Dal 3 giugno via libera agli spostamenti in altre regioni e frontiere aperte con l'Ue, il quadro epidemiologico sempre monitorato

images/stories/turisti/Turisti14.JPG

Il dopo-Covid19 trova il primo sostanziale cambiamento con una serie di disposizioni che rendono possibili gli spostamenti delle persone tra le varie regioni e anche nell'ambito dell'Unione Europea. Governo e Regioni italiane hanno raggiunto l'accordo: a decorrere dal 3 giugno ci si potrà muovere tra regioni diverse, con limitazioni che potranno essere disposte solo con provvedimenti statali in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente nelle aree interessate.

 

(TurismoItaliaNews) Queste norme varranno anche per gli spostamenti da e per l’estero, che potranno essere limitati con provvedimenti statali anche in relazione a specifici Stati e territori, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico e nel rispetto dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea e degli obblighi internazionali. Saranno comunque consentiti gli spostamenti tra la Città del Vaticano o la Repubblica di San Marino e le regioni confinanti. Per andare all'estero si dovrà tuttavia verificare le reciprocità dei provvedimenti in ciascun Stato ed assicurarsi preliminarmente se una volta arrivati a destinazione sarà necessario osservare un periodo di quarantena. A partire dal 18 maggio sono invece permessi gli spostamenti delle persone all’interno del territorio della stessa regione senza alcuna limitazione; distanza minima di 1 metro tra le persone e nello shopping obbligatorio l'uso di mascherina e guanti monouso. Fino al 2 giugno 2020 restano vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, così come quelli da e per l’estero, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Nessun limite dunque a spostamenti nelle seconde case se situate nella regione di residenza. L'autocertificazione resta quindi per chi voglia spostarsi in altra regione, al fine di attestare "compravate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute"

Palazzo Chigi

Dal 3 giugno via libera agli spostamenti in altre regioni e frontiere aperte con l'Ue, il quadro epidemiologico sempre monitorato

Resta confermato il divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena per provvedimento dell’autorità sanitaria in quanto risultate positive al virus Covid-19, fino all’accertamento della guarigione o al ricovero in una struttura sanitaria o altra struttura allo scopo destinata. La quarantena precauzionale è applicata con un provvedimento dell’autorità sanitaria ai soggetti che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di soggetti positivi al virus Covid-19 e agli altri soggetti indicati con i provvedimenti adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020.

A partire dal 18 maggio, le attività economiche, produttive e sociali devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome, nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali. In assenza di quelli regionali trovano applicazione i protocolli o le linee guida adottati a livello nazionale. Per garantire lo svolgimento in condizioni di sicurezza delle attività economiche, produttive e sociali, le regioni dovranno monitorare con cadenza giornaliera l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e, in relazione a tale andamento, le condizioni di adeguatezza del sistema sanitario regionale.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...