CULTURA | Al Museo Matenadaran di Yerevan in mostra tre manoscritti armeni del XIII e XIV secolo provenienti da Firenze

Stampa
images/stories/armenia/Yerevan_RepublicSquare01.jpg
mostra   Firenze   cultura   2019   Pisa   beni culturali   Armenia   Yerevan   Cnr   ambasciata d'Italia   Museo Matenadaran   manoscritti  

Tre manoscritti armeni del XIII e XIV secolo provenienti da Firenze sono in mostra al Museo Matenadaran di Yerevan grazie all'impegno dell'Ambasciata d'Italia e del Cnr. La mostra - che è una perfetta sintesi tra scienza, arte, storia e tecnologia - permette, grazie alle modernissime tecniche digitali sviluppate dal Cnr di Pisa, di apprezzare l'incisività e la ricchezza del messaggio contenuto nei codici armeni.

 

(TurismoItaliaNews) Si tratta di tre manoscritti da secoli in Italia, ora a Firenze, riproposti nel tempio della memoria e della cultura armena che è il Museo Matenadaran. I documenti sono un rituale di ordinazione del 1232 miniato in Cilicia, un messale romano del 1353, copiato a Pisa, un manoscritto contenente un Breviario domenicano e i cantici del Salterio, copiato a Buda nel 1369. La storia di quello che è un viaggio nel corso dei secoli e le motivazioni culturali che lo accompagnano vengono raccontate da Anna Rita Fantoni, rispettivamente direttrice e già vice direttrice della Laurenziana, splendido luogo michelangiolesco dove i manoscritti sono conservati e della Biblioteca di San Marco da dove due di essi provenivano.

Yerevan, Republic Squadre

Immagini e testi sono resi fruibili anche dalla descrizione multimediale e interattiva dimostrando come la scienza sia uno strumento di divulgazione formidabile anche per il coinvolgimento delle giovani generazioni.

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...