CAMPOBASSO | Il Molise rilancia la sua vocazione al turismo con un portale dedicato e un costante marketing territoriale

Stampa
images/stories/molise/Molise02_PhVisitMolise.jpg

Aria, acqua, terra e mare raccontano di un territorio, quello molisano, che si evidenzia per bellezze paesaggistiche e architettoniche, ecosostenibilità, bassa antropizzazione. Un contesto fortemente attrattivo per il turismo nazionale e internazionale, ma ancora poco veicolato e per questo scarsamente fruito. Il Molise rilancia la sua immagine di eccellenza territoriale a 360 gradi. E nasce il nuovo portale turistico www.visitmolise.eu


(TurismoItaliaNews) Una “finestra” sul Molise per far conoscere la sua storia, l'arte e la cultura: è il nuovo portale turistico www.visitmolise.eu realizzato grazie al supporto tecnico e logistico di Molise Sviluppo che mette a disposizione anche una app per smartphone per guidare i turisti in 'marcia' nelle tappe di interesse storico, artistico ed enogastronomico. "Mi sono insediato da poche settimane – ha sottolineato il vice presidente della Giunta e assessore al Turismo, Vincenzo Cotugno - siamo ancora nella fase della ricognizione del lavoro che andrà fatto nell'immediato futuro, ma posso già dire che c'è il clima giusto per arrivare a traguardi ambiziosi. Ci sono tutte le condizioni per fare un ottimo lavoro facendo parte di una squadra di governo che predilige la massima condivisione istituzionale e per questo non posso che ringraziare il presidente della Regione, Donato Toma”.

Un tema che lo stesso presidente ha voluto porre in evidenza in occasione della presentazione dei progetti “Innocultour - Intercultural Molise" e "Fost Inno" e degli eventi che nei giorni scorsi hanno toccato Campobasso, Petrella, Montagano e Matrice: “Abbiamo la necessità di farci conoscere, metterci in rete, promuovere azioni costanti di marketing territoriale, affidarci a tour operator qualificati, puntare sul turismo della montagna e del mare, su quello culturale, religioso ed enogastronomico, sui borghi, operazioni essenziali per farci uscire dall'anonimato e per porre nel modo giusto il Molise all'attenzione di una domanda turistica allargata. I requisiti ci sono tutti, dobbiamo crederci e lavorarci, mettendo in campo strumenti validi ed efficaci” ha detto Donato Toma.

In pratica si vuol intraprendere un nuovo percorso per la valorizzazione dei nostri beni culturali e per la costruzione di un turismo competitivo e redditizio. Visite guidate ai luoghi della storia e della cristianità molisana, meeting, workshop, tavoli tematici, musica, gastronomia sono gli ingredienti principali di un'agenda di lavoro frutto di progetti di cooperazione territoriale europea e di dialogo interreligioso.

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...