Transameria "La Chiocciola in Bicicletta": l'itinerario umbro di Slow Food Travel coinvolge oltre 50 operatori lungo l'antica Via Amerina

Stampa
images/stories/varie_2021/Transameria_Amelia_FichiGirotti.jpg

 

Prende il nome dall'antica Via Amerina, l'arteria che in epoca romana collegava Roma e i principali centri dell'Umbria, oggi meta di molti escursionisti e appassionati di cicloturismo. Transameria è il primo itinerario umbro targato Slow Food Travel, progetto che propone destinazioni in cui poter sperimentare un nuovo modello di viaggio, fatto di incontri e scambi con agricoltori, artigiani, ristoratori e albergatori, per conoscere attraverso esperienze turistiche di alta qualità il patrimonio gastronomico, culturale e sociale del territorio.

 

(TurismoItaliaNews) L'itinerario Transameria, che ha debuttato virtualmente oggi, si articola essenzialmente lungo la dorsale dei Monti Amerini e Qui si trova una delle più vaste e integre macchie mediterranee dell'Italia centrale e la più estesa lecceta dell'Umbria. Da Amelia verso nord, tra antichi borghi e castelli ancora poco conosciuti, il tragitto abbraccia un'ampia zona collinare dove la leggenda narra di un'aquila che indicò alla popolazione umbra il punto dove costruire una delle città più potenti e combattive dell'Italia Centrale: Todi.

Todi

Todi

“Nei mesi scorsi - racconta Federico Varazi, ideatore e coordinatore del progetto per Slow Food Italia - abbiamo selezionato una cinquantina di produttori, allevatori, artigiani, bottegai, osti per proporre attività turistiche innovative incentrate sull'esperienza, non solo ai turisti che vogliono visitare il nostro territorio in sicurezza, ma anche ai membri di una "comunità in movimento". Un processo lungo e laborioso che ha avuto come obiettivo principale non semplicemente "individuare" un itinerario, ma costruire una rete virtuosa partendo dalle attività che molte realtà già vicine a Slow Food realizzano ogni giorno in questo territorio a salvaguardia della biodiversità e per promuovere un turismo sostenibile”.

La Transameria si inserisce infatti all'interno di una progettazione più ampia, in cui gli attori del territorio sono selezionati secondo le linee guida di Slow Food Travel, per assicurare un'esperienza di viaggio buona, pulita e giusta. Nell'ambito del progetto Slow Food in Azione: le comunità protagoniste del cambiamento*, oltre a quello umbro, è già stato lanciato l'itinerario Valdarno di Sopra in Toscana. Nei prossimi giorni saranno pubblicate altre destinazioni nelle regioni del centro e del sud Italia: Costa d'Amalfi in Campania, Torre Guaceto e il Parco delle Dune Costiere in Puglia, Gran Sasso in Abruzzo e Monti Lepini nel Lazio.

Transameria "La Chiocciola in Bicicletta": l'itinerario umbro di Slow Food Travel coinvolge oltre 50 operatori lungo l'antica Via Amerina

Amelia

Il lavoro di realizzazione degli itinerari ha permesso di costruire una rete di circa 200 stakeholder nei vari territori, soggetti che durante questo percorso si sono confrontati con le linee guida di Slow Food Travel e che hanno avuto la possibilità di discutere insieme ai coordinatori dei progetti di quello che sarà il turismo post Covid-19. Un'occasione per imparare e confrontarsi per produttori, allevatori, ristoratori e bottegai è la tre giorni di formazione on line organizzata nell'ambito di Slow Food in Azione che si terrà dal 5 al 7 marzo. Guidato da formatori esperti in relazioni interpersonali, gestione della comunità e marketing delle destinazioni, si tratta di un vero e proprio corso per capire il mercato del turismo e le potenzialità del progetto Slow Food Travel.

“L'itinerario enogastronomico proposto da Slow Food Italia - sottolinea Andrea Nunzi, vice sindaco del Comune di Amelia - si inserisce ed integra quel percorso virtuoso già intrapreso da questa Amministrazione con altri progetti per una promozione condivisa di un territorio, l'Amerino, che non possono prescindere da una rete capace di valorizzare storia, tradizioni, enogastronomia e paesaggio attraverso progetti strategici quali la filiera del cibo di qualità e la sentieristica, non trascurando l'asse nord-sud idealmente percorso dall'antica via Amerina”. “L'entrata del suggestivo percorso della Transameria nel Circuito Slow Food ci riempie di orgoglio e sono certo che potrà dare un grandissimo impulso al turismo coinvolgendo tutti i principali attori del nostro territorio - aggiunge Claudio Ranchicchio, assessore al Turismo Cultura e Sviluppo Economico di Todi - questo nuovo itinerario, nato dalla sensibilità di Slow Food, si innesta perfettamente nelle logiche portate avanti dall'amministrazione comunale di Todi che sta realizzando ben due progetti legati alla valorizzazione della sentieristica, con la riscoperta di zone importanti del territorio, in sinergia con tutte le attività legate al turismo e alla tutela ambientale. Transameria ha tutte le caratteristiche e le qualità per essere uno dei principali attrattori turistico-culturali della nostra regione e dell'intero territorio nazionale”.

Amelia, Germanico

Amelia, le Mura ciclopiche

Le aziende sono state selezionate grazie al prezioso contributo dei fiduciari delle due Condotte Slow Food del territorio: Mara Quadraccia per la Condotta Terre dell'Umbria Meridionale e Loredana Angelantoni per la Condotta Media Valle del Tevere.

 

Germanico, quella statua imponente e suggestiva, preziosa e potente, persino misteriosa: il tesoro di Amelia

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...