Single e bello, svetta solitario nelle pianure della Tanzania: ecco il Kilimangiaro, la più alta montagna d'Africa

images/stories/tour_operator/Tanzania_Viaggiaconcarlo02.jpg

Con la testa fra le nuvole e i piedi immersi nella savana: ecco il Kilimangiaro, la più alta montagna d'Africa. In Tanzania è una vera full immersion nella natura…

 

(TurismoItaliaNews) Le origini del suo nome sono misteriose e le teorie al riguardo sono plausibili, ma tutt'altro che confermate: c'è chi sostiene che il nome Kilimangiaro abbia radici swahili e nasca dall'unione delle parole kilima (collina, piccola montagna) e njaro, che dovrebbe significare bianco o splendente, mentre altri ritengono che sia una parola esistente nella lingua dei Chagga -Kilemakyaro - che potrebbe significare "viaggio impossibile".

Il mistero che avvolge il nome non fa che alimentare il fascino di questo cono roccioso dalla cima imbiancata, che vanta anche un curioso primato: è la montagna solitaria più alta del mondo. Ma il Kilimangiaro, oltre ad essere una delle mete predilette dagli appassionati di trekking e di alpinismo, rappresenta anche un unicum dal punto di vista naturalistico: è infatti situato nella zona equatoriale africana (la linea dell'Equatore passa a soli 300 km a nord) e a meno di 300 km dal mare, posizione che garantisce un clima molto particolare; le pendici della montagna, che raggiunge quasi i 6.000 metri di altezza, ospitano pressoché tutte le fasce climatiche e di vegetazione esistenti sul pianeta: l'altipiano su cui si innesta il Kilimangiaro è occupato da steppe e savane, la zona compresa fra la base e i 1.000 metri è coperta da una fitta foresta equatoriale, con un rigoglioso e umido sottobosco a liane. Salendo, i boschi si fanno meno fìtti e, attorno ai 3.000 metri, si incontrano le praterie alpine, punteggiate di eriche e ginepri.

Oltre i 4.000 metri e fino ai 4.700 circa, le condizioni climatiche sempre più proibitive e solo i licheni sono in grado di sopravvivere; sulla sommità, a 5.895 metri sul livello del mare, si trovano solo nevi perenni e ghiacciai. La presenza - o l'assenza - di alcuni animali caratterizza ciascuna delle fasce climatiche: nella zona delle falde, alla base della montagna, non è raro avvistare elefanti, bufali neri e leopardi; salendo verso il territorio coperto da foresta pluviale si incontrano invece moltissimi primati: il babbuino, il cercopiteco, il colobo orsino, la guereza e alcune specie di galago. Al di sopra della linea degli alberi, nelle praterie alpine, le protagoniste indiscusse sono invece le agili antilopi, l'antilope alcina e l'antilope di Abbot in particolare, insieme a numerose specie di roditori, come la procavia arboricola.

Anche il cielo sopra il Kilimangiaro è densamente abitato: sono state censite circa 180 specie di uccelli, fra cui il gipeto, la sassicola di Erlanger, il beccamoschino di Hunter, la nettarinia malachite di Johnston e il corvo collobianco, che vivono perlopiù nella zona coperta da foresta pluviale; l'habitat e le condizioni climatiche molto particolari consentono anche la sopravvivenza di specie che non si trovano da nessun'altra parte: dimorano qui lo storno di Abbot e anche due farfalle, la Papilio sjoestedti, nota anche come Kilimanjaro swallowtail, e la sua sottospecie di colore nero, la Papilio sjoestedti, introvabili altrove. A pochi chilometri, ai piedi di questo grande vulcano silente, si trovano tre dei più amati parchi d'Africa: Lake Manyara Park, il cratere di Ngorongoro e il Serengeti.

Bastano questi nomi ad evocare grandi pianure in cui si muovono mandrie di zebre e gnu, elefanti e leoni, bufali, iene e sciacalli, ippopotami, babbuini, ghepardi, interi stormi di fenicotteri rosa, nonché alcuni animali piuttosto rari, come i rinoceronti neri, e i leopardi, mollemente adagiati, come grandi gatti, sui rami degli alberi. Predatori e prede, fianco a fianco, in lotta per la sopravvivenza: l'Africa allo stato più puro.

Il tour operator Viaggiaconcarlo propone un tour di 4 giorni ad agosto 2017 incentrato proprio sulla vetta africana. La partenza è fissata per l’11 agosto 2017 con quote a partire da 4.165 euro, volo incluso.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...