DOPO COVID-19 | #ripartiamodallinformazione, arriva il Manifesto dei giornalisti italiani di viaggio e turismo: appello a Governo e Mibact

images/stories/varie_2020/ManifestoTurismo01.jpg

Gist e Neos, le associazioni dei giornalisti italiani specializzati nel settore turistico, hanno stilato un manifesto per chiedere al Governo italiano il sostegno dell’editoria turistica e dell’informazione professionale. L’informazione giornalistica di viaggio coinvolge migliaia di professionisti che, dalle redazioni o in forma autonoma, assicurano attraverso la cronaca e il reportage un flusso ininterrotto di notizie selezionate e verificate. In tempi in cui i confini tra informazione, propaganda e fake news si fanno sempre più labili, i giornalisti di turismo rappresentano una voce competente e affidabile, in grado affiancare i player nazionali nel rilancio del turismo.

 

(TurismoItaliaNews) I giornalisti della stampa turistica chiedono che in questo drammatico momento la voce dell’Italia non si spenga. Da tempo il giornalismo turistico e l’editoria di riferimento vivono un periodo di crisi. “In seguito all'emergenza Coronavirus, la situazione è peggiorata – argomentano Gist Neos - l’emergenza ha contratto il lavoro fino al 50%, per il 74% dei giornalisti. Secondo l’indagine, il calo è dovuto per il 43% alla sospensione di pagine di turismo e per il 20% al rimando di servizi già realizzati su destinazioni ora chiuse. Alla crisi del sistema turistico è seguita quella del sistema editoriale, con forte penalizzazione della già fragile economica del giornalismo specializzato. I tagli dei budget pubblicitari hanno prodotto l’immotivata sospensione e in alcuni casi azzeramento dell’informazione e la riduzione dei compensi professionali”.

#ripartiamodallinformazione, arriva il Manifesto dei giornalisti italiani di viaggio e turismo: appello a Governo e Mibact

#ripartiamodallinformazione, arriva il Manifesto dei giornalisti italiani di viaggio e turismo: appello a Governo e Mibact

Secondo le associazioni dei giornalisti specializzati, nel rilancio dell’economia turistica post Coronavirus, si dovrà agire all’interno della filiera: istituzioni, agenzie, tour operator, strutture ricettive, ristorazione, vettori, servizi, informazione. “Ciascuno nel rispetto del proprio ruolo e funzione, individuando 'buone pratiche' e puntando sull’eccellenza. Tutte le componenti dell’industria turistica nazionale devono poter risorgere: sia l’incoming, che faccia della “Destinazione Italia” il nuovo baricentro strategico; sia l’outgoing, che torni ad alimentarsi dello “stile italiano” di viaggiare nel mondo. Obiettivo che può essere raggiunto solo attraverso la rivitalizzazione strategica degli investimenti, l’innovazione del prodotto e il rilancio dell’informazione, fatta dai giornalisti competenti e specializzati”.

E dunque la stampa specializzata chiede che il Mibact e l’Enit si impegnino urgentemente in una compagna internazionale di promozione e marketing, per il rilancio dell’immagine e del brand Italia; il Governo dia un sostegno economico immediato all’editoria turistica, sotto forma di finanziamenti a fondo perduto e/o defiscalizzazioni; i presidenti delle Regioni si accordino con il Mibact per la promozione coordinata del Sistema Turistico Italia.

#ripartiamodallinformazione, arriva il Manifesto dei giornalisti italiani di viaggio e turismo: appello a Governo e Mibact

Per saperne di più
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Dramma Coronavirus, Sabrina Talarico, Gist: “No al vuoto mediatico sul turismo, tema che andrebbe spinto con maggiore vigore”

Tesori d'Etruria Firenze

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...