Bagagli matrioska e vestiti a cipolla: i trucchi dei viaggiatori italiani per superare i controlli al gate

images/stories/aeroporti/Bagagli_eDreams1.jpg

E’ una indagine di eDreams a rivelare che il 44% degli italiani ha infranto le regole dei pagamenti dei bagagli, contro il 40% dei viaggiatori europei presi in considerazione. Il 35% dei viaggiatori nostri connazionali ha dichiarato di non tollerare il fatto di dover imbarcare nella stiva il proprio bagaglio a mano. Solo il 5,3% degli italiani è disposto a pagare i costi di imbarco della valigia per un viaggio di soli 3 giorni.

 

(TurismoItaliaNews) Si viaggia, sempre più spesso e per brevi periodi. Il bagaglio a mano diventa essenziale quando si vola low-cost per evitare lo stress dell’imbarco in stiva e per ottimizzare gli spostamenti tra la partenza e la destinazione. Spesso, però, peso eccessivo e dimensioni non in regola costringono i passeggeri a restare al banco del check-in per pagare le commissioni extra richieste dalle compagnie aeree.

eDreams ha indagato l’impatto su 11 mila consumatori europei dei regolamenti sui bagagli e le strategie adottate dai passeggeri per rientrare nei limiti imposti e non pagare commissioni extra. Al primo posto nei metodi utilizzati per evitare il pagamento delle commissioni c’è quello di indossare più strati di vestiti, lo ha fatto quasi 1 italiano su 4 che hanno viaggiato in aereo negli ultimi mesi. In particolare, il 29% delle donne in partenza dal Bel Paese ha ammesso di ricorrere a questo stratagemma. Altri trucchi popolari tra i nostri connazionali per non pagare i costi per il bagaglio sono: mettere in tasca gli oggetti più pesanti (15,90%); comprare al duty free per avere un bagaglio supplementare per mettere i propri articoli (9,50%); nascondere una borsa con un cappotto (8%) e un bagaglio in un altro (7,5%).

Inoltre, dall’indagine eDreams emergono i fattori che più irritano i viaggiatori europei quando viaggiano con un vettore low-cost. Tra questi, in particolare, troviamo il disappunto del 35% degli italiani nei confronti del fatto di dover imbarcare il proprio bagaglio a mano in stiva quando il vano portabagagli è pieno. Tra i crucci maggiori per gli italiani che volano con compagine low-cost troviamo poi il dover pagare eccessivamente il cibo a bordo (26.30%), il dover chiudere due borse in una per passare i controlli (23.20%) e non riuscire a sedersi a fianco dei propri amici o familiari (20.20%). Tra coloro che hanno partecipato all’indagine, gli italiani si attestano in fondo alla classifica dei passeggeri disposti a pagare per imbarcare il proprio bagaglio quando si trovano a viaggiare – per un periodo di 3 giorni - con una compagnia aerea a basso costo con un regolamento rigido: riguarda solo il 5.30% dei nostri connazionali, a confronto con il 33% degli spagnoli e il 23% dei francesi che hanno espresso parere positivo in caso di pagamento aggiuntivo del bagaglio.

Ma gli italiani ce la mettono tutta per riuscir a far stare tutto il necessario per una vacanza nel proprio bagaglio a mano e non pagare così la quota per il bagaglio da stiva. Per il 38,2% dei viaggiatori in partenza dal Bel Paese, infatti, una vacanza dovrebbe durare più di 7 giorni per legittimare il pagamento commissioni extra per imbarcare la propria valigia. Per quanto concerne il peso del bagaglio a mano, la maggioranza degli italiani, per trascorrere un periodo breve di vacanza di 2-3 giorni, ha dichiarato di riempire la propria valigia in media 6.5 Kg, un Kg in più dei tedeschi e un Kg in meno dei Britannici, che si sono dimostrati i viaggiatori con la valigia più pesante (7.3 kg).

Italiani e Inglesi, infine, sono le nazionalità meno disponibili ad imbarcare la propria valigia per viaggi di breve durata, anche solo di un giorno: i britannici si attestano ad un 2.25% di favorevoli all’imbarco insieme ai 2.30% italiani, a confronto con il 12% degli svedesi.

Il sito di eDreams

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...