Si fa presto a dire olio extravergine di oliva: ecco i consigli del critico enogastronomico Fausto Borella

Stampa
images/stories/libri/TerreDOlio2017.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   2017   guida   gastronomia   food   produzione   extravergine   Olio   Fausto Borella   Terred’Olio  

Si fa presto a dire olio extravergine di oliva. Il Belpaese nel bacino mediterraneo è famoso per essere produttore di grandissima qualità, eppure quando si deve scegliere quale olio comprare bisogna meditare oltre che assaggiare. Un utile strumento di riferimento è sicuramente “Terred’Olio 2017” firmato da Fausto Borella, con 252 degustazioni effettuate sulla proposta di 150 produttori italiani.

 

(TurismoItaliaNews) “C’è sempre più timore di quello che ci propinano al supermercato – osserva Fausto Borella - di tutto, tranne che dell'Olio Extravergine. Solitamente il gesto che si ripete è ‘ditino verso il prezzo più conveniente – ovvio, guardo quello al litro – ditino ancora in alto, in basso ed eccolo qua il mio meraviglioso olietto a 4 euro al litro pronto per il mio super acquisto’. Perché non proviamo a renderci conto che il prodotto Olio vale un prezzo adeguato, perché prima di tutto è fonte di benessere per il nostro corpo? Eppure tutto ciò che è collegato a benessere e wellness è straricercato nei motori di ricerca. Tutto, tranne l'Olio Extravergine”.

E’ una opportuna considerazione, che poi di fatto è una premessa, quella che arriva da Borella, perché mentre sul versante vino quando lo dobbiamo acquistare tutti (più o meno) ci comportiamo da intenditori, in pochi quando si tratta di olio usano la stessa attenzione, concentrandosi solitamente solo sul prezzo. E non va bene, perché quando si scopre quali sono i costi che il produttore sostiene per imbottigliare il suo olio extravergine, poi ci si chiede come sia possibile trovare qualcosa del genere sugli scaffali del supermercato.

“Un caro amico produttore – racconta Fausto Borella (nella foto a destra) - mi ha portato un foglio in cui erano elencate, in maniera certosina, tutte le spese che un attento olivicoltore affronta dal 1° gennaio al 31 dicembre. Il risultato è sorprendente e, per certi versi, avvilente. L'elenco delle voci riporta il lavoro quasi mensile per preparare l’olivo durante la fase fenologica, cioè della crescita della pianta, per alimentarlo con prodotti idonei, proteggerlo dagli agenti esterni che possono attaccarlo e poi ancora le voci autunnali su raccolta, trasformazione, imbottigliamento e, dulcis in fundo, burocrazia”. Così si scopre che per un oliveto di 1.000 piante nel 2016 è stato necessario spendere 34.875 euro. Tenendo presente che la stima di produzione è stata pari a 1.500 litri, il prezzo al litro sarebbe di € 23,25, vale a dire 11,63 euro per una bottiglia da 500 ml.

“E abbiamo calcolato tutto solo in base alle spese, senza alcun guadagno E allora cosa dobbiamo capire da questo calcolo finale? – si chiede Borella - se siete arrivati fin qui a leggere vuol dire che appartenete a due categorie: i produttori che vogliono capire se gli tornano i conti del collega oppure un appassionato consumatore che non si aspettava uno sforzo fisico, mentale ed economico come questo. lo, dal canto mio, vi posso assicurare una cosa: tutti i produttori presenti in Terred'Olio sono grandi donne e grandi uomini che si alzano la mattina e vanno a letto la sera sapendo di aver rispettato la natura e, cosa fondamentale, di aver creato un olio extravergine di oliva di estrema qualità. Meritano di vedersi acquistare almeno una bottiglia, per comprendere la differenza con gli oli che trovate a 4 euro€ al litro”.

L’autore. Fausto Borella è un critico enogastronomico. La sua carriera ha avuto inizio dopo l'incontro con Luigi Veronelli, scoprendo con lui i più importanti giacimenti gastronomici italiani. Sommelier professionista e degustatore ufficiale, da 11 anni ha fondato l'Accademia Maestrod'olio, attraverso cui organizza seminari e degustazioni in Italia e all'estero per far comprendere il giusto abbinamento cibo-vino-olio. Da anni promuove l'olio extravergine italiano grazie a corsi di degustazione ed eventi, per informare il consumatore sulle reali caratteristiche di questo prodotto ancora poco conosciuto. E’ creatore e organizzatore di extraLucca, un evento in cui l'olio extravergine proveniente da tutta Italia diventa il protagonista attraverso i suoi profumi e i suoi sapori e l'abbinamento con le più svariate preparazioni. Ha luogo ogni anno a febbraio a Lucca, in Toscana. Dal 2016 è il volto dei programmi “Profumo d'Olio” e “Terre d'Olio” su AliceTv e MarcopoloTv.

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...