TOSCANA | Abbadia San Salvatore: la Città delle Fiaccole rinnova la sua tradizione millenaria, un rito ancestrale

images/stories/varie_2023/AbbadiaSanSalvatore_CittaDelleFiaccole_01.jpg

 

Un rito ancestrale unico e ricco di magia. Ad Abbadia San Salvatore, città del Monte Amiata in provincia di Siena), si prepara il Natale di fuoco: la Città delle Fiaccole rinnova la sua tradizione millenaria. Un intero paese si mobilita per preparare le "Fiaccole", grandi cataste di legna la cui costruzione inizia con gli inizi di dicembre e illumina la notte del 24 dicembre.

 

(TurismoItaliaNews) Ad Abbadia San Salvatore è il fuoco delle Fiaccole ad accendere il Natale: in questa piccola cittadina infatti, ogni 24 dicembre, si rinnova una tradizione millenaria ancora oggi profondamente partecipata, un rito ancestrale dove il sacro e il profano si mescolano avvolgendo di magia la notte della vigilia. E’ una delle più antiche feste del fuoco italiane che nasce da una singolare consuetudine, intimamente sentita dagli abitanti del paese amiatino. Un appuntamento che viene preparato già con la fine dell'estate quando i "fiaccolai" iniziano a cercare la materia prima per le "fiaccole", tipiche cataste di legna a forma piramidale alte fino a sette metri che, costruite in ogni angolo del piccolo borgo medievale, si levano al cielo in attesa della vigilia quando poi verranno incendiate.

Abbadia San Salvatore: la Città delle Fiaccole rinnova la sua tradizione millenaria, un rito ancestrale

Abbadia San Salvatore: la Città delle Fiaccole rinnova la sua tradizione millenaria, un rito ancestrale

Una lavorazione complessa che vede impegnata la comunità nel realizzare questi monumenti rurali unici: per giorni e giorni si levigano e si intrecciano tronchi grazie a tecniche che qui si tramandano di generazione in generazione, per rinnovare un rito del fuoco che coinvolge tutti, sposando simbolici significati pagani e religiosi. Sono "figli del fuoco" infatti gli abitanti dell'Amiata, montagna-madre di origine vulcanica che nelle sue viscere nascondeva la lava incandescente che ha generato una terra generosa che, da sempre, offre cibo e benessere alla collettività. Da quelle viscere, fino a poco tempo fa, si estraeva cinabro che veniva lavorato per ricavarne mercurio nella grande miniera che oggi è diventata museo.

Una storia complessa che vede legati indissolubilmente uomo e natura, in un dialogo talvolta difficile ma sempre pieno d'amore. E' infatti quella montagna amata e sentita come madre, come presenza sacra che i badenghi celebrano anche attraverso la tradizione delle fiaccole. Una tradizione che si rinnova ogni 24 dicembre con il suo rituale consolidato. Alle ore 18, in un momento spettacolare che riunisce centinaia di persone, si dà il via alla cerimonia di accensione con la "benedizione del fuoco" che segna l'inizio della festa. La filarmonica suona canti natalizi e la fiaccola davanti al Municipio viene accesa con il fuoco sacro. Questo è il segnale convenuto: da qui i capi fiaccola, con le loro torce divampanti, portano il fuoco che accenderà le altre decine di fiaccole disseminate nel centro storico e in tutto il resto della cittadina.

Abbadia San Salvatore: la Città delle Fiaccole rinnova la sua tradizione millenaria, un rito ancestrale

Una tradizione carica di magnetismo e suggestione che proseguirà per tutta la notte quando, attorno alle Fiaccole, si riuniranno grandi e piccini per condividere cibo e si cantare "pastorelle" (tipici canti natalizi di queste terre), offrendo a tutti la possibilità di vivere un Natale che non si trova in nessun altro luogo al mondo e che fa propri valori come quello dell'accoglienza, dell'amicizia, della semplicità.

Per saperne di più
cittadellefiaccole.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...