ARTE | I “tradimenti” tra classico e contemporaneo: mostre itineranti nei castelli e nei borghi tra le Alpi e gli Appennini liguri

Stampa
images/stories/varie_2019/Tradimenti_QuartettoPerosi.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   arte   Liguria   musica   Appennino   2019   agosto   settembre   tradimento   Flavia Bigi   Traditur  

Finale Ligure, Montebruno, San Sebastiano Curone, Garbagna e Ottone: sono queste le location per il confronto tra arte contemporanea e tradizione pittorica antica sul tema del "tradimento" per scoprire il lato oscuro della memoria e della storia, quello dei tradimenti e dei travisamenti. Dalle Alpi agli Appennini liguri. Appuntamenti fino al 26 settembre.

 

(TurismoItaliaNews) L'esposizione itinerante lega in una rete i nove borghi che hanno aderito al programma dell'associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj per la valorizzazione e la promozione del territorio e del patrimonio storico e culturale dei luoghi legati alle famiglie Floridi Doria Pamphilj attraverso l'arte e la musica. Il tema scelto per questa prima esposizione itinerante è, appunto, il tradimento. Flavia Bigi - l'artista che vive e lavora fra Roma e Parigi – ha scelto di indagarlo attraverso un progetto dal titolo eloquente: "Traditur", dove il gioco dei dadi incarna l'incertezza del destino umano in un universo esatto e matematico. Come la storia di una casata è legata a una serie di alleanze e tradimenti spesso imprevedibili, così i grandi dadi in marmo nero e bianco che recano incisi i simboli ispirati agli stemmi araldici delle famiglie coinvolte, si interfacciano e si confrontano in accostamenti inaspettati, suggerendo un intricato sistema di rimandi e collegamenti.

Traditur, opera di Flavia Bigi

Il gioco dei dadi riporta nel presente la storia del passato. Duplice è infatti il significato del termine "Traditur": da un lato richiama il significato latino del verbo "tardo", ossia tramandare, raccontare e dall'altro la parola evoca l'italiano "tradire" richiamando così la mostra "Memorie#Tradimenti" che gravita attorno all'avventurosa vita di Francesco Maria Della Rovere coinvolto in tre episodi di "tradimento" assieme alle famiglie Doria, Pamphilj e Floridi. Attraverso la serie gioviana dei ritratti degli illustri, realizzati con la tecnica della pictografia dalla Bottega Tifernate, vengono messi in risalto traditi e traditori eccellenti, protagonisti del Rinascimento: in base alla lettura delle vicende narrate, ognuno può essere visto come il tradito o il traditore, come la vittima o il carnefice. Il confronto tra l'opera di arte contemporanea e la tradizione pittorica antica fa tappa, fino al 28 agosto, ai Chiostri di Santa Caterina, nel più importante complesso monumentale di Finalborgo, e, successivamente, all'Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone dal 30 agosto al 26 settembre.

L'unione dei luoghi con la storia familiare emerge, invece, nell'esposizione "Genius Doria" che, attraverso le riproduzioni dei ritratti genovesi dei Doria – Andrea, il condottiero; Giovanni Andrea, il pronipote successore e Giannettino, vittima della Congiura dei Fieschi del 1547 – mette in mostra la memoria condivisa delle famiglie Floridi Doria Pamphilj con i luoghi coinvolti delle Alpi ed Appennini liguri. La mostra farà tappa al Museo di Arte Sacra di Ottone, dal 31 agosto al 26 settembre.

Sebastiano Del Piombo, ritratto di Andrea Doria

Dalle collezioni Floridi Doria Pamphilj custodite nella Galleria Doria Pamphilj di Roma – una delle più prestigiose raccolte private italiane di arte antica – arrivano le repliche artigianali dei "Dipinti Fiamminghi Doria Pamphilj" realizzati dalla famiglia dei Brueghel (Peter il vecchio, Jan il vecchio e Peter il giovane). Le opere, che rappresentano uno straordinario spaccato della pittura fiamminga del XVI e XVII secolo, insieme al "Compianto su Cristo morto con un donatore" di Hans Memling, si legano idealmente all'ambiente genovese, luogo privilegiato, già a partire dal primo Quattrocento, per la diffusione delle opere provenienti dalle Fiandre. La mostra viene proposta a Garbagna dall'1 al 26 settembre.

Musica, infine, al Santuario di Nostra Signora di Montebruno, il più antico della Val Trebbia, giovedì 29 agosto con il Quartetto Perosi composto da giovani talenti dell'Orchestra Giovanile Regionale Ligure e dal neocostituito ensemble d'archi Accademia Cameristica Lorenzo Perosi, dirette dal maestro Vittorio Marchese. L'ingresso a tutti gli eventi è libero.

In apertura: il Quartetto Perosi

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...