OLANDA | Il museo sull’alluvione dello Zeeland nel 1953: un memoriale sul disastro e centro di documentazione sulla sicurezza idrica

Stampa
images/stories/olanda/WatersnoodMuseumZeeland02_PhNbtcHollandMarketing.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   storia   museo   Olanda   Zeeland   Ouwerkerk   Schouwen-Duiveland   alluvione   memoriale  

Nella provincia olandese dello Zeeland, precisamente a Ouwerkerk, sull’isola di Schouwen-Duiveland, si trova un museo unico al mondo che racconta la storia della grande alluvione del 1953: lo scopo è sensibilizzare il pubblico sugli aspetti legati alla sicurezza idrica ma il museo è soprattutto un monumento in memoria del disastro.

 

(TurismoItaliaNews) La cosa più particolare di questo museo è la serie di edifici in cui è allestito. Esso è infatti ospitato in quattro cassoni frangiflutti Phoenix che il 6 novembre 1953 furono utilizzati per colmare l’ultima lacuna nella diga di Ouwerkerk. Nel 2003, esattamente 50 anni dopo la chiusura dell’ultima lacuna nella diga, la zona interessata e i cassoni sono stati dichiarati monumento nazionale. Centro documentazione nazionale e memoriale dell’alluvione del 1953.

Il museo sull’alluvione dello Zeeland nel 1953: un memoriale sul disastro e centro di documentazione sulla sicurezza idrica

Il museo sull’alluvione dello Zeeland nel 1953: un memoriale sul disastro e centro di documentazione sulla sicurezza idrica

All’interno del museo dell’alluvione, ciascuno dei cassoni è caratterizzato da un proprio tema. Questo offre al visitatore la possibilità di vedere, in uno degli spazi, la storia dell’alluvione raccontata con immagini, mentre in un altro spazio si parla invece dell’uomo e delle emozioni, quindi della ricostruzione e della preparazione al futuro. Per la visita sono disponibili audioguide in 4 lingue.

Percorsi nella natura circostante
Chi visita il museo dell’alluvione può anche visitare una delle 13 spettacolari opere del piano Delta, come per esempio il “Deltapark Neeltje Jans”, seguendo percorsi ciclabili inseriti nella cornice del paesaggio zelandese come la “Watersnoodroute” e la “Deltaroute”, molto istruttivi e ricchi di bellezze naturali. Senza dimenticare le splendide cale, formatesi dopo mesi di afflusso e deflusso delle maree appena dopo il disastro, oggi luogo unico per uccelli, piante terrestri e acquatiche, ideale per escursionisti in cerca di flora e una fauna uniche nel loro genere. Oltre a queste escursioni meritano una visita i caratteristici borghi marittimi di Zierikzee e Brouwershaven.

Il museo sull’alluvione dello Zeeland nel 1953: un memoriale sul disastro e centro di documentazione sulla sicurezza idrica

Per saperne di più
www.watersnoodmuseum.nl
www.vvvzeeland.nl

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...