Grecia, Filippi l'antica città della Tracia diventa Patrimonio dell'Umanità Unesco

 CULTURA  E’ un'antica città della Tracia e alle sue vicende sono legate pagine di storia importante ed entusiasmante, compreso un modo di dire reso eterno da Plutarco e poi da William Shakespeare. E’ Filippi, in Grecia, il cui sito archeologico è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco in occasione della 40° sessione svoltasi in questi giorni ad Istanbul, in Turchia.

 

(TurismoItaliaNews) In Grecia c’è ovviamente grande soddisfazione per il risultato incassato. Filippi è infatti uno dei più importanti e più completi siti archeologici della Grecia settentrionale, con molti monumenti. Ubicata in vicinanza alla Macedonia e non distante dal mare Egeo, oggi fa parte attualmente del Comune di Kavala: sorge sul sito dell'antica Crenides e ha preso il nome dal re Filippo II di Macedonia, che la fece ampliare e fortificare nel 356 a.C. per farne un centro minerario. Conquistata dai Romani nel 168 a.C., nell'ottobre del 42 a.C. è stata teatro della famosa battaglia di Filippi, decisiva tra le truppe di Ottaviano e Antonio contro quelle degli uccisori di Giulio Cesare, Bruto e Cassio, che furono sconfitti; Ottaviano, divenuto successivamente Augusto, la eresse al rango di colonia.

L’evoluzione della città spazia dunque dal periodo ellenistico al periodo tardo bizantino. La sua posizione strategica, permette di raggiungere il sito attraverso la Egnatia Odos. Dopo quella battaglia drammatica del 42 a.C. che ha impostato la storia politica dello Stato Romano, ha vissuto un periodo d'oro come colonia romana (Colonia Augusta Julia Philippensis). E’ in questo centro urbano vivace che passa l'apostolo Paolo e fonda la prima chiesa cristiana sul suolo europeo nel 49/50 d.C. Con il riconoscimento del cristianesimo e la sua costituzione come religione di stato, nella città furono costruite maestose chiese cristiane.

 

L'espressione popolare "Ci rivedremo a Filippi" è usata per significare che prima o poi si arriverà alla resa dei conti e presagio di avverso destino; deriva dalle “Vite parallele” di Plutarco (Vita di Bruto, 36) e successivamente ripresa letterariamente nel IV atto del “Giulio Cesare” di William Shakespeare dove il fantasma di Giulio Cesare apparso a Bruto si rivolge con quelle parole, presagio della futura sconfitta, alle quali Bruto risponde "ci rivedremo".

 

La preparazione del dossier per la candidatura del sito archeologico di Filippi, è stata completata nel mese di gennaio 2015, risultato di uno sforzo coordinato e sistematico dei servizi del ministero della Cultura e dello sport, e in particolare della Direzione Generale delle Antichità, della Direzione di Antichità Preistoriche e Classiche, della Direzione Bizantina e della Antichità post-bizantine, Arte di Kavala - Thassos e del Fondo Risorse Archeologiche. Importante è stata anche l'assistenza della ex comune di Filippi e del Comune di Kavala, che esprime il forte sostegno della comunità locale. Secondo la decisione del Comitato del Patrimonio Mondiale, il valore universale eccezionale della città di Filippi è documentata dal patrimonio sia archeologico che architettonico; e grazie al passaggio di San Paolo si può datare l’inizio del cristianesimo in Europa.

 

Rispetto a tutte le altre discussioni nel corso della riunione (Unesco), la nomina ufficiale greca del sito archeologico di Filippi è stata l'unica a essere approvata all’unanimità. “Questo notevole successo – sottolineano dalla Grecia - conferma ancora una volta l’importante lavoro del ministero della Cultura e dello Sport e del Servizio Archeologico che promuovono le enormi potenzialità del patrimonio culturale del nostro Paese, nonché le responsabilità e gli obblighi che essi creano”. Dopo l'inserimento del sito archeologico di Filippi, la Lista del Patrimonio Mondiale ora conta 18 siti della Grecia.

Il sito del Turismo Ellenico

 

Unesco, 21 nuovi siti iscritti nella World Heritage List: quest’anno l’Italia resta esclusa dalla lista del Patrimonio dell’Umanità

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...