MATERA | Debutta Italia SmArt Community, tecnologie per la valorizzazione dei beni culturali e dei territori a vocazione turistica

Stampa
images/stories/varie_2019/Pentapolis01.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   cultura   Basilicata   2019   Matera   Pentapolis   Italia smArt Community   Capitale Europea  

(TurismoItaliaNews) Un progetto integrato che ha l'obiettivo di diffondere e promuovere la rigenerazione e l’innovazione urbana in una visione che ponga il cittadino al centro di una città realmente intelligente, con l’utilizzo di tecnologie volte alla valorizzazione dei beni culturali e dei territori a vocazione turistica. Favorendo la nascita di nuove iniziative secondo il metodo dell'open innovation. Debutta a Matera Italia smArt Community. La valorizzazione del patrimonio storico-culturale ha implicazioni estese ai più disparati settori, che si vuole invitare al confronto e dialogo. Ecco perché nasce Italia smArt Community, network che riunisce istituzioni, imprese, enti di ricerca, università, società civile, media e startup per un obiettivo comune: la promozione di una società digitale e sostenibile per una maggiore valorizzazione e migliore fruibilità dei beni culturali.

"Le città italiane, con le loro bellezze, difficoltà e contraddizioni devono e possono diventare i luoghi simbolo dell’intreccio virtuoso tra innovazione, tecnologia, beni culturali e resilienza che le rende così diverse e uniche al mondo – spiega Massimiliano Pontillo, presidente di Pentapolis Onlus - Italia smArt Community parte da Matera, Capitale Europea per la Cultura 2019, per lanciare il proprio progetto di network attraverso un summit, con la volontà di coinvolgere istituzioni, governo, imprese, enti di ricerca, società civile, media su un obiettivo comune: la costruzione di una società digitale e sostenibile che favorisca la cultura e il turismo”.

Pentapolis Onlus è un’associazione di comunicatori e giornalisti, che promuove l’ambiente, la responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile; con l’obiettivo di diffondere un “Eco-Rinascimento delle Comunità urbane”, a livello glocal. Svolge prevalentemente attività di informazione, comunicazione e ricerca rivolte sia ai cittadini sia alla business community, con l’obiettivo di creare una nuova cultura capace di coniugare etica e profitto, collegando in un’azione sinergica le aziende, le istituzioni e la società civile. Si propone di diffondere stili di vita a basso impatto ambientale, favorendo l’eco-innovazione, la bio architettura, le energie rinnovabili, una mobilità a zero emissioni, l’alimentazione biologica, un turismo responsabile, la finanza etica.

Si parte da un assunto universamente riconosciuto: l’Italia ospita uno straordinario patrimonio artistico e architettonico, umanistico e scientifico, paesaggistico ed enogastronomico. Questa ricchezza è scarsamente valorizzata mentre potrebbe attrarre più talenti, generare più turismo e occupazione, ed esprimere appieno quel potenziale di educazione alla creatività, alla razionalità e alla bellezza che caratterizza la migliore cultura del Paese. Conservazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale sono intrecciati con il destino delle città e rappresentano una sfida a molte dimensioni; impattano molteplici settori: dalla mobilità all’efficienza energetica, dalle infrastrutture digitali al mondo dell'ospitalità, dai rifiuti alla finanza e al dataset.

I nuovi paradigmi tecnologici e sociali nati dalla rivoluzione informatica (l’IoT, l’Economia Condivisa, le Smart City) offrono una straordinaria opportunità per meglio preservare e rilanciare il patrimonio storico-culturale dell'Italia, e trasformare le future Smart Community in città della e per la cultura. Il contesto, altamente multi-disciplinare, rende prioritario il perseguimento di nuove comunità e reti sociali che andranno progettate in maniera integrata e partecipata, abitate da persone interessate a sviluppare relazioni che creino una collaborazione sinergica tra le istituzioni, le imprese, le associazioni e le università, sfruttando le nuove tecnologie dell’informazione capaci di coniugare sviluppo economico, ambientale e sociale. Favorire nascita di nuove relazioni è l'obbiettivo principale dell'iniziativa, consapevoli che nell'economia della rete contano, più che i nodi, le connessioni.

Per saperne di più

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...