PRAGA | Nel chiostro dell'Istituto Italiano di Cultura c’è "Viaggio in Italia”: alla scoperta delle regioni italiane

Stampa
images/stories/repCeca/Praga_IstitutoItalianoCultura.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   arte   mostra   Praga   giugno   luglio   regioni   2020   Istituto Italiano di Cultura   Viaggio in Italia  

Dal 26 giugno al 30 luglio il chiostro dell'Istituto Italiano di Cultura di Praga ospita la mostra “Viaggio in Italia”, concepita da Carlo Romeo, Alessio Liguori, Marco Pescetelli e Stefano Baldi come un percorso attraverso tutte le regioni italiane per mezzo di pannelli fotografici. Ciascun pannello presenta uno scatto a carattere paesaggistico, l'icona di un personaggio rappresentativo della regione, un prodotto enogastronomico e uno artigianale/industriale tipici del territorio.

 

(TurismoItaliaNews) Organizzano l'Ambasciata d'Italia e l'Istituto Italiano di Cultura nell'ambito del progetto #vivereallitaliana, il piano di promozione integrata promosso dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale con l'obiettivo di sostenere nel mondo le eccellenze del "Sistema Paese". L'Istituto Italiano di Cultura (Iic) di Praga è un organo ufficiale del Governo italiano - fa capo al ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - ed è parte di una rete mondiale di 83 Istituti Italiani di Cultura. L’Iic ha il compito istituzionale di promuovere e diffondere la lingua e la cultura italiana in Repubblica Ceca.

Nel chiostro dell'Istituto Italiano di Cultura di Praga c’è "Viaggio in Italia”: viaggio nelle regioni italiane

Fondato nel 1922 e inaugurato ufficialmente l’anno seguente, l’Istituto è diventato nel corso degli anni un importante centro di iniziative culturali: una scuola di lingua italiana, uno spazio espositivo, un luogo di incontro e di eventi quali conferenze, convegni, seminari, mostre, proiezioni, concerti e spettacoli. L’attuale sede dell’Istituto è un ampio complesso risalente alla fine del XVI secolo che comprende un chiostro e una cappella barocca dalla volta affrescata. L’edificio, appartenuto alla Congregazione Italiana, fu utilizzato dapprima come ospedale, poi come orfanotrofio, infine nel 1942, ceduto allo Stato italiano, ospitò la Casa d’Italia e da ultimo l’Istituto Italiano di Cultura.

In collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Praga, l'Istituto cura le relazioni e gli scambi culturali tra l’Italia e la Repubblica Ceca, secondo le linee generali stabilite dall’Accordo tra il Governo italiana e il Governo della Repubblica Ceca sulla cooperazione in materia di cultura, istruzione, scienza e tecnologia firmato nel 2011 e implementato mediante Programmi Esecutivi di validità quadriennale (l’ultimo dei quali stipulato nel 2016).

Per saperne di più

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...