Praga celebra l’eredità spirituale e culturale del re Carlo IV: è l’occasione per ammirare l’originale corona di San Venceslao

Angelo Benedetti, Praga / Repubblica Ceca

Grande statista, abile diplomatico, colto, saggio e ambizioso al punto da riuscire a concretizzare le sue aspirazioni e a tramandarle alle generazioni successive. Lui è Carlo IV, re ceco del Sacro Romano Impero, di cui quest’anno si celebra sotto l’egida dell’Unesco il settimo centenario della nascita con grandi eventi a Praga e dintorni per ricordarne la straordinaria eredità spirituale e culturale. Anche con i francobolli.

 

(TurismoItaliaNews) Si entra nel clou a partire dal 14 maggio, giorno esatto della nascita di una delle teste più coronate al mondo. Carlo IV a ragione merita di essere celebrato con tutti gli onori: a ben guardare di cose ne ha fatte parecchie: dalla fondazione dell'università di Praga all’istituzione della tradizione senza tempo di San Venceslao quale patrono di Boemia, fino all’avvio della realizzazione della Cattedrale di San Vito a Praga. E pure il suo ruolino di marcia è straordinario: questo monarca (14 maggio 1316 - 29 novembre 1378) si è insediato con il nome di Carlo I quale undicesimo re di Boemia (dal luglio 1346 al novembre 1378) e con il nome di Carlo IV quale re di Germania (dal 1346) e imperatore del Sacro Romano Impero (a partire dal 1355); è stato anche il re d’Italia (Lombardia) a partire dal 1355, di Borgogna (Arles) dal 1365, margravio di Moravia (1333-1349) e Conte di Lussemburgo (1346-1353). Non c’è che dire.

Il nome di battesimo era Venceslao (Václav) ma poi ha scelto il nome Charles in onore dello zio e padrino, il re Carlo IV di Francia, alla cui corte ha ricevuto l'istruzione. Carlo IV apparteneva ai governanti più significativi del Medioevo: era straordinariamente colto e intelligente e parlava correntemente cinque lingue. Ha usato il suo potere per consolidare lo stato ceco, ha promulgato la Bolla d'oro del 1356 come un supremo decreto imperiale che ha regolato gli aspetti importanti della struttura costituzionale del Sacro Romano Impero sino alla sua fine nel 1806. Ma anche confermato la posizione eccezionale e indipendente dello Stato ceco all’interno dell'impero.

 

E dunque a 700 anni di distanza, il suo Paese continua a celebrarlo con immutato orgoglio ogni anno. “ Quello del 2016 è però un anniversario di tutto rispetto – ci spiegano da Praga - 700 anni dalla nascita di un sovrano giusto, lungimirante, illuminato, cosmopolita e rispettato da tutti”. Tanto che lo Stato mette in circolazione pure uno splendido francobollo da 54 corone stampato in foglietto e in distribuzione dal 4 maggio: l'autore del disegno è il pittore accademico e grafico Jan Kavan, le incisioni del foglietto e della “busta primo giorno” sono dell'artista grafico e incisore Milos Ondráček.

Per la sua terra natìa non è solo una questione di orgoglio, ma di vera e propria trasformazione: con Carlo IV, uomo colto, mecenate, mente illuminata e grande statista, la Boemia viene universalmente riconosciuta come il cuore dell’Impero e vive il suo periodo di maggior fioritura e benessere. Una figura chiave e imprescindibile nella storia gloriosa della Cechia, quella di Carlo, tanto da essere ancora oggi considerato il padre della patria. Tante le occasioni per capirne di più sulla sua figura attraverso gli eventi organizzati nel Paese.

 

Carlo torna a casa, a Praga

Partiamo ovviamente da Praga, il cui monumento - simbolo è proprio il grande complesso del castello. Eventi speciali e feste grandiose sono in programma in città per tutto l’anno, ma bisogna affrettarsi per non perdere un’occasione unica: ammirare l’originale corona di San Venceslao –fatta realizzare appositamente in occasione dell’incoronazione a imperatore nel 1346 e che quindi a sua volta “compie gli anni”, 670 - esposta eccezionalmente al pubblico. L’appuntamento è ovviamente a castello, dal 15 al 29 maggio, con il regale copricapo protagonista indiscusso della mostra allestita alla Sala Vladislav e dedicata ai gioielli della corona boema. In mostra anche lo scettro, la mela, il mantello e la spada. Se non riuscite a visitare l’esposizione di Praga, non disperate: dal 3 maggio al 28 giugno nel castello di Znojmo saranno esposte le copie fedeli, realizzate dai migliori mastri orafi d’Europa.

Un tuffo nel passato

In questo periodo, comunque, tutto al castello di Praga – nelle sale espositive, nei palazzi, lungo il Vicolo d’Oro, nelle chiese - parlerà di Carlo, della sua vita e della sua epoca felice, durante la quale era d’obbligo coltivare il corpo, la mente ma anche l’anima. Ecco allora che, proprio in occasione della nascita il 14 maggio, nella Cattedrale di San Vito si terrà una messa pontificale alla presenza di tutte le autorità dello Stato, della Chiesa e delle istituzioni e naturalmente con illustri ospiti stranieri. Per tutta la settimana, poi, Praga tornerà all’epoca di Carlo con una vivace festa medievale che vuol essere anche una vetrina sulle singole regioni del regno e sull’influenza che l’imperatore ha avuto su ognuna. Fino all’8 gennaio 2017, sempre nella capitale, al Museo Nazionale della Tecnica è aperta l’insolita mostra Civitas Carolina, incentrata sull’arte edilizia all’epoca del sovrano. In esposizione macchine edili del periodo, tra cui un ariete gotico e la ricostruzione di una gru di legno a trazione umana, la cui funzionalità è stata testata in importanti restauri… Altro momento clou di un calendario particolarmente intenso e animato proprio nella capitale, sarà ovviamente il 2 settembre con la rievocazione della cerimonia di incoronazione.

 

Leccornie da Re

Sempre a Praga non poteva non declinarsi in tema imperiale anche uno degli eventi più attesi della primavera culinaria ceca: il prestigioso e ormai tradizionale Prague Food Festival. In programma dal 25 al 29 maggio, nell’ambito di un’edizione già particolarmente ricca per il suo decennale, la rassegna gastronomica praghese offrirà tra l’altro l’occasione di degustare la cucina di corte con ricette dell’epoca di Carlo IV. E se l’idea di sbirciare nelle cucine d’altri tempi vi gusta, mettete in agenda per l’estate anche la mostra “A tavola al castello nel corso dei secoli”, al castello di Pernstejn, e il banchetto medievale allestito il 6 e 7 giugno al castello di Tocnik. Menu storici e assaggi d’epoca saranno comunque possibili un po’ in tutte le regioni durante l’anno dedicato a Carlo IV.

Corti in festa

Omaggio a Carlo IV anche a Brno, capitale della Moravia meridionale. Qui il 28 maggio il palco estivo della Fortezza Spilberk (proprio quella di Silvio Pellico) ospita la Notte di maggio dei Lussemburgo: una serata speciale dal sapore e le atmosfere trecentesche con musica d’epoca, versi lirici e cucina a tema. A corollario, tanto per calarsi ancor di più nel passato, sono aperte le collezioni e mostre permanenti del castello, nonché le casematte che videro prigioniero appunto Pellico. Bambini protagonisti alla Notte dei Musei – il 28 maggio - di Novy Bor, intitolata quest’anno a “Il folletto Arcibaldo alla corte di Carlo IV”. I piccoli saranno coinvolti nei laboratori della scuola per vetrai e in speciali avventure che li trasporteranno, tra fiaba e storia, all’epoca dell’imperatore. Per gli adulti, concerto di musica medievale, spettacoli teatrali e molto altro. Di grande impatto per tutta la famiglia -grazie anche alle performance di giocolieri, artisti di strada e ballerini in costume antico- anche la grande festa in programma al castello di Velhartice – residenza del suo amico e confidente Busek - nel giorno del compleanno di Carlo, il 14 maggio. Sulle note di musica antica, il borgo ai piedi del maniero prende vita con le prove di destrezza di fanti e cavalieri, un vivace mercato medievale, sfilate in costume, la rievocazione della benedizione e investitura dei cavalieri.

Il 17 settembre, infine, la scena spetterà al castello di Rabstejn, che ogni anno ricorda la permanenza a corte di Elisabetta di Pomerania, quarta moglie di Carlo, e che quest’anno in particolare rievocherà l’episodio in cui l’imperatore acquistò dai Pluh di Rabstejn castello e relativo dominio per donarlo alla sua sposa.

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...