Wild Atlantic Way: sulla costa dell’Ovest d’Irlanda ecco la strada più lunga del mondo

Un percorso lungo il quale non bisogna avere fretta, seguendo solo il ritmo della natura e dei suoi cicli, abbandonandosi all’incanto della terra e del mare. Lungo il tragitto il sole e le nubi si rincorrono incessantemente, creando spettacolari effetti di luce e trasformando costantemente il paesaggio circostante. E’ la più lunga, la più scenografica, la più romantica, la più occidentale d’Europa, la più suggestiva, la più... Gli aggettivi aggiungeteli voi: la Wild Atlantic Way, la lunga strada che percorre l’intera costa atlantica irlandese da nord a sud, vi lascerà strabiliati per la sua remota, epica bellezza.

 

(TurismoItaliaNews) Con i suoi 2500 km è la strada segnalata più lunga del mondo, che si snoda lungo una costa che l’Atlantico ha plasmato nella vertigine dei secoli, formando merletti di scogliere frastagliate, decine di isole e isolette, spiagge sabbiose e incontaminate, profondi estuari e riparate insenature dove si affacciano porticcioli incantevoli e vivaci cittadine.

Strada facendo da viaggiatori
diventerete esploratori

Un’esperienza totalizzante che vi trasformerà da viaggiatori a esploratori, facendovi scoprire angoli remoti e sconosciuti, noti soltanto dalla gente del posto, o fornendovi le indicazioni per raggiungere facilmente i numerosi “discovery points”, luoghi di straordinaria bellezza paesaggistica, ben segnalati durante il percorso, assieme a tutta una serie di informazioni circa attività e altre attrazioni in zona. È proprio questa la grande novità della Wild Atlantic Way: la segnalazione dei principali punti di interesse, assieme alla possibilità di vivere delle esperienze durante il tragitto, le più diverse immaginabili: dalle lezioni di irlandese a Glencolumbkille al tradizionale bagno d’alghe a Mullaghmore Head, dalle escursioni in kayak nella baia di Kenmare alla scuola di pane e forneria Firehouse a Cork. Vista la lunghezza del percorso e il suo andamento serpeggiante, l’opzione è quella di considerare la Wild Atlantic Way in sezioni: potete raggiungerla in qualsiasi punto e percorrerla in qualsiasi direzione, oppure scegliere determinati e brevi tragitti, soffermandovi in una zona specifica.
 

Nord Ovest

La sezione nord-ovest della strada tocca le contee di Donegal e Sligo, offrendo panorami mozzafiato a ogni curva. Poco frequentate e solitarie, dall’atmosfera irripetibile, sono roccaforti del Gaeltacht : qui infatti si trova Oideas Gael, una scuola di lingua irlandese frequentata internazionalmente e che offre corsi per tutti i livelli. Allo Studio Donegal a Kilcar vi verrà mostrato come viene tessuto a mano il tipico tweed irlandese. In Donegal si trova il punto più settentrionale dell’Isola di Smeraldo, Malin Head; scogliere a precipizio, come quelle di Sliabh Liag; e spiagge meravigliose, come quella di Fanad Head. Ma ce ne sono a decine: una gioia per tutti coloro che amano gli sport acquatici, il golf e le camminate. Il romantico paesaggio rurale di Sligo, la terra che tanto ispirò il grande poeta Yeats, è anche il paradiso dei surfisti. A Mullaghmore Head vi sfideranno onde gigantesche, ma i meno avventurosi possono optare per un bagno d’alghe, sperimentare una Yeats Dining Experience con ottimo cibo irlandese e i sublimi versi del poeta, oppure fare un’escursione fino a Streedagh Beach, sito di naufragi dell’Invincibile Armada.

 

Ovest

In questa zona la Wild Atlantic Way attraversa le contee di Mayo e Galway. Qui si può passare un intero pomeriggio con Denis Quinn della Wild Atlantic Cultural Tours alla ricerca di cibo lungo il litorale della Baia di Killala: frutti di mare e alghe che poi saranno trasformati in piatti prelibati. Oppure, attraversare il ponte per visitare Achill Island, la più grande fra le isole irlandesi, con i suoi affascinanti panorami. O ancora, decidere di osservare il fenomeno del Rolling Sun: al tramonto di ogni 18 aprile e 24 agosto il sole sembra rotolare lungo il versante nord di Croagh Patrick, il monte dedicato a San Patrizio. La contea di Galway vanta fra le sue attrazioni l’indescrivibile bellezza del Connemara: a Clifden, la sua “capitale”, potrete noleggiare una bici e percorrere la Bog Road, attraverso una selvaggia e misteriosa torbiera; oppure trascorrere una serata al bar ristorante Oliver’s Seafood di Cleggan, assaporando deliziosi piatti di mare. L’omonimo capoluogo offre un caleidoscopico panorama di luoghi e avvenimenti dedicati all’intrattenimento, pubs in cui ascoltare musica dal vivo, raffinati ristoranti in cui gustare i prodotti del mare (avete mai sentito parlare delle Ostriche di Galway Bay?), in un affascinante e dinamico mix di antico e moderno.

Ovest Centrale

Le contee interessate in questa sezione sono West Clare e Limerick. La prima, con lo splendore dei suoi scenari, teme pochi confronti: qui, con la sua incessante opera, l’Atlantico ha creato vertiginose scogliere a strapiombo, come le maestose Cliffs of Moher, e strepitosi tratti di costa, come quelli della meravigliosa Loop Head, mentre un poco più all’interno, bizzarre formazioni rocciose formano il paesaggio arcano e irreale del Burren, le cui propaggini si sono spinte in mare a formare le Aran Islands, dal fascino senza tempo. Pat Sweeney, esperto di storia e agricoltore locale, da Doonagore vi guiderà alla scoperta delle Doolin Cliffs, mentre Mary Howard di Fanore vi condurrà nel cuore del Burren. Lungo la costa di Loop Head, a Kilkee, si può praticare il Coasteering: uno sport che comprende arrampicate, salti, movimenti agili e veloci e nuoto intorno alle piscine di roccia, sotto la guida di esperti locali. Nella contea di Limerick imperdibile il tour dell’estuario dello Shannon, abitato da una nutrita colonia di delfini e da decine di altre specie selvatiche.

Sud Ovest

In questa sezione si trovano le contee di Kerry e Cork, che riassumono in sé tutta l’essenza dell’Irlanda, offrendo non solo magnifici paesaggi, ma anche ottime esperienze gastronomiche e una quantità di realtà artigianali. Nella contea di Kerry si snoda il famoso anello costiero di Ring of Kerry, che percorre l’intera penisola di Inveragh, dalla quale è possibile raggiungere le impervie Skellig Islands, Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Sia qui che nella vicina penisola di Dingle, che qualcuno ha descritto come “il posto più bello del mondo”, oltre ai preziosi gioielli naturalistici e ai paesaggi fiabeschi, troverete una miriade di villaggi, paesini e cittadine dove poter assaporare il meglio della cucina e ospitalità irlandesi. La contea di Cork vanta tre magnifiche penisole: Mizen, Sheep’s Head e Beara, dove si susseguono ininterrottamente le meraviglie della natura, disseminate da villaggi di pescatori, sentieri per il trekking, testimonianze di un antico passato, vivaci cittadine. Da maggio a settembre, non sarà difficile avvistare delfini e balene. Mizen Head è il punto più meridionale d’Irlanda: da qui si scorge il Faro di Fastnet, che si erge su una roccia conosciuta come La Lacrima d’Irlanda, essendo l’ultimo lembo di patria visto da quanti erano costretti ad emigrare. Oppure si può prendere la funivia (l’unica in Irlanda) per Dursey Island, per poter ammirare “l’ultimo tramonto d’Europa”. Kinsale offre invece le gioie della cucina irlandese, visto che questa graziosa cittadina viene considerata la capitale gastronomica del paese.

Ma le sorprese non sono finite. Già, perché nella parte più settentrionale dell’isola d’Irlanda, la Wild Atlantic Way si congiunge a un altro degli itinerari automobilistici più scenografici del mondo, la Causeway Coastal Route, nell’Irlanda del Nord, che da Derry-Londonderry conduce fino a Belfast, dopo aver costeggiato alcuni dei tratti più spettacolari della Terra, come la favolosa Giant’s Causeway, Patrimonio mondiale dell’umanità.

 

Momenti magici vi attendono lungo la meravigliosa Wild Atlantic Way, e decine e decine le attività che si possono svolgere in qualsiasi punto del percorso, dalle serate con musica tradizionale alle lezioni di cucina irlandese, dal trekking a piedi o a cavallo, da escursioni in battello o in barca a vela, dal surf sulle onde oceaniche al birdwatching. E dopo le avventure giornaliere, i confort di accoglienti hotel e B&B vi aspettano per un caldo benvenuto irlandese. Natura, flora, fauna, bellezza, storia, tradizione e avventura: tutto questo e molto altro ancora lungo la Wild Atlantic Way, ai confini dell’Europa.

- I 15 principali punti di interesse lungo la Wild Atlantic Way  .

Malin Head, contea di Donegal
Fanad Head, contea di Donegal
Slieve League, contea di Donegal
Mullaghmore Head, contea di Sligo
Downpatrick Head, contea di Mayo
Keem Strand, contea di Mayo
Killary Harbour, contea di Mayo
Derrigimalagh, contea di Galway
Cliffs of Moher, contea di Clare
Loop Head, contea di Clare
Blaskets Views, contea di Kerry
Skelligs Viewpoint, contea di Kerry
Dursey Island, contea di Cork
Mizen Head, contea di Cork
Old Head of Kinsale, contea di Cork
 

Per saperne di più

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...