Nuova Zelanda, nuova generazione di fenomeni: formaggi, casari e gustose tentazioni del Paese che riscopre le sue tradizioni

 GUSTO  Una nuova generazione di casari torna alle tradizioni secolari della lavorazione del formaggio. Accade in Nuova Zelanda, dove lungo la Strada dei Formaggi ritrova vigore l’arte casearia con il gusto dei formaggi più amati a tavola. Ecco allora i luoghi, i personaggi, i piccoli caseifici che con il gusto fanno riscoprire sapori spesso dimenticati.

 

(TurismoItaliaNews) Al di là dei pascoli verdi, i migliori piccoli casari neozelandesi mettono alla prova con le tentazioni più buone il gusto di chi viaggia alla ricerca di quelle produzioni che grazie ad un attento lavoro di ricerca, stanno riscoprendo i vecchi modi di fare il formaggio. Fino al 1920 la Nuova Zelanda era punteggiata di piccoli caseifici, perché a quel tempo il latte poteva compiere tragitti di pochi chilometri per evitare di rovinarsi. Negli ultimi due decenni questa attività è stata opportunamente ripresa e valorizzata sia nell'Isola del Nord che nell'Isola del Sud da una nuova generazione di casari, molti dei quali agricoltori, che hanno iniziato a produrre il formaggio con il latte di grande qualità. Con la nascita del chilometro zero: molti hanno aperto un loro negozio direttamente in fattoria, dove l’accoglienza è cordiale e il formaggio è sublime: può esserci modo migliore per andare alla scoperta di questo Paese nell'oceano Pacifico meridionale? Ecco allora i luoghi, i caseifici e i personaggi in cui bisogna assolutamente andare.

Auckland e Northland. Si parte nel lontano nord da Mahoe Cheese, vicino Kerikeri, che ha vinto diversi premi, tra cui il Champion of Champions al New Zealand Champions of Cheese Awards. Il caseificio e il relativo negozio si trovano lungo la State Highway 10 nella fattoria della famiglia di Anna e Bob Rosevear; il figlio Tim munge 60 vacche frisone, mentre i fratelli Jesse e Jake lo trasformano in formaggio in stile olandese: il Very Old Gouda. Vincitori di numerosi premi, i casari artigianali Grinning Gecko producono con il latte biologico certificato di una fattoria locale, alcuni dei migliori formaggi a pasta molle della Nuova Zelanda. Dal loro piccolo caseificio nel cuore di Whangarei, nel Northland, arriva il formaggio fatto a mano tre o quattro volte alla settimana.

 

Da qui, in direzione sud verso Auckland – percorrendo la strada panoramica State Highway 16 – ci si può fermare al Matakana Farmers’ Market per il Whangaripo, una mozzarella di bufala. Lungo la strada, appena fuori la città in Taupaki, è bene fare un salto da Crescent Dairy, che alleva le capre in modo assolutamente naturale e controllato e produce solo uno o due formaggi al giorno. I prodotti sono a dir poco fenomenali – il Dirty Devil a crosta lavata dal gusto deciso (durante la maturazione il formaggio viene esternamente lavato spesso con acqua e sale) e il Parvenu, più dolce, morbido e cremoso.

 

Sulla Auckland's North Shore, Il Casaro dà sostanza ad una gustosissima mozzarella con latte proveniente appena fuori dalla città; un prodotto che riscuote grande successo nei ristoranti di Auckland e che è possibile acquistare anche direttamente nel factory shop e in diversi mercati della zona. A soli cinque minuti dal cuore da Auckland, “Sabato” è un negozio specializzato di generi alimentari con un impressionante reparto dedicato ai formaggi. E’ davvero il posto giusto per assaggiare e comprare una selezione di prodotti caseari della Nuova Zelanda insieme a del buon vino per iniziare al meglio l’avventura culinaria a Auckland City. Il casaro Calum Hodgson è una fonte di informazioni su formaggi provenienti da tutto il mondo ma soprattutto dalla Nuova Zelanda. Il Waikato è una delle 16 regioni della Nuova Zelanda – si dice che qui l'erba è più verde di quasi qualsiasi altro luogo della nazione – e non a caso si rivela un paradiso per gli amanti del formaggio. Da queste parti ci sono i migliori casari, tra cui “Mercer Cheese”, un piccolo negozio lungo la strada statale, dove dai primi anni Ottanta Alfred Alfrink e sua moglie Ineke vendono Edam, Maasdam e Gouda. Nella piccola cittadina di Putaruru “The Dairy Luna” dal 2008 propone formaggi con latte di pecora, capra e muccai provenienti da aziende agricole vicine. Forme caratterizzate da sapori intensi e persino precisione tecnica, dovute alla fantasia creativa del co-proprietario Neil Willman, un maestro di formaggio e anima della New Zealand Cheese School, tanto che se siete davvero appassionati potete partecipare ad un corso di formazione in caseificazione. Il Galactic Gold – a crosta lavata - è il formaggio per concludere tutti i formaggi.

 

A Lower North Island, accanto al possente Whanganui River, “Lonely Goat Cheese” produce formaggio secondo ricette tradizionali e tecniche manuali. Gli autodidatta Rae e Brian Doughty hanno conquistato due medaglie per i loro formaggi Fiery Feta e Pepato. Il Wanganui River Traders Market, sulle rive del fiume Whanganui, è il posto migliore per acquistare questo delizioso formaggio (sabato, 9:00-01:00). Poco più a sud, i casari artigianali Cartwheel Creamery offrono formaggi eccezionali che riflettono la bontà naturale della Pohangina Valley, nei pressi di Palmerston North. Il latte proveniente da produttori biologici locali (Gorge Fresh Organics) si combina con ricette tradizionali su misura per la produzione di camembert, crosta lavata, blue, feta piccante e tre varietà di haloumi. Provate il piccante Vlue Rhapsody al Feilding Farmers' Market (venerdì, 9:00-1:30) o al caseificio stesso (la domenica, dalle 13 alle 16).

Cwmglyn Farmhouse Cheese (pronunciato Coom-Glin, cwmglyn.co.nz) è fatto a mano con il latte raccolto da una piccola mandria di mucche Jersey. La casara Biddy Fraser-Davies munge le mucche e produce il formaggio, ed è davvero brava a farlo. Il pluripremiato formaggio a pasta dura (Super Gold al World Cheese Awards 2014-2015 a Londra, tra gli altri) ha crosta naturale e matura in ambiente con clima controllato clima per un periodo da 3 a 7 mesi. Gli ospiti sono invitati a visitare Biddy nella sua fattoria, appena a sud di Eketahuna nel distretto rurale Tararua.

 

Spostiamoci a Kaikoura e Canterbury. Dan e Sara Jenkins proprietari del Kaikoura Cheese non avevano precedenti esperienze in agricoltura quando un paio di anni fa hanno iniziato con tre capre in un terreno appena al di fuori di Kaikoura, cittadina adagiata in una baia a ridosso della omonima penisola. Oggi hanno 60 capre e fiore all’occhiello della loro piccola fattoria è il formaggio morbido Tenara. Dirigendosi a Christchurch, si comincia dai Canterbury Cheesemongers: un negozio con una gamma incredibile di formaggio neozelandese. Da qui verso la Banks Peninsula si trova “Barry’s Bay Cheese”, che si affaccia sul grazioso porto di Akaroa: dal 1895 l’attività casearia avviene con metodi tradizionali e latte fresco locale che hanno portato in dote una serie di riconoscimenti.

Infine il Deep South. Guidando per poche ore a sud verso Oamaru dà la possibilità di scoprire il Whitestone Cheese e la sua sala di degustazione: il latte impiegato per produrre una vasta gamma di formaggi è quello di una manciata di agricoltori vicino a North Otago, anche se è il Lindis Pass Camembert - appiccicoso e puzzolente - ad essere stato descritto come il più grande formaggio della Nuova Zelanda. A Whitestone si fa anche un burro cremoso e gialla, inclusa una versione affumicata decisamente… pericoloso.

 

Più a sud attraverso la State Highway 1 ci si avvicina a Dunedin, dpve si trova Evansdale Cheese, in attività dal 1970: l’accoglienza è allegra e il personale competente; da provare il Ruby Bay, avvolto in cera rossa brillante. Si prosegue verso Invercargill’s Blue River Dairy alla ricerca del fantastico Pecorino prodotto con latte di pecore allevate in zona. Già che ci sete, concedetevi una versione gourmet del leggendario panino al formaggio della Nuova Zelanda (e caffè-latte di pecora) al Blue River’s Sheep Milk Cafe.

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...