LIGURIA | La Spezia capofila con 30 comuni dell'Area vasta ligure apuana per spingere il marketing territoriale

http://www.turismoitalianews.it/images/stories/liguria/LaSpezia1.jpg

 

Una trentina di comuni del territorio ligure-apuano alleati per spingere il marketing territoriale. Una visione completamente nuova del marketing territoriale, voluto fortemente dall'amministrazione comunale che ha affidato ad alcuni consulenti, tra cui Beside Agency, il compito di tracciare le linee guida di un progetto che potrebbe rivoluzionare l'approccio della PA verso la promozione del territorio. La Spezia pronta ad alzare l'asticella sul turismo territoriale. In una conferenza stampa, il sindaco Pierluigi Peracchini e l'assessore Maria Grazia Frijia hanno ufficialmente presentato l'edizione spezzina di Bitesp, la Borsa Internazionale del Turismo Esperienziale che si tiene ogni anno a Venezia. Per due giorni (4-5 aprile) il capoluogo ligure mette di fronte buyer e seller per presentare il protocollo d'intesa della nuova Area Vasta della Spezia.

 

(TurismoItaliaNews) In Italia nasce così un metodo di comunicazione progettato per compensare la mancanza di know-how digitale presente nella pubblica amministrazione e per velocizzare i processi di esecuzione dei progetti. Si traduce in 4 semplici step: analisi dei numeri di un territorio, messa a sistema degli stakeholder locali tramite progetti di visione comune secondo le esigenze, creazione di operazioni di marketing che diano visibilità e dinamica al territorio e capacità di creare campagne pubblicitarie mirate con contenuti non istituzionali ma di advertising. Obiettivo? Dare ad ogni territorio una chance di visibilità e organizzare un sistema che funzioni per ognuno al di là delle sue dimensioni. Perché in ambito territoriale tutti i comuni hanno molto da offrire, il problema è che spesso non ci credono o non sanno come fare. Per far questo occorre massimizzare la visibilità e l'efficacia delle campagne pubblicitarie, "vendere", raccontare, informare ciò che è reale creando la giusta aspettativa verso il target prefissato. Il lavoro costante del team, in sinergia con gli uffici comunali, consente di posizionare la pubblica amministrazione ad un livello competitivo più alto rispetto agli altri comuni italiani che non adottano questo metodo. I principali beneficiari? L'altra faccia del belpaese, quella che spesso contiene veri e propri tesori ma che deve conquistarsi l'appeal vincente nei confronti dei viaggiatori italiani e stranieri. Anche loro possono regalare emozioni ed experiences indimenticabili, ma gli mancano gli strumenti per trasferirle ai potenziali fruitori.

La Spezia capofila con 30 comuni dell'Area vasta ligure apuana per spingere il marketing territoriale

La Spezia capofila con 30 comuni dell'Area vasta ligure apuana per spingere il marketing territoriale

La Spezia è una città di 92mila abitanti. Con il suo splendido golfo dei Poeti e un porto turistico che nel 2023 ha attratto oltre 700 mila persone a bordo della grandi navi da crociera, si candida a diventare un modello all'avanguardia per la gestione del marketing territoriale. L'amministrazione comunale ha deciso di dotarsi di un proprio metodo operativo. "Siamo un Comune di medie proporzioni, ma con un enorme potenziale da esprimere - spiega Jacopo Bertolini, ceo di Beside Agency, uno dei consulenti del progetto – e insieme all'amministrazione comunale ci siamo posti il problema se non fosse meglio cominciare a pensare in termini di area vasta perché o hai un brand fortissimo oppure è necessario aggregare fette di territorio più larghe per rendere l'offerta più appetibile. L'idea di area vasta è nata anche per rendere l'offerta più appetibile per destagionalizzare e per aumentare la permanenza dei turisti sui territorio al fine di garantire una ricaduta economica maggiore e con più qualità”.

Negli ultimi anni i processi legati al turismo hanno dovuto fare i conti con un cambiamento radicale delle nostre abitudini. Lo Stato consente agli enti locali di mettere in piedi le cosiddette Dmo (Destination Managment Organization, ndr), che altro non sono che vere e proprie cabine di regia con l'obiettivo di governare tutti i processi legati all'offerta turistica in partnership con l'amministrazione. Le Dmo sono organizzazioni pubblico-private, senza scopo di lucro, responsabili del management e del marketing di una determinata destinazione. Possono essere autorità od organizzazioni nazionali per il turismo, oppure organizzazioni di livello regionale o provinciale. Si occupano della gestione coordinata di tutti gli elementi che compongono una destinazione (attrazioni, accesso, marketing, risorse umane, immagine e prezzi) e adottano un approccio strategico per collegare tra loro entità molto diverse per una migliore gestione della destinazione.

La Spezia capofila con 30 comuni dell'Area vasta ligure apuana per spingere il marketing territoriale

La Spezia capofila con 30 comuni dell'Area vasta ligure apuana per spingere il marketing territoriale

"Non sempre un Comune più piccolo si può permettere di percorrere questa strada – continua Bertolini – e difatti a La Spezia con l'assessore Maria Grazia Frija abbiamo pensato di costruire un modello diverso, con un soggetto più flessibile costituito da due consulenti esterni principali. Il nostro compito è quello di coordinare altre figure professionali per portare avanti progetti specifici a seconda delle singole esigenze o obbiettivi. È un modello nuovo, snello, meno costoso delle Dmo, che premia le singole skills di ogni professionista in modo da individuare il profilo più adatto giusto per ogni richiesta specifica seguendo i trend di mercato. Sta funzionando bene e per questo potrebbe essere replicato altrove. I vantaggi? In primis flessibilità di movimento grazie ad una struttura più snella e leggera e di conseguenza evitare di caricarsi costi fissi di gestione potendo così, anche in presenza di budget contenuti, liberare maggiori risorse da investire sui progetti di marketing territoriale e sulla loro promozione. I vantaggi? In primis flessibilità di movimento grazie ad una struttura più snella e leggera e di conseguenza evitare di caricarsi costi fissi di gestione potendo così, anche in presenza di budget contenuti, liberare maggiori risorse da investire sui progetti di marketing territoriale e la loro promozione".

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...