ISRAELE | Gerusalemme riapre la Basilica del Santo Sepolcro, luogo simbolo della cristianità, da sempre meta di pellegrini da tutto il mondo

images/stories/israele/GerusalemmeChiesaSantoSepolcro3Dim1134x756.jpg

Con una nota firmata congiuntamente dai capi delle tre comunità custodi della Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme, è stata annunciata la riapertura del luogo santo simbolo della cristianità, da sempre meta di pellegrini provenienti da tutto il mondo, nuovamente accessibile per visite e preghiere, seppure con le regole del distanziamento e della sicurezza interpersonale.

 

(TurismoItaliaNews) “A seguito dell'evoluzione della situazione in Terra Santa, noi Capi delle Tre Comunità, custodi della Basilica del Santo Sepolcro e della Resurrezione, desideriamo informare che a partire da oggi questo Santissimo Luogo sarà nuovamente accessibile a i fedeli per visite e preghiere” hanno annunciato Theophilos III Patriarca greco ortodosso di Gerusalemme, frate Francesco Patton, ofm Custode di Terra Santa e abp. Nourhan Manougian Patriarca armeno ortodosso di Gerusalemme. Per motivi di sicurezza e al fine di evitare il rischio di una nuova diffusione dell'infezione Covid-19, all'inizio il numero sarà limitato a 50 persone e la Basilica sarà accessibile solo a coloro che non hanno febbre o sintomi di infezione e indossano adeguati dispositivi di protezione per il viso.

Gerusalemme riapre la Basilica del Santo Sepolcro, luogo simbolo della cristianità, da sempre meta di pellegrini da tutto il mondo

Gerusalemme riapre la Basilica del Santo Sepolcro, luogo simbolo della cristianità, da sempre meta di pellegrini da tutto il mondo

Sarà inoltre necessario mantenere una distanza minima di 2 metri tra ogni persona ed evitare qualsiasi atto di devozione che possa includere un contatto fisico come toccare e baciare le pietre, le icone, i paramenti e il personale della Basilica; oltre a rispettare sempre le istruzioni fornite. “Da questo luogo santo, in questo periodo di Pasqua, continuiamo le nostre preghiere, chiedendo la fine di questa pandemia” concludono i capi delle tre comunità custodi.

"La chiusura del Santo Sepolcro si era resa necessaria per ottemperare alle norme previste dal Ministero della Salute, per evitare gli assembramenti e gli eventuali rischi di contagio, a seguito della crisi apertasi con la diffusione del Coronavirus - ha detto Avital Kozter Adari, direttore dell'Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo - la riapertura del Santo Sepolcro è un segnale importante della normalizzazione della gestione dei luoghi di interesse storico e, naturalmente, di tutti quei siti di fondamentale importanza per un ritorno, anche se lentamente, ad una situazione di movimento e di aggregazione, in sicurezza, nel rispetto del normative previste”.

Gerusalemme riapre la Basilica del Santo Sepolcro, luogo simbolo della cristianità, da sempre meta di pellegrini da tutto il mondo

Le linee guida comunicate dal Patriarcato Latino di Gerusalemme

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...