ISLANDA | Restrizioni di viaggio in atto: “Situazione sotto controllo, gran parte dei malati rientrati da zone a rischio come Nord Italia e Austria”

images/stories/varie_2020/Coronavirus06.jpg

Anche l'Islanda ha attuato le restrizioni di viaggio imposte per l'area Schengen e l'Unione europea. Le autorità islandesi hanno adottato importanti misure per contenere la potenziale diffusione del virus Covid-19 e ridurre al minimo gli effetti sul Paese. “Promote Iceland è in costante collegamento con le le autorità nazionali, osservando attentamente la situazione e adottando misure ove opportuno”. Prima di partire è bene verificare la situazione su ViaggiareSicuri.it

 

(TurismoItaliaNews) Le restrizioni ai viaggi in Islanda restano in vigore almeno fino al 17 aprile 2020. “Le autorità islandesi – spiegano da Promote Iceland - sono ben attrezzate per gestire la situazione e si pone l'accento sull'impegno a rendere chiaro e disponibile al pubblico il flusso di informazioni sugli ultimi sviluppi. Ciò avviene, ad esempio, attraverso conferenze stampa quotidiane con funzionari della sanità e della sicurezza nazionale tramite canali di notizie”.

Reykjavik

L'Islanda ha pochi punti di ingresso e la più bassa densità di popolazione in Europa. Di conseguenza, le autorità sanitarie sono state in grado di spostarsi rapidamente per identificare, comunicare e, se necessario, mettere in quarantena i residenti islandesi. Alla luce del fatto che il Paese è un'isola, si pone particolare attenzione sull'identificazione di residenti e viaggiatori che rientrano da aree ad alto rischio per attuare azioni preventive, nonché a coloro che sono stati in contatto con individui infetti, per contenere la diffusione del virus. Un numero proporzionalmente elevato di campioni è stato così prelevato dai passeggeri in arrivo per ottenere una diagnosi precoce delle infezioni.

“La maggior parte dei casi di infezione in Islanda – si spiega - erano direttamente collegati ai viaggi verso aree ad alto rischio, principalmente nel Nord Italia e in Austria. Finora alcune persone diagnosticate sono state ricoverate in ospedale come gravemente malate. Non è stata segnalata la morte di residenti islandesi. Come misura preventiva, oltre quattromila persone sono in quarantena domestica per 14 giorni, perché tornate di recente da aree ad alto rischio o entrate in contatto con individui infetti”. In Austria sott'osservazione è finito il borgo di Ischgl, nel Tirolo, meta sciistica dove numerosi giovani islandesi hanno trascorso le vacanze per la settimana bianca. Proprio qui un migliaio di turisti nord-europei avrebbero contratto il contagio. Il borgo è stato poi dichiarato zona rossa dalle autorità austriache, che tuttavia fino all'ultimo hanno respinto l'idea di essere considerati un focolaio.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...