Dalle grotte misteriose all’Abbazia di Pannonhalma il patrimonio mondiale Unesco dell’Ungheria lascia a bocca aperta

images/stories/ungheria/TokajWineRegion_02_Unesco.jpg

 

Una destinazione ricca di meraviglie, dove la storia, la cultura e l'arte, unite ai panorami naturali, le tradizioni gastronomiche e la ricchezza storica, appaiono come gemme preziose che riflettono la bellezza di questa terra. Questa magnificenza è testimoniata da ben 8 luoghi dichiarati patrimonio mondiale dall'Unesco, siti di grande valore che sanno sorprendere e incantare i visitatori. Dove? In Ungheria. I luoghi imperdibili, ecco quali sono.

 

(TurismoItaliaNews) Sono ben 8 i siti che in Ungheria vantano il riconoscimento internazionale e concorrono ad arricchire l'offerta culturale e naturale del territorio ungherese, destinazione ricca di storia, bellezza e arte. La sola Budapest, perla del Danubio, accoglie ben 3 importanti attrazioni annoverati nel patrimonio dell'umanità; dalle rive del Danubio con il Parlamento in stile neogotico e il capolavoro liberty del Palazzo Gresham, al quartiere di Buda, residenza reale dal 1200 e oggi sede della Galleria nazionale ungherese, e ancora al viale Andrássy, sede della Grande Sinagoga e del Teatro dell'Opera. Gli altri 5 splendori naturali e culturali si estendono per tutta l'Ungheria e includono: l'Abbazia benedettina di Pannonhalma, le 3000 cantine e vigneti di Tokaj-Hegyalja, il Parco nazionale di Hortobágy, il villaggio di Hollókő, l'area faunistica di Fertő e la Sopianae romana a Pécs.

Budapest

Budapest

Budapest

Budapest
Budapest è una delle città più belle d'Europa, grazie ai suoi magnifici edifici, ai monumenti storici e alle sue bellezze naturali. La capitale ungherese è stata iscritta per la prima volta nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco nel 1987, con numerose attrazioni culturali: il panorama del Danubio e il Quartiere del Castello di Buda, i Bagni di Gellért, il Parlamento, il Bastione dei Pescatori, il Palazzo del Castello di Buda e la Galleria Nazionale Ungherese. Nel 2002 sono stati aggiunti anche il viale Andrássy e i suoi dintorni storici, con il Teatro dell'Opera di stato ungherese, l'Accademia di Musica, il Museo delle Belle Arti e Piazza degli Eroi.

Hollókő
Non lontano da Budapest, Hollókő è un piccolissimo villaggio di circa 400 abitanti, composto da una sola strada, e dal 1987 è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall' Unesco. Le case e gli edifici agricoli dell'abitato a una strada mostrano come era un villaggio tradizionale dell'Europa centrale prima della rivoluzione agricola del XX secolo. Le prime generazioni di famiglie si stabilirono ai lati della strada, mentre quelle successive costruirono le loro case sul retro degli appezzamenti.

Holloko

L'Abbazia di Pannonhalma

L'Abbazia benedettina di Pannonhalma e il suo ambiente
Fondato nel 996 dai monaci benedettini, il monastero originariamente chiamato di San Martino è stato uno dei centri più importanti che hanno contribuito alla diffusione del cristianesimo in Ungheria. La cripta dell'arcivescovado ha più di 1000 anni e la sua biblioteca contiene circa 360 000 volumi, tra cui i più antichi documenti ungheresi. Il complesso funziona ancora come centro di religione e storia dell'arte, con un arboreto e un giardino di erbe, chiostri, un museo, una galleria e una cappella. I valori eccezionali e l'architettura hanno contribuito all'iscrizione dell'Abbazia nella Lista del Patrimonio Mondiale dell' Unesco nel 1996, anno in cui ricorreva il millesimo anniversario della sua fondazione.

Tokaj
Nel nord-est dell'Ungheria, regione vinicola dal 1737 e patrimonio Unesco dal 2002, la storica viticoltura di Tokaj è caratterizzata da 3000 cantine che si estendono su un'area di 27 insediamenti, tra cui Mád e Tokaj stessa. Le persone interessate alla cultura del vino sono solite conoscere il famoso vino da dessert ungherese, il Tokaji Aszú. La regione ha ottenuto una protezione speciale nel 1737, quando un decreto reale l'ha dichiarata come denominazione chiusa - la prima regione vinicola al mondo con un titolo del genere. Tuttavia, questo comportava anche degli obblighi: la produzione di vino in questa regione è continuata per quasi tre secoli sotto una rigida regolamentazione.

La regione del Tokaj

Il Parco di Hortobagy

Il Parco Nazionale di Hortobágy
Il Parco Nazionale di Hortobágy è una dimostrazione di come l'uomo e la natura possano interagire in armonia. Hortobágy è un paesaggio culturale lavorato da una comunità di pastori, che applica sul territorio un tipo di operato tradizionale e rispettoso. È la più grande pianura erbosa naturale d'Europa, nonché il primo Parco Nazionale ungherese, nato dall'attività umana senza danneggiare le foreste.

Il Parco nazionale di Fertő-Hanság
Il lago Fertő è un bacino di importanza internazionale e una riserva della biosfera, oltre a essere il più grande lago salato d'Europa, con una superficie di 315 chilometri quadrati, diventando l'habitat naturale di molte specie vegetali e animali. Per questo motivo, nel 2001, il Comitato del Patrimonio Mondiale ha iscritto il lago Fertő, insieme agli insediamenti che lo circondano, nella Lista Unesco come paesaggio culturale. Quest'area ospita una ricca diversità di flora e fauna ed è stata modellata armoniosamente per otto millenni da gruppi ed etnie diverse.

Ferto

Ferto

La necropoli di Pécs
Sopianae - la città romana di Pécs - fu fondata all'inizio del II secolo e risulta Patrimonio Mondiale dal 2000 ed è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità nel 2013. Le tombe paleocristiane di Pécs sono il più grande complesso cimiteriale paleocristiano al di fuori dell'Italia antica e offrono un'affascinante visione della pratica funeraria e del liturgico di epoca tardo-romana. La necropoli di Pécs è un esempio straordinario e complesso di arte e architettura funebre paleocristiana nelle province romane settentrionali e occidentali.

La caverna Baradla-Domica ad Aggtelek
Le grotte di Aggtelek, situate vicino al confine con la Slovacchia, comprendono il sistema di grotte Baradla-Domica, lungo 26 chilometri, e la grotta Rákóczi n.1. La caverna più famosa del Carso Aggtelek e Slovacco è il sistema di grotte Baradla-Domica, la cui lunghezza totale, compresi i rami finora esplorati, è di 25 chilometri - il che la rende la grotta più lunga dell'Ungheria. L'ambiente sotterraneo è protetto e ospita oltre 500 animali che abitano le grotte. Numerose specie vivono esclusivamente in questa zona o sono state scoperte per la prima volta sul posto; tra cui 21 delle 28 specie di pipistrelli europei. Grazie all'eccezionale acustica della Grotta di Baradla, nella Sala dei Concerti si tengono occasionalmente concerti di musica classica per l'intrattenere i visitatori.

Aggtelek

 

I Macchiaioli a Gubbio

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...