MARCHE | L’archistar Italo Rota firma la Fabbrica del Carnevale di Fano: la città si proietta nel futuro con un concept di grande effetto

Stampa
images/stories/varie_2019/Fano_ItaloRota_Citta_del_Carnevale_01.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   carnevale   Marche   progetto   architettura   2019   Fano   destinazione marche   archistar   Italo Rota   Fabbrica del Carnevale  

E' Italo Rota, uno degli architetti italiani più famosi al mondo, a firmare la Fabbrica del Carnevale, il nuovo spazio creativo di Fano che si realizzerà con il contribuito di oltre due milioni e mezzo di euro della Commissione Europea. La città marchigiana è la culla di uno dei più antichi e importanti carnevali di Italia, evento caratterizzato da un turbinio di creatività, musica e colore che ogni anno raduna attorno a sé un enorme pubblico. La secolare tradizione fanese del carnevale vede in quest’anno un passaggio di grande crescita per la storia e la cultura del territorio.

 

(TurismoItaliaNews) La Fabbrica del Carnevale è un progetto innovativo che prende spunto da uno dei cluster della città: Fano, città del carnevale. Il nuovo edificio vedrà il recupero del Sant’Arcangelo, il complesso monumentale più imponente e suggestivo del centro storico. Qui l’obiettivo è la creazione di uno spazio articolato, pensato per evocare il Carnevale, con le sue maestranze e la sua creatività, e dove si uniranno le sonorità del jazz, cui la città dedica da anni un festival molto conosciuto.che si realizzerà con il contribuito di oltre due milioni e mezzo di Euro della Commissione Europea.

L’archistar Italo Rota consegnerà alla città di Fano uno spazio rigenerato e pieno di colori, che non solo racconterà il carnevale all’interno del nuovo spazio museale, ma avrà un laboratorio di produzione interessato alla creazione di un nuovo carnevale. Rota ha ricreato l'edificio e l’ha dotato di strutture leggere e modulabili di acciaio, legno e vetro. Un suggestivo progetto basato su innovative soluzioni funzionali e a ridotti consumi energetici. Con oltre settemila metri di superficie utilizzata su tre piani di sviluppo, l’edificio godrà di un cortile interno, oltre ai numerosi laboratori e spazi creativi. “Il nuovo Sant’Arcangelo - spiega Italo Rota - avrà un forte carattere internazionale, ma allo stesso tempo conserverà la facciata originale che ho scelto di non modificare in onore della memoria, molto precisa, dei tanti che lo hanno vissuto in passato e nella funzione pedagogica che manterrà”.

Proprio come il carnevale, anche questa Fabbrica creativa favorisce l’aggregazione culturale attraverso la musica, la danza e la creatività, con i vari laboratori produttivi che saranno ospitati al suo interno. Uno spazio moderno di aggregazione e ricreazione pensato per la città e per i numerosi visitatori che ogni anni scelgono Fano come meta per le vacanze.

Come arrivare  a Fano
In auto: Autostrada A14, uscita Fano, uscita Marotta
In treno: da Milano – Bologna – Taranto –> stazioni Fano e Marotta
In aereo: aeroporti Ancona – Falconara ( km 46) ; Rimini – Miramare (km 48)
Via mare: Stazione Marittima di Ancona, Porto Turistico di Fano

 

Marche, a Fano per scoprire la città di Vitruvio (in attesa della mostra dedicata a Leonardo da Vinci)

Le suggestioni della ex chiesa senza tetto: a Fano, nelle Marche, uno tra i più affascinanti e inusuali tesori artistici

Città di Vitruvio, Città del Carnevale più antico d’Italia, Città dei bambini e delle bambine: Fano (Marche) fa debuttare il suo city brand

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...