GENOVA | Arte urbana per la rigenerazione del territorio: “On The Wall” è il project per Certosa sul tema della gioia

Stampa
images/stories/varie_2019/GenovaMurales04_Belf_ViaFillak_phDavideColagiacomo.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   arte   Genova   2019   Comune   Certosa   street art   On The Wall   Valpolcevera  

L'obiettivo è la riqualificazione urbana di Certosa, quartiere della Valpolcevera, colpito dalla tragedia del Ponte. On The Wall è il progetto del Comune di Genova grazie al quale fino all'11 agosto 2019 Certosa diventa il luogo di uno straordinario intervento di street-art, con artisti di fama internazionale che interverranno su dieci facciate di diversi stabili, coinvolgendo alcuni tra i nomi più importanti del panorama internazionale e nazionale.

 

(TurismoItaliaNews) On The Wall si colloca come punto nodale di un percorso di rivalutazione del tessuto urbano di Genova, che ha l’obiettivo di far volgere nuovamente lo sguardo verso l'alto, in un quartiere che ha risentito fortemente delle vicende dell’ultimo anno. Una nuova attenzione alla valle, attraverso l’arte e la bellezza, motori di un percorso di risarcimento sociale oltre che dal forte impatto urbanistico; un intervento massivo in grado di modificare in positivo la percezione dello spazio abitativo dei suoi abitanti e di tutti coloro che nelle prossime settimane passeranno da una delle zone più afflitte dal crollo del Ponte.

Arte urbana per la rigenerazione del territorio a Genova: “On The Wall” è il project per Certosa sul tema della gioia

Arte urbana per la rigenerazione del territorio a Genova: “On The Wall” è il project per Certosa sul tema della gioia

Non solo: On the wall è anche una performance unica e inedita per tutta la città, grazie alla quale si potrà ammirare l'arte urbana in un museo a cielo aperto non elitario e perennemente fruibile da tutti. Tra gli artisti coinvolti nel progetto fino all’11 agosto, nomi di primo piano della scena internazionale come l’olandese Zedz che lavorerà sulla cabina di E-Distribuzione lungo il Polcevera ma anche storici protagonisti dell’arte urbana italiana come Ozmo. Accanto a loro giovani talenti già affermati come Agostino Iacurci, Gola Hundun, Geometric Bang, Rosk & Loste e ancora Greg Jager, Caktus & Maria e Antonello Macs. Importante voce in capitolo sarà naturalmente quella degli artisti genovesi coinvolti, da Christian Blef arrivando a Tiler. Anche i giovanissimi saranno coinvolti, in una maratona decorativa delle saracinesche sparse nel quartiere.

Anche i giovanissimi saranno coinvolti, in una maratona decorativa delle saracinesche sparse nel quartiere. Un cambiamento percettivo radicale, questa la conseguenza naturale di On The Wall, per una Certosa che sarà riconosciuta come un polo attrattivo, vitale e pulsante, di rilevanza artistica e culturale. Come in un magico labirinto, il groviglio delle strade del quartiere si arricchirà di opere d'arte, dalla via più centrale a quella più remota, stimolando un’esperienza immersiva, dinamica e nuova.

Ila Molinelli "On the wall"

Sarà un percorso collettivo che coinvolgerà direttamente la cittadinanza rendendola consapevole della potenzialità del luogo. La visita di Certosa diventerà così un’esperienza emozionale differente, la sua memoria non sarà solo legata al ricordo di una tragedia, ma si trasformerà in un percorso di arricchimento fuori dai luoghi comuni. Una nuova identità, una nuova vita che passa dalla rigenerazione artistica. Il tema dei murales è “La gioia” in ogni sua declinazione e alcuni dei writers prestano la loro opera a titolo gratuito, stante l’alto valore etico dell’evento.

Belf in azione in Via Fillak a Genova (foto Davide Colagiacomo)

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...