Le immagini romantiche di Vicente Gomes da Silva: a Madeira il museo che racconta la passione del fotografo pioniere portoghese

images/stories/varie_2020/Madeira_MuseuFotografia03.jpg

Giovanni Bosi, Madeira / Portogallo

Una collezione d’antan di immagini che evocano romantici paesaggi e personaggi del passato, macchine fotografiche di ieri e un archivio con quasi 800.000 negativi. Un patrimonio culturale ed artistico di valore inestimabile e una documentazione preziosa della storia di Madeira, la verde isola portoghese immersa nell’Atlantico. Questo è il Museu de Fotografia da Madeira - Atelier Vicente's, dove dal 30 luglio al 12 settembre viene proposta la mostra “Tesouros da fotografia portuguesa do sèculo XIX” curata da Emìlia Tavares.


(TurismoItaliaNews) Si trova nel cuore della città di Funchal, in Rua da Carreira, l’edificio che accoglie il Museo fotografico di Madeira, quella che era l'ex residenza e lo studio fotografico di Vicente Gomes da Silva, un pioniere della fotografia in Portogallo, vissuto tra il 1827 e il 1906. “Cominciando a lavorare come ritrattista intorno al 1853, acquisì successivamente il complesso nel 1865 stabilendovi il suo ‘Atelier Fotográfico’ – ci spiega Francisco Filipe de Bettencourt Simões Gomes, direttore del museo - tra il dicembre 1886 e l'agosto 1887 sotto la direzione di Vicente Gomes da Silva Junior viene ampliato il vecchio atelier con un design mantenuto sino ad oggi, diventando un simbolo dell'architettura degli studi fotografici del diciannoversimo secolo. Le quattro generazioni successive della famiglia Vincente hanno lavorato in questo studio, tramandando l'arte della fotografia da una generazione all'altra”.

Le immagini romantiche di Vicente Gomes da Silva: a Madeira il museo che racconta la passione del fotografo pioniere portoghese

Le immagini romantiche di Vicente Gomes da Silva: a Madeira il museo che racconta la passione del fotografo pioniere portoghese

I nuovi francobolli del Portogallo dedicati al Museu de Fotografia da Madeira - Atelier Vicente's (emissione 2020)Finché nel 1979 il governo della regione autonoma di Madeira ha acquistato l’edificio con tutti i contenuti dello studio "Photographia Vicente" e adattando il complesso come un piccolo museo. Il 22 marzo 1982 è stato aperto al pubblico come Photographia - Museu Vicentes, presentando i preziosi materiali conservati come fondali, macchine fotografiche, libri sulla tecnica fotografica, mobili da studio e molto altro. Poi nel 1984, data della prima acquisizione da parte di Perestrellos Photographos, Ltd., il museo ha anche acquisito archivi fotografici da altre imprese e fotografi professionisti e dilettanti, tra cui João António Bianchi (visconte di Vale Paraíso, 1862-1928), Major Charles Courtney Shaw (1878-1971), Gino Romoli (1906-1982), Perestrellos Photographos, Augusto João Soares (1885-1970), Francisco João Barreto (1877-1934), Álvaro Crawford Nascimento Figueira (1885-1967), Alexander Lamont Henderson (1838-1907), Joaquim Augusto de Sousa (1853-1905), João Anacleto Rodrigues (1869-1948), Foto Figueiras, João Francisco Camacho (1833-1898), Aluízio Cezar de Bettencourt (1838-1895), Foto Arte, Foto Joaquim Figueira (fondato nel 1946 da Joaquim Gomes Figueira), Russel Manners Gordon (3º visconte e 1º conte di Torre Bela, 1829-1906), Carlos Fotógrafo (fondato da Carlos Fernandes), Alberto Camacho Brandão (1884-1945), Foto Sol (studio fotografico fondato nel 1951 da Consuelo Santos, 1932-2007), João Pestana (1929-2017). Infine nel 2004 l'intera proprietà "Vicente" è stata acquisita dal governo della regione autonoma di Madeira.

Dopo essere stato chiuso per lavori di riclassificazione e ristrutturazione, il Museu de Fotografia da Madeira - Atelier Vicente's è stato riaperto il 29 luglio 2019, organizzato in quattro spazi principali: lo Studio, così com’era nel XIX secolo; la mostra permanente, con collezioni dal Museo; uno spazio per mostre temporanee; e un altro per le attività multimediali; all’interno anche un negozio, servizi educativi e un caffè.

Le immagini romantiche di Vicente Gomes da Silva: a Madeira il museo che racconta la passione del fotografo pioniere portoghese

Le immagini romantiche di Vicente Gomes da Silva: a Madeira il museo che racconta la passione del fotografo pioniere portoghese

Al Museo di Madeira le Poste portoghesi dedicano tre francobolli e un foglietto in distribuzione dal 21 luglio, con scorci interni e pezzi della collezione, oltre all’immagine di Vicente Gomes da Silva. L’emissione è inserita nelle celebrazioni per i 600 anni della scoperta delle isole di Madeira e di Porto Santo.

 

Giovanni Bosi, giornalista, ha effettuato reportages da numerosi Paesi del mondo. Da Libia e Siria, a Cina e India, dai diversi Paesi del Sud America agli Stati Uniti, fino alle diverse nazioni europee e all’Africa nelle sue mille sfaccettature. Ama particolarmente il tema dell’archeologia e dei beni culturali. Dai suoi articoli emerge una lettura appassionata dei luoghi che visita, di cui racconta le esperienze lì vissute. Come testimone che non si limita a guardare e riferire: i moti del cuore sono sempre in prima linea. E’ autore di libri e pubblicazioni.
mail: direttore@turismoitalianews – twitter: @giornalista3

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...