Puglia, nel Castello di Copertino in mostra le straordinarie opere dell'artista 99enne Pietro Guida

Stampa
http://www.turismoitalianews.it/images/stories/varie_2020/Copertino_PietroGuida01.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   arte   mostra   estate   Puglia   Mibact   2020   settembre   Copertino   Pietro Guida  

Coppie, donne in attesa, acrobati, genitori e bambini, ma anche figure mitologiche e rappresentazioni di sogni si radunano, poeticamente, nella piazza d’armi del Castello di Copertino per tutta l’estate 2020, fino al 19 settembre. È un rendez vous ancor più atteso, nell’epoca del post lockdown, poiché tutte insieme queste sculture rappresentano una forma di resistenza alla solitudine e alla caducità dell’esistenza, un inno alla vita e all’energia della cultura nella contemporaneità, attraverso la forza dell’arte. E' la mostra “Pietro Guida. Piazza d’Italia”.

 

(TurismoItaliaNews) Il Castello di Copertino, edificio fortificato che si distingue nel suo genere sia per la dimensione monumentale che per la tipologia strutturale, rappresenta un rilevante esempio dell’architettura militare rinascimentale in Puglia. Il nucleo originario del complesso può essere individuato nel mastio, riconducibile al programma di riorganizzazione militare promosso da Carlo I d’Angiò, che nel 1266 elevò Copertino a sede amministrativa di contea. Negli anni trenta del Cinquecento il marchese Alfonso Granai Castriota, generale di Carlo V e feudatario della Contea, avviò l’ammodernamento del castello, affidandone i lavori all’architetto pugliese Evangelista Menga. Il Menga inglobò le strutture preesistenti in un impianto quadrangolare coronato da quattro poderosi bastioni angolari e cinto da un ampio fossato. Nel 1557 il maniero fu acquistato dalla famiglia genovese degli Squarciafico; da questi passò poi ai Pinelli, ai Pignatelli e, nell’Ottocento, ai Granito di Belmonte. ’edificio cinquecentesco, a pianta trapezoidale, coronato da quattro bastioni angolari lanceolati e circondato da un ampio fossato, racchiude elementi più antichi, tra i quali svetta con la sua mole il mastio angioino.

Puglia, nel Castello di Copertino in mostra le straordinarie opere dell'artista 99enne Pietro Guida

Puglia, nel Castello di Copertino in mostra le straordinarie opere dell'artista 99enne Pietro Guida

In questo periodo estivo accoglie opere di Pietro Guida – 99enne artista campano di nascita, residente a Manduria, in Puglia, dagli anni Cinquanta – concepite negli ultimi venticinque anni, selezionate da Mariastella Margozzi e Lorenzo Madaro, curatori della mostra con il coordinamento e la supervisione di Pietro Copani. Si tratta di opere realizzate in cemento nella casa-studio di Manduria, dove il maestro vive circondato da centinaia di sue opere, posizionate nelle stanze che si rincorrono tra laboratori, depositi e biblioteca e anche all’aperto, tra gli alberi e le piante del grande giardino. Le sculture ia complessa e densa di suggestioni come il cemento (in alcuni casi perfino dipinto), vive idealmente in una grande piazza dove le vite si incontrano, i corpi dialogano, gli sguardi si incrociano, i gesti danno come eterni e contingenti insieme. La scultura di Pietro Guida non nasconde i riferimenti alla storia dell’arte, in alcuni casi omaggia i suoi ideali maestri – Marino Marini e Arturo Martini –, in altri evidenzia uno spiccato interesse per il mito, la letteratura e la musica.

Presenze senza tempo, brandelli di forme e materia che si rincorrono e si solidificano sotto forma di anatomie, che vivono lo spazio architettonico della piazza d’armi del maniero, incontrando lo sguardo e la presenza dei visitatori, completando la loro stessa essenza di forme in dialogo. Il progetto espositivo è stato studiato per consentire ai visitatori di osservare le opere tenendo conto delle attuali norme di sicurezza nei musei nel post Covid ed anche per questo – infatti – si è deciso di esporle all’aperto. Una unica sezione interna della mostra accoglierà, invece, un nucleo selezionato di disegni dell’artista realizzati con diverse tecniche tra gli anni ‘80 e gli ultimi mesi, insieme alla proiezione di alcune interviste video al maestro.

Puglia, nel Castello di Copertino in mostra le straordinarie opere dell'artista 99enne Pietro Guida

Puglia, nel Castello di Copertino in mostra le straordinarie opere dell'artista 99enne Pietro Guida

Un’appendice della mostra è collocata anche al Castello svevo di Bari, dove è esposta un’unica grande opera che rappresenta un tema sociale caro all’artista: quello dei carcerati che anelano il contatto con il mondo esterno. I Prigioni si inserisce così nella sala del Castello che dà voce alle problematiche sociali e apre alla possibilità di un dibattito su di esse. La mostra è accompagnata da un catalogo con contributi, oltre che dei curatori Margozzi, Madaro e Copani, di diversi autori, tra cui Francesco Abbate, Brizia Minerva, Marina Pizzarelli e Michele Prisco, e con un ricco apparato fotografico di Beppe Gernone che documenta il work in progress dell’allestimento delle sculture all’interno del Castello. La mostra è visitabile dal giovedì al sabato dalle 11.30 alle 18.30.

L’ingresso del Castello è preannunciato dal fastoso portale rinascimentale, le cui decorazioni, composte da una serie di rosoni, panoplie, bassorilievi e medaglioni, costituiscono una nota di prestigiosa ricchezza. Sul cortile interno si affacciano strutture di epoche differenti, tra cui la piccola cappella dedicata a San Marco; all’interno di questa sono collocati i sarcofagi dei marchesi Squarciafico, detentori dal 1557 del castello e committenti del ciclo di affreschi che decora l’ambiente, opera dal pittore copertinese Gianserio Strafella. Nella piazza d’armi sono ubicati un pozzo e un portico, realizzato successivamente, con lo stemma della famiglia Pinelli-Pignatelli, le scuderie e le gallerie di età angioina. Una scalinata scoperta conduce al piano superiore, dove si trovano gli ambienti quattro-cinquecenteschi del cosiddetto “palazzo vecchio“, residenza dei baroni. A metà rampa si apre la Cappella della Maddalena, con i resti di un ciclo pittorico affrescato databile alla prima metà del Quattrocento.

Puglia, nel Castello di Copertino in mostra le straordinarie opere dell'artista 99enne Pietro Guida

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...