Toscana: a Vicchio, patria di Giotto e Beato Angelico, il distanziamento sociale diventa espressione artistica in piazza

images/stories/varie_2020/Vicchio_Scacchiera01.jpg

Angelo Benedetti, Vicchio | Toscana

Qui l'arte e la creatività sono di casa. E grazie a nomi altisonanti perché nei dintorni di Vicchio del Mugello, in Toscana, sono nati nientemeno che Giotto e Beato Angelico e nel borgo ha trovato ospitalità anche Benvenuto Cellini, che qui ha soggiornato saltuariamente per più di dieci anni. Così proprio qui è nato un progetto che, nella Fase 2 del dopo-Covid19, vuol rappresentare una risposta all’emergenza anche nel sistema relazionale attraverso un modo molto semplice di interpretare e definire il distanziamento sociale. E infatti si chiama #stodistante.

 

(TurismoItaliaNews) La piazza centrale di Vicchio – poco più di ottomila abitanti nella cintura metropolitana di Firenze, borgo di eccellenza della valle del Mugello – si è trasformata in una sorte di gigantesca scacchiera, tra la sorpresa degli abitanti e il pieno sostegno del Comune. A elaborare il progetto per Piazza Giotto è stato il Caret Studio dei giovani architetti Matteo Chelazzi, Federico Cheloni e Giulio Margheri, che hanno sviluppato la loro idea partendo dalla constatazione che le nuove forme di distanziamento sociale si tradurranno, come avviene già adesso, in una moltitudine di segnalazioni, cartelli, indicazioni, barriere, ovvero un peggioramento dell’estetica e il decoro degli spazi pubblici.

A Vicchio, patria di Giotto e Beato Angelico, il distanziamento sociale diventa espressione artistica in piazza“Ci siamo allora chiesti – spiegano i professionisti - perché non cogliere l’occasione e rendere gli spazi pubblici più belli e capaci di accogliere i cittadini in piena sicurezza e consapevolezza? La scelta è caduta su Piazza Giotto che, a Vicchio, rappresenta davvero una sorta di destinazione obbligata per tutti? Dovevamo immaginare una soluzione smart, temporanea, ma che rispondesse ai criteri di sicurezza permettendo una relazione fra le persone”. La scelta è stata dunque quella, utilizzando una vernice rimovibile, di disegnare un tappeto di figure geometriche capaci di far vivere in sicurezza il luogo di aggregazione per eccellenza: Piazza Giotto appunto. “Tutto questo consente un duplice obiettivo: aiuta le persone a comprendere la necessità del rispetto delle distanze di sicurezza e contemporaneamente funge da regolare dell’utilizzo dello spazio pubblico” spiegano dal Comune di Vicchio.

“Abbiamo proposto il concept all’amministrazione comunale che lo ha immediatamente condiviso, permettendoci di contribuire, nel nostro piccolo, una soluzione utile per la comunità di Vicchio” osservano i progettisti. “E’ un progetto che sposa la filosofia di questa amministrazione che opera per creare una comunità che faccia dell’incontro uno dei suoi punti distintivi – commenta il sindaco Filippo Carlà Campa - in un momento nel quale la pandemia rischia di accentuare l’isolamento delle persone, la riscoperta della piazza, come luogo di incontro ma in piena sicurezza (uno spazio di 1,80 metri fra una figura e l’altra), rappresenta una felice inversione di tendenza. Si tratta di un’installazione light, temporanea, che intende offrire opportunità e modalità per svolgere anche diverse attività. Dal semplice incontro al gioco; da una lezione di ginnastica ad una minisession musicale. Piazza Giotto, simbolo di Vicchio, ci fa comprendere lo spazio urbano nel quale ognuno di noi aspira a vivere, in pratica il mondo a cui desideriamo appartenere”.

“Vorrei, quindi, esprimere un ringraziamento speciale a Caret Studio, e cioè ai giovani professionisti Matteo Chelazzi, Federico Cheloni, Giulio Margheri che lo compongono – aggiunge il primo cittadino - per averci regalato un nuovo modo di pensare e vivere la piazza e suggerito anche spunti interessanti di riflessione per la vivibilità futura dei nostri centri urbani. Ecco, quindi, che l’installazione potrebbe essere estesa ad altri spazi del nostro contesto urbano e contemporaneamente Vicchio potrebbe rappresentare un modello di riferimento. Tale installazione sarà ulteriormente arricchita nei prossimi giorni”.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...