EGITTO Misteriose differenze di temperatura individuate nelle Piramidi: potrebbero esserci stanze segrete

(TurismoItaliaNews) A due settimane dal lancio di Scan Pyramids, il progetto che fornirà una mappatura puntuale delle Piramidi egiziane, arrivano i primi sorprendenti e promettenti risultati, che lasciano addirittura presupporre l’esistenza di stanze segrete ancora sconosciute. E in effetti la missione internazionale è stata lanciata proprio allo scopo di gettare uno sguardo approfondito quanto inedito all'interno di questi giganteschi monumenti di pietra e cercare di svelare ciò che è conservato al di sotto della superficie senza danneggiare i monumenti simbolo del Paese dei faraoni. Per fare questo, il protocollo scientifico comprende varie fasi, delle quali la prima è stata appena conclusa.

 

La fase preliminare è costituita da una rapida analisi ad infrarossi per sviluppare una mappa termica delle Piramidi di Cheope e di Chefren, che si trovano nella necropoli di Giza, così come nelle altre due presenti nel sito di Dahshur. Utilizzando attrezzature avanzate, gli scienziati sono riusciti a mettere in evidenza la quantità di calore del sole riflesso dai monumenti in diversi punti al fine di rivelare eventuali anomalie termiche. Ogni pietra di queste imponenti costruzioni ha infatti lo stesso livello di emissività, così una differenza di temperatura può rivelare la presenza di correnti d'aria interne o, meglio ancora, l'esistenza di cavità precedentemente non identificate come camere o corridoi. Le misurazioni sono state effettuate in momenti diversi della giornata: all’alba quando le Piramidi accumulano calore, e nelle ore notturne quando le pitere lo rilasciano. I risultati presentati sono molto incoraggianti in questa direzione.

Le rilevazioni hanno evidenziato l'esistenza di diverse anomalie termiche in tutti i monumenti e un'anomalia impressionante e particolarmente significativa è stata osservata presso la Piramide di Giza, Cheope. I ricercatori l’hanno identificata in prossimità del suolo sul lato est della Piramide. Le analisi a raggi infrarossi, infatti, hanno mostrato una differenza di 6 gradi tra un blocco di pietra e quello immediatamente accanto. "Questa zona dovrebbe essere oggetto di ulteriori studi da effettuare durante le fasi successive del progetto” hanno spiegato i ricercatori. Nel corso delle prossime settimane, gli specialisti analizzeranno le anomalie riscontrate, in particolare grazie a simulazioni e modelli 3D. La missione Scan Pyramids dovrebbe durare fino al 2016 e dunque le Piramidi potrebbero rivelare molti segreti. In ultima analisi, gli scienziati sperano di conoscere meglio l'architettura di queste incredibili e aspre strutture e svelare come sono state costruite.

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...