog della Capitale. Cià anche uno spazio interamente dedicato alle attività di formazione di Spirit of Scotland, la whisky school, il whisky travel, le whisky embassy e tanto altro. Come tradizione, non mancheranno gli spazi dedicati al food, come lo spazio delle ostriche, dello smoked salmon, l’area gourmet, il pub delle birre scozzesi e dell’Haggis, e la lounge sigari con degustazioni e laboratori. Diversi i momenti d’intrattenimento musicale, grazie alla presenza di alcuni gruppi jazz appositamente selezionati per l’occasione.

Per saperne di più
www.spiritofscotland.it
www.gov.uk/ukti

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...