ITINERARI | "Umbria, cambio di passo: la Via di Francesco come il Cammino di Santiago di Compostela" tra ambiente e turismo

images/stories/umbria/Valfabbrica6.jpg

"Valorizzare la Via di Francesco inseguendo il modello vincente del Cammino di Santiago di Compostela per far registrare, anche in Umbria, anno dopo anno, crescite esponenziali del turismo”: è quanto sostiene il presidente del Consiglio regionale, Marco Squarta, il quale punta ad incentivare l'utilizzo dei percorsi umbri per itinerari a piedi, in bicicletta e a cavallo con l'obiettivo di moltiplicare il numero degli escursionisti.

 

(TurismoItaliaNews) “In Umbria - spiega l'esponente di Fratelli d'Italia - sono presenti ben dieci dei 44 cammini d'Italia inseriti nell'elenco ufficiale ed è un peccato non sfruttarne a pieno le potenzialità considerati gli importanti ritorni economici di questo turismo a basso impatto ambientale". Secondo Squarta è necessario "rivendicare con forza le enormi potenzialità delle nostre terre valorizzando allo stesso tempo i contesti locali e culturali che aiutano a rendere distintiva la destinazione umbra. Con iniziative di questo genere ne beneficerà anche il turismo enogastronomico ma più in generale le città d'arte e i borghi storici che diverranno oggetto di visite da parte dei viandanti".

"Umbria, cambio di passo: la Via di Francesco come il Cammino di Santiago di Compostela" tra ambiente e turismo

"Umbria, cambio di passo: la Via di Francesco come il Cammino di Santiago di Compostela" tra ambiente e turismo

I punti nodali – secondo il presidente Squarta - sono rappresentati dall'impiego intelligente dei fondi europei e dalle campagne di comunicazione che dovranno accompagnare l'attività di rilancio della Via di Francesco, poco meno di 500 chilometri di cammino suddiviso in 22 tappe che parte dalla Toscana e termina nel Lazio sviluppandosi per lunghissima parte in Umbria. "Il pellegrino – argomenta l’esponente politico - non è interessato al confine territoriale quanto all'esperienza in sé del cammino. Da anni la Via di Francesco è stata inserita nell'Atlante digitale dei Cammini d'Italia ed è stata riconosciuta come cammino 'Gold' in virtù della sua popolarità e della qualità dei suoi tracciati. E' forte la caratterizzazione internazionale del cammino, che porta il nome del Santo patrono di Assisi ma viene battuto anche da molti laici, e l'auspicio è proprio che crescano le loro adesioni. Non sono pochi i pellegrini provenienti dall'Italia ma considerato che l'Umbria si trova al centro dello stivale dobbiamo rendere la Via di Francesco ancor più attrattiva per gli abitanti del Nord e del Sud del nostro Paese".

"Senza dubbio - conclude Squarta - è però attorno al turismo straniero, quello con maggiori capacità di spesa, che dovranno essere disegnate le strategie più attrattive. Anche per questo sarà importante rivedere i collegamenti con l'aeroporto, il cui nome è dedicato proprio a San Francesco, e quelli ferroviari, sui quali l'attuale Giunta di centrodestra ha già iniziato a lavorare in maniera seria e costruttiva per far uscire gli umbri dall'isolamento ma anche per attirare gente disposta a spendere e investire nella nostra bella Umbria".

"Umbria, cambio di passo: la Via di Francesco come il Cammino di Santiago di Compostela" tra ambiente e turismo

Covid-19: donazioni alla Protezione Civile

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...