LIGURIA | Nel Parco Nazionale delle Cinque Terre maquillage per 6 ettari di terrazzamenti con tradizionali muretti a secco

Stampa
images/stories/liguria_CinqueTerre/ParcoNazionaleCinqueTerre06.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   tradizioni   Liguria   Cinque Terre   restauro   parco nazionale   muretti a secco  

Disco verde in Liguria al progetto di recupero e mantenimento di circa 6 ettari di terrazzamenti con muretti a secco e delle relative opere di regimazione idraulica nelle Cinque Terre per migliorare la capacità di resistenza del territorio ai fenomeni meteorologici resi più estremi dal cambiamento climatico. Il progetto si chiama StoneWallsForLife e vede il Parco Nazionale delle Cinque Terre come capofila. Parco che per combattere cause ed effetti dei cambiamenti climatici ha lanciato come sfida proprio la costruzione di nuovi muretti a secco.

 

(TurismoItaliaNews) La valutazione positiva è arrivata dall'Easme, l'Executive Agency for Small and Medium-sized Enterprises ed è stato approvato per un finanziamento all'interno del Programma Life, lo strumento finanziario dell'Unione Europea per l'ambiente e il clima, nell'ambito della tema "Climate change adaptation" (Adattamento al cambiamento climatico). "La proposta, pienamente coerente tanto con i fini istituzionali dell'Ente Parco quanto con gli obiettivi del Programma Life in termini generali e specifici come la gestione sostenibile dell'acqua in aree soggette a inondazioni, la capacità di adattamento dei settori agricolo, forestale e turistico, la resistenza delle infrastrutture – spiega Patrizio Scarpellini, direttore dell'Ente Parco - consiste in un progetto di recupero e mantenimento di circa 6 ettari di terrazzamenti con muri a secco e delle relative opere di regimazione idraulica nelle Cinque Terre per migliorare la capacità di resistenza del territorio ai fenomeni meteorologici resi più estremi dal cambiamento climatico”.

Nello specifico il progetto prevede di intervenire per il recupero dei terrazzamenti anche attraverso l'adozione di alcune metodologie innovative di rinforzo del terreno nelle aree pilota individuate all'interno del Comune di Riomaggiore (anfiteatro di Manarola) grazie anche al dettagliato lavoro preparatorio dalla Fondazione Manarola; esso prevede inoltre l'avvio di corsi di formazione per operai da impegnare nella ricostruzione dei muri, un monitoraggio scientifico e tecnologico approfondito delle aree di progetto, lo studio di due ulteriori aree di intervento nei comuni di Monterosso e Vernazza per una potenziale replicazione dell'intervento e, come fortemente raccomandato da Life, di sviluppare una strategia per la replicazione del progetto sul territorio e il trasferimento dell'esperienza acquisita in altri contesti dell'Unione Europea quali il Parc del Garraf (Provincia di Barcellona).

In questo senso, il progetto va visto come una componente, essenziale ma non unica, di una strategia più vasta di recupero e manutenzione del territorio. A seguito della valutazione positiva del progetto e dopo una serie di passaggi di revisione tecnica e finanziaria, l'Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre ha siglato un dettagliato accordo di concessione, con una data d'inizio del progetto prevista per luglio 2019 e la conclusione fissata per luglio 2024. L'importo complessivo del progetto è di 3.715.000 euro ed il programma Life rimborserà il 55% dei costi ammissibili del progetto attraverso un contributo Ue complessivo di circa 2.039.000 euro; la parte rimanente dovrà essere sostenuta dai membri del consorzio attraverso contributi economici o impegno di personale. Il contributo finanziario richiesto all'Ente Parco è pari a circa 970mila euro.

Il partenariato del progetto è composto da partner con professionalità diverse e complementari: l'Ente Parco come leader capofila, data la sua competenza e responsabilità nella tutela del territorio e del paesaggio; l'Università di Genova – Distav come partner scientifico responsabile della analisi tanto dell'effetto del cambiamento climatico sul territorio quanto della valutazione e del monitoraggio delle azioni e dei risultati del progetto; Fondazione Manarola per la individuazione delle aree di intervento e la mobilitazione della popolazione e delle parti interessate; Itrb Group come esperto di scrittura, gestione e valorizzazione di progetti Europei; Legambiente per gli aspetti legati alla comunicazione e alla gestione finanziaria e la Provincia di Barcellona per quanto riguarda la replicazione in altre aree dell'Unione Europea con simili caratteristiche e criticità.

Il sito del Parco nazionale delle Cinque Terre

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...