Il Cammino del Po, dal Monviso alla foce del grande fiume: un percorso/progetto adatto a tutti attraverso 4 regioni

images/stories/varie_2021/CamminoDelPo_Viadana.jpg

 

Un percorso di oltre 600 km sulle rive del Grande Fiume, che parte da Pian del Re e termina a Pila: è il Cammino del Po, dal Monviso alla foce del fiume Po, attraverso quattro aree, che rimandano alle fasi evolutive del corso d'acqua: la nascita (da Pian del Re, Cuneo, a Torino), lo sviluppo (da Torino a Cremona), la maturità (da Cremona a Ferrara) e la trasformazione (da Ferrara a Pila, Rovigo). Il percorso, che attraversa Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, può essere affrontato a piedi, in bicicletta e in carrozzina.

 

(TurismoItaliaNews) Il Cammino del Po è stato progettato dall'associazione sportiva dilettantistica “Il Cammino del Po – Aps, grazie al sostegno di Pomì, Bacchi Spa, Quixa, Panguaneta Spa, Stabili Srl e Trasporti Pesanti Srl, al contributo della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona e alla collaborazione di Anmic Cremona. Si tratta di un'idea progettuale alla portata di tutti: singoli camminatori più o meno esperti, famiglie con bambini, gruppi di giovani, anziani e persone diversamente abili. Il territorio pianeggiante sul quale si articola rende particolarmente idonea la sua percorribilità ad una platea variegata e composita, non ponendo i vincoli di accessibilità che, spesso, collina e montagna comportano.

Casalmaggiore

Gualtieri

Vaia e DevicentiL'idea alla base di questo progetto è quella di anteporre le esigenze dei camminatori "non professionisti", anche a mobilità ridotta, rispetto a quelle dei camminatori ormai esperti. Il percorso si connota per itinerari particolarmente suggestivi, ispirati ai percorsi naturalistici tipici del Grande Fiume. Il Cammino del Po è dunque un progetto che utilizza il "camminare" come strumento per veicolare numerosi messaggi in linea con il programma di azione per lo sviluppo sostenibile di Agenda 2030. Si va dalla riscoperta del valore aggiunto della pratica sportiva non agonistica e di uno stile di vita sano e rispettoso del rapporto tra uomo e ambiente; alla progettazione di un percorso a tappe inclusivo ovvero adatto ad ogni età e progettato anche per i bambini e persone diversamente abili.

Non solo: la proposta di un "prodotto" turistico sostenibile e di prossimità, quindi in armonia con l'ambiente, la comunità e le culture locali; la valorizzazione del territorio bagnato dal Po con le sue tradizioni, la sua storia e il suo patrimonio artistico; l'adozione di un approccio metodologico che parte dal basso coinvolgendo la comunità locale attraversata dal tracciato per valorizzarne le competenze, i servizi (pubblici e del privato sociale) e le attività commerciali affinché anche i residenti ne siano beneficiari. Ultima, ma non ultima, la consapevolezza che per raggiungere gli obiettivi che ci si prefigge servono impegno, studio, fatica, passione, divertimento in giusta dose e che i propri limiti possono essere trasformati in straordinari punti di forza... come Andrea Devicenzi, atleta paralimpico - mental coach e membro del gruppo di lavoro, testimonia quotidianamente.

Parco della Golena del Po, Casalmaggiore

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...