Piazza San Marco si illumina con le cascate d'oro di Fabrizio Plessi, la nuova installazione sulla facciata del Museo Correr

http://www.turismoitalianews.it/images/stories/varie_2020/Venezia_CascateOro01.jpg

Fino al 15 novembre le finestre del Museo Correr, in Piazza San Marco a Venezia, si trasformano in una scenografia di cascate d'oro, accompagnate dalle note del compositore Michael Nyman. E' la nuova installazione dell'artista Fabrizio Plessi intitolata "L'Età dell'Oro”. Nel gioco, fluido, di luci e musica sulla facciata apparirà la scritta Pax Tibi, l'incipit della locuzione stampata sul Vangelo che il leone veneziano tiene tra le zampe.

 

(TurismoItaliaNews) "Ritorno a Venezia con una mia installazione a distanza di vent'anni, è un sogno che si realizza - ha spiegato Plessi, uno dei pionieri della videoarte in Italia e il primo ad aver utilizzato il monitor televisivo come un vero e proprio materiale, dentro cui a scorrere è un flusso inarrestabile di acqua e fuoco, digitale - sono arrivato qui all'età di 14 anni dall'Emilia, questa città è diventata la grammatica del mio lavoro. Fluida, elastica e mobile ha inciso sul mio essere, Venezia non è una città ma uno stato d'animo fondamentale per la mia vita. Nelle cascate d'oro rivedo i grandi mosaici di Venezia che si liquefanno, sono un dialogo tra futuro e passato: la tecnologia dell'installazione davanti alla sacralità della Basilica di San Marco".

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro con Fabrizio Plessi

Venezia: Piazza San Marco si illumina con le cascate d'oro di Fabrizio Plessi, la nuova installazione sulla facciata del Museo Correr

Protagonista della nuova installazione è la brillantezza del materiale nobile: "L'oro a Venezia è simbolo - spiega la Fondazione Musei civici veneziani - è anche sapienza artigiana di indoratore, che Fabrizio Plessi traduce in un flusso digitale contemporaneo, a saldare come sempre l'apparente opposizione fra elementi primordiali e tecnologie, natura e artificio, tradizione e futuro". "Per noi è una giornata importante perché presentiamo il primo evento che segna la ripresa dopo l'acqua alta dello scorso novembre - ha spiegato Mariacristina Gribaudi, presidente della Fondazione dei Musei Civici di Venezia - Quella di Plessi è una installazione importante, ma anche coraggiosa perché riletta, ripensata e modificata durante il periodo dell'emergenza, un momento di cambiamento che ha toccato tutti noi. E' quasi un segno del destino ripartire da Plessi che proprio qui, vent'anni fa, presentò la sua installazione di successo "Waterfire" e anche in quell'occasione in una piazza San Marco colpita dall'acqua alta. E' un nuovo inizio che dà un segnale forte a Venezia, città eterna, con un sano ottimismo e quello spirito di resilienza che noi italiani conosciamo bene".

"Venezia è una città che può aiutare gli artisti a trovare la loro strada - ha aggiunto Gabriella Belli, direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia. - Fabrizio Plessi, pur presente 14 volte alla Biennale, ha costruito la sua fortuna lontano da Venezia, con la sua grande capacità di creare contatti e confronti per poi trovare l'ispirazione per le sue opere. Il suo ritorno a Venezia nel 2020, con la presentazione della nuova installazione, è un riconoscimento per il suo importante percorso storico e artistico costruito con lo studio e fondato sulla costante progettualità".

Venezia: Piazza San Marco si illumina con le cascate d'oro di Fabrizio Plessi, la nuova installazione sulla facciata del Museo Correr

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...