CURIOSITA’ | Filettino: il piccolo comune che vuol diventare principato

Stampa

(TurismoItaliaNews) Se i piccoli Comuni con meno di mille abitanti sono in rivolta per l’ipotesi sempre più concreta di una loro soppressione per tagliare i costi, c’è chi si ingegna “per rimanere in vita”. A Filettino, comune in provincia di Frosinone, il sindaco Luca Sellari ne ha studiata una bella, forse una provocazione, ma forse anche ben più di una semplice provocazione: trasformare il Comune in un Principato.

E infatti è già on line all’indirizzo www.principatodifilettino.com  il sito di questo fazzoletto di terra della Ciociaria pronto a diventare indipendente e abbandonare l’Italia repubblicana per darsi una nuova configurazione istituzionale con tanto di moneta propria: il fiorito. Secondo il cambio di Filettino, dieci fiorito valgono venti euro. L’operazione comunque ha un risvolto commerciale di tutto rispetto: le richieste della banconota fatta stampare dal Comune hanno già fatto registrare un boom (con buona pace della Corte dei conti) e in vendita ci sono anche t-shirt e souvenir vari, come bottiglie di vino con etichetta in tema.

Su tutto campeggia lo stemma del Principato di Filettino, che racchiude in sé gli elementi primari che caratterizzano il paese e cioè le straordinarie bellezze naturali, la ricchezza e la purezza delle acque e la neve; elementi che sono strettamente legati alla storia e alle radici culturali di Filettino, rappresentate dal campanile e dalla riproduzione dello stemma comunale, simboli che vogliono ribadire il legame del popolo filettinese con le proprie origini ma soprattutto l'autonomia e l'indipendenza di Filettino. Il motto del principato è “Nec flector, nec frangor”, cioè “non mi piego, non mi spezzo".

Ma il vulcanico sindaco pensa a tirare dalla propria parte (e non sarà difficile) anche gli altri piccoli Comuni a rischio soppressione: non solo il primo cittadino filettinese ha invitato il principe Emanuele Filiberto di Savoia e il principe Giovannelli, ma ha organizzato un incontro con tutti i sindaci per il 17 settembre 2011 al quale ha invitato anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il ministro dell’economia Giulio Tremonti. Lo scopo è quello di raccogliere le problematiche e presentarle al presidente del Consiglio e al ministro dell’Economia in modo da convincere il governo a fare un passo indietro sulla decisione di accorpare i comune sotto i mille abitanti. “Già 60 comuni hanno risposto positivamente all’invito per l’incontro di Filettino - ha spiegato il sindaco - e noi siamo determinati ad andare avanti”.

 

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...