Un brivido nella Fortezza di Făgăraș: il possente castello medievale racconta secoli di storie tra le sue solide mura

images/stories/romania/FagarasFagarasului02.jpg

 

Giovanni Bosi, Făgăraș / Transilvania

 ROMANIA  Il fossato che la circonda oggi è un ameno specchio d’acqua circondato da salici e sul quale si riflettono le sue antiche mura possenti. Proprio le loro dimensioni lasciano subito intendere quella che era una delle dotazioni più importanti della fortezza Fagarasului, l’attrazione più nota di Făgăraș. Siamo in Transilvania, nel distretto di Brașov. E questo è uno dei luoghi in cui è stata scritta la storia della nazione.

 

(TurismoItaliaNews) Se dici Romania pensi subito alla Transilvania e dunque ai tantissimi, tutti splendidi, castelli di cui è disseminata. Il più famoso è ovviamente quello di Bran, legato al mito di Vlad III Principe di Valacchia, alias Dracula. Ma il patrimonio di questo Paese che merita di essere conosciuto, vissuto e persino compreso, è davvero immenso: fortezze, cittadelle, chiese fortificate sono un po’ ovunque e tutte hanno una loro specificità. Come quella di Făgăraș, la cui origine risale al 1310 e con un assetto – quello che di fatto si visita – consolidatosi fra il XV e il XVII secolo.

 

Făgăraș oggi è una bella cittadina, una delle più importanti nell’area centrale della Romania, a un’ottantina di chilometri da Sibiu, con un’imponente cattedrale ortodossa che si specchia proprio sul fossato-laghetto del castello, il quale all’occhio del visitatore appare immediatamente come un monumento impressionante. Qui tutto è pregno di storia: quelle solide mura in mattoni che circondano la struttura vera e propria a tre piani e con cinque torri massicce, raccontano di colui che realizzò la prima unione dei principati romeni nel Seicento: il voivode Mihai Viteazu. Ma anche di incursioni di tartari e turchi, incendi, intrighi, guerre ed episodi importanti per la storia del Paese, come l’aver ospitato la dieta della Transilvania, o per essere stata una sede giudiziaria oltre che residenza del principe. Insomma quando si varca il grande ingresso è come calcare i passi dei personaggi più influenti del passato della Romania. E un brivido corre lungo la schiena del turista curioso e appassionato.

 

A Făgăraș dunque sono tutti orgogliosi della loro fortezza, che racchiude il Museo con le sezioni di storia della città: reperti archeologici, armi medievali e l’artigianato tradizionale popolare. Purtroppo gli arredi originari sono andati perduti o spostati altrove nel corso dei secoli, ma attraverso alcuni documenti è stato possibile riambientare alcuni locali dando così un’idea di come al suo interno scorreva la vita quotidiana. Il quadrilatero si visita più o meno tutto ed è affascinante scoprire i saloni fastosi così come i piccoli corridoi o le scale a chiocciola delle torri.

E’ stato Stefan Mailat, figlio di un nobile nella regione, ad avviare il rafforzamento di Fagaras nel 1526 una volta diventato principe di Transilvania, trasformandola in una vera e propria città fortificata, con le mura difensive addirittura raddoppiate in spessore dall’interno. Ma tutto questo non basterà a difendere il principe dagli assalti degli Ottomani guidati da Mustafa Pasha, finendo prigioniero a Costantinopoli nel carcere delle Sette torri, ovvero la fortezza Yedikule, dove morirà 10 anni dopo.

Con Michele il Bravo Fagaras ha visto esaltata la sua strategica centralità e nell’aprile del 1600 è diventata il luogo di raccolta degli eserciti in vista della campagna in Moldova. Grandi storie di vita vissuta insomma, con le sue mura che sembrano riecheggiare le voci, le grida e i rumori delle armi di chi lì dentro arrivò per i motivi più disparati. 

Nel 1630 il fossato che circonda la rocca è stato ampliato e collegato attraverso un canale segreto al fiume Olt (quello che i latini chiamavano Alutus) che nasce sui Carpazi orientali e si getta infine nel Danubio. Le cantine della fortezza sono state adibite a prigione, fino a diventare una caserma e un carcere militare con l’arrivo degli austriaci nel 1696. Sorte toccata alla fortezza anche fra il 1948 e il 1960, quando ha dovuto accogliere gli oppositori del sistema comunista trasformandosi in gulag.

Finché una riconversione totale, a conclusione di riparazioni, restauri ed opere di conservazione, le ha assegnato un ruolo culturale rilanciandola come attrazione. Che oggi si vuol valorizzare ulteriormente facendola conoscere anche all’estero. Di certo Făgăraș merita di essere visitata. E di provare anche un brivido quando si varca il suo maestoso atrio.

 

A spasso per Bucarest, la piccola Parigi dell’Est: dall’antica Corte Principesca al gigantesco Palatul Parlamentului

 

A Bucarest apre al pubblico Palazzo Primăverii, la ex residenza del dittatore Ceauşescu: è un vero gioiello architettonico

 

Un bicchierino di Tzuică e a tavola si aprono le danze: a Sibiel la gastronomia più autentica e la tradizione delle icone dipinte sul vetro

 

Un brivido nella Fortezza di Făgăraș: il possente castello medievale racconta secoli di storie tra le sue solide mura

 

E' l’anno di Constantin Brancusi, l’artista della famosa Porta del Bacio, simbolo dell’amore in Romania

 

Alba Iulia simbolo degli ideali di identità e di unità della Romania, a dirlo sono i suoi monumenti più antichi

 

Festivalul Roman Apulum: ad Alba Iulia rivivono i fasti dell'Impero di Roma con guerrieri, gladiatori, danzatori e artigiani

 

Medieval Hotel, Alba Iulia: arredi eleganti e costumi d’epoca del personale richiamano le grandi corti nobili d’Europa

 

Discover Romania, la Moldavia: dal Museo d'arte neolitica Cucuteni alla Fortezza di Neamt

 

Romania, tra i Carpazi le chiese in legno che stupiscono il mondo

 

Devozione e tradizione nella Pasqua ortodossa in Romania

 

 

Romania, tradizioni e costumi in Bucovina e Maramureş per la Festa di Sant’Andrea

 

Il suggerimento

Per il tour nella capitale Bucarest e nell'intera Romania ci si può avvalere dell'agenzia Soca Tour. Il giovane titolare Iulian Soca parla italiano e può offrire assistenza e collaborazione nella scelta dei luoghi.
Per saperne di più

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...