Viaggio nella grande bellezza italiana: da Candelo a Siracusa, da Venafro a Riccione, ecco le testimonial del turismo 2022

https://www.turismoitalianews.it/images/stories/sicilia/SiracusaAnfiteatro.jpg

 

Eugenio Serlupini, Roma

C’è il borgo medievale fortificato, con le Alpi biellesi sullo sfondo. E poi uno scorcio del Castello Maniace che si affaccia imperioso sul Mar Ionio. Si prosegue con il Castello Pandone e un particolare del Parco Regionale Storico dell’Olivo. Infine la famosissima spiaggia con la cittadina romagnola sullo sfondo. Dove si trova tutto questo? Candelo, Siracusa, Venafro e Riccione, i quattro gioielli del Belpaese scelti dall’Italia per essere immortalati sui quattro francobolli dedicati alla serie Turistica 2022, in circolazione dal 22 novembre.

 

(TurismoItaliaNews) Arrivano in pieno inverno i quattro francobolli turistici che l’Italia ogni anno dedica a località del Belpaese, più o meno note, a cui affidare l’immagine di accoglienza ed attrattività dello Stivale, rigorosamente da nord a sud. Dunque per il 2022 la scelta è caduta su Riccione, Candelo, Siracusa, Venafro, alle quali è dedicato un dentello postale stampato dall’Ipzs di Roma in duecentocinquantamiladodici esemplari per ciascuno; il valore è quello della tariffa B pari a 1,20 euro. I bozzetti sono opera di Tiziana Trinca per il francobollo dedicato a Riccione; Simone Emma per Candelo; Maria Carmela Perrini per Siracusa; e Giustina Milite per Venafro. Bozzetti che seguono la tradizionale impostazione grafica. Ma vediamo dunque nel dettaglio i pregi di ciascuna località.

Candelo, Siracusa, Venafro e Riccione, i quattro gioielli del Belpaese scelti dall’Italia per essere immortalati sui quattro francobolli dedicati alla serie Turistica 2022, in circolazione dal 22 novembre

Candelo

Candelo
Un borgo medievale straordinario abbracciato dalle Alpi Biellesi, un paesaggio colorato dalla storia, dalle pietre, dai mattoni e dal verde brillante della natura: “Candelo e il suo Ricetto meritano di essere conosciuti e amati da tutti, perché la vera bellezza, quella che sa emozionare, va condivisa – sottolinea il sindaco Paolo Gelone - di emozioni questo splendido borgo ne regala tante: scoprire Candelo è come fare un salto nel passato, è come intraprendere un viaggio indietro nel tempo che lascia a bocca aperta chi è alla ricerca di autenticità e di cultura. E durante gli eventi il borgo si anima di vita, colori, fiori, sapori. Vi invito quindi in Piemonte, terra di tradizioni ed enogastronomia, e ancor più nel nostro Biellese, che vuole dimostrarsi unito, accogliente e caldo come la lana, una delle eccellenze di questo territorio”.

La verità è che l’Italia è un caleidoscopico scrigno di meraviglie, e tra esse il Ricetto sempre di più saprà risplendere come una delle gemme più preziose.

Riccione

Riccione

Riccione
Il 2022 è un anno molto importante per Riccione.  Il 19 ottobre la città ha celebrato il compleanno più atteso da sempre, i 100 anni dalla nascita come Comune autonomo, sancita in data 19 ottobre 1922 con Regio Decreto n.1439. “Per noi questo anno non è solo un doveroso momento di celebrazione, ma soprattutto è l’occasione di ripensare e rinascere dopo questi ultimi anni difficili – ammette Daniela Angelini, sindaca di Riccione- la sua gente, i suoi operatori hanno sempre dimostrato, nonostante le difficoltà, tutta la straordinaria capacità di accogliere turisti senza perdere mai l’entusiasmo che l’ha resa nei suoi primi 100 anni di storia, una meta ambita e allo stesso tempo consueta, di tendenza ma rassicurante. Riccione è una località di mare che dalle sue origini è stata capace di anticipare ed interpretare i mutamenti economici, sociali e di costume della società italiana meritandosi l'indiscusso titolo di Perla Verde dell’Adriatico”.

Una realtà che facendo leva sulla dedizione al lavoro dei suoi cittadini (sempre accoglienti ed ospitali con i turisti) ha raggiunto la celebrità a livello nazionale ed internazionale; celebrità che, ogni anno, rende Riccione la meta ideale per migliaia di turisti che vogliono vivere la vacanza ognuno secondo il proprio gusto e stile. È questo un altro segreto del successo della nostra città: essere un luogo accessibile a tutti, fruibile in diversi modi (di giorno o di notte, in spiaggia o facendo sport, ballando o riposandosi). “Ma quello che più caratterizza Riccione – aggiunge la prima cittadina - è la sua capacità di intercettare le tendenze ed i cambiamenti restando, costantemente, un punto di riferimento. Tutta la sua storia è intessuta dalla cultura dell'ospitalità, fin dall'inizio del secolo scorso. Riccione ha saputo reinterpretare con professionalità il proprio ruolo di Perla delle vacanze, creando innovazione attraverso il servizio. Oggi Riccione è una delle principali località turistiche della Riviera Romagnola. Grazie agli operatori del settore turismo vantiamo standard qualitativi ai massimi livelli, anche per andare incontro alle sempre maggiori esigenze dei turisti”.

Siracusa

Siracusa

Siracusa
Il Castello Maniace, o Federiciano, è la testimonianza più grande e potente della presenza di Federico II e della sua meravigliosa Corte a Siracusa. Fu costruito tra il 1232 e il 1240: a pianta quadrata, è chiuso da un poderoso muro perimetrale con quattro torri cilindriche agli angoli. Il nome risale al generale bizantino Giorgio Maniace, che nel 1038 riconquistò la città dagli Arabi. “L’ingresso – spiega il sindaco Francesco Italia - è segnato da un portale marmoreo a struttura ogivale. Sopra l’arco, nel 1614, fu posto lo stemma spagnolo; ai lati del portale, due nicchie erano destinate a contenere, su mensole aggettanti, due arieti di bronzo, di cui uno solo superstite è custodito al Museo Salinas di Palermo. È stata pienamente restituita la grande bellezza della Sala Ipostila straordinariamente suggestiva”.

Ma Siracusa è anche città di Acqua e di Luce. E’la capitale politica, spirituale, culturale e religiosa della Grecia d’Occidente. Caratterizzata da una identità dinamica, essenza del “pensare greco”, è inseparabile dalla fluidità del mare smagliante che la circonda. “Siracusa rappresenta una stratificazione storica e culturale unica al mondo – aggiunge il primo cittadino - patrimonio Unesco dal 2005 e Capitale del Teatro Classico e della Tragedia, dal 1913 rappresentata nel suo smagliante Teatro Greco del V Secolo a.C.”.

Venafro

Venafro

Venafro
La leggenda narra che Venafro fu fondata da Diomede nel XII secolo a.C., ma il primo insediamento urbano è del V secolo a.C. in epoca sannitica. “Da allora ha sviluppato nel tempo una storia che la rende un unicum di arte e cultura. In città vi sono importanti musei – tiene a dire Alfredo Ricci, sindaco di Venafro - nel Museo Archeologico di Santa Chiara è possibile ammirare, tra l’altro, la statua della Venere, gli scacchi più antichi d’Europa, la Tavola Acquaria di Augusto, le statue di Augusto e Tiberio, e tanti altri tesori dell’archeologia locale. Il Castello Pandone, sede del Museo Nazionale, si caratterizza al piano nobile per i cavalli a dimensione reale fatti affrescare dal Conte Enrico tra il 1521 e il 1527, mentre al secondo piano ospita un’importante pinacoteca. Attraversando le varie epoche storiche, troviamo l’anfiteatro romano, i resti del teatro romano, le mura ciclopiche poligonali, il centro storico medievale, con le numerose chiese, molte piene di opere d’arte (tra tutte la Cattedrale e l’Annunziata), i palazzi gentilizi”.

E ancora la torre medievale o Palazzo Caracciolo; il santuario dei Santi Nicandro, Marciano e Daria, patroni della città, con il convento dei frati cappuccini, dove nel 1911 il giovane  Padre Pio da Pietrelcina ebbe le prime visioni ed estasi; la Palazzina Liberty, che si specchia nelle acque sorgive del laghetto. La cultura dell'olio continua a vivere nel Parco dell'Olivo, che custodisce gli uliveti secolari, in uno splendido contesto storico-paesaggistico, dal 2018 iscritto nel Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali Storici d’Italia. Tutto ciò offre al visitatore uno spettacolo di straordinaria bellezza, scrigno di arte, cultura e paesaggio tutto da scoprire.

 

Nel Castello di Venafro i cavalli tridimensionali a grandezza naturale del Conte Pandone: passione e bellezza di cinque secoli fa

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...